ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Spazi Indipendenti

mostra Spazio In Situ Svuota Magazzino
mostra Spazio In Situ Svuota Magazzino
mostra Spazio In Situ Svuota Magazzino
mostra Spazio In Situ Svuota Magazzino

SVUOTAMAGAZZINO//open studio

arte contempranea

Spazio In Situ   dal 01/04/21

La situazione essendo quella che è, lasciando poco spazio alle aspirazioni espositive che Spazio In Situ aveva programmato, fa sì che la realtà romana si adatti, presentando opere immagazzinate durante gli anni. Il pubblico è invitato a riscoprire momenti chiave della storia di Spazio In Situ, con opere presentate in varie occasioni. Una non-mostra che permette, come mai in precedenza, di capire le varie sfaccettature dell’identità unica di questo spazio, tramite i lavori di ogni membro che lo compone, una piccola parentesi, forzata dalla situazione pandemica, prima di ripartire sulla linea guida dell’artist run space di Tor Bella Monaca. Una linea aperta sull’Italia quanto sull’estero con delle mostre che mettono in dialogo artisti nazionali e stranieri, degli scambi con altre realtà come TILT (Losanna). Un futuro anche dedicato a giovani curatori, a riviste indipendenti con la presentazione di ISIT magazine e un’apertura sulle nuove generazioni d’artisti, con vari bandi come “Inside the Frame” e “32,5m3”, project space messo a disposizione di laureandi e neo-laureati di tutta Europa. Un programma complesso e completo, studiato e preparato con rigore e serietà, tentando di sfruttare questi momenti difficili, per fare un ennesimo salto di qualità, confermando In Situ come realtà ben integrata sulla scena romana ed internazionale.   Dettagli       Intervista     Spazio In Situ

Mostre d'arte contemporanea in spazi indipendenti

mostra albumarte iuliaghita

12/04/2021 - 26/04/2021Arte contemporanea

Iulia Ghi??. HE FAILED TO SAVE THE ONE HE LOVED MOST

Esattamente un anno fa AlbumArte diramava il comunicato di una mostra che il primo lock down avrebbe costretto poi a cancellare, relegandola nell’etere dei progetti sospesi. Il lavoro di Iulia Ghi?? non si è però interrotto, bensì ha rafforzato le sue domande e arricchito la possibilità delle sue risposte, approfondendo temi e argomenti in nuce al lavoro stesso, rendendoli particolarmente aderenti alle riflessioni scaturite in questo tempo difficile e dilatato. Così scrivevamo, inconsapevoli della tempesta che si sarebbe abbattuta di lì a poco sul genere umano: “il lavoro di Iulia Ghi?? ha un forte carattere installativo, anche quando impiega il disegno e la pittura, così come la fotografia e il video. L’artista è interessata al rapporto/conflitto/tensione che si innesca tra il limite della misura umana e il tentativo di dare una forma finita a cose incomprensibili.”
  dettagli

mostra lalinea cartolina

dal 08/04/2021Arte contemporanea

C'era una volta la cartolina o forse ancora c'è

Cartolina, termine che deriva dal latino charta, non è altro che un ritaglio di carta più o meno spessa e di forma rettangolare che se affrancata viene utilizzata per la corrispondenza. In questo inizio secolo e millennio, in cui fa da re la comunicazione digitale, un messaggio scritto assume, paradossalmente, un valore nuovo. Dopo l’inaugurazione e il periodo di esposizione le cartoline verranno imbucate dall’Associazione alle cassette postali e spedite all’indirizzo scritto dall’artista.
  dettagli

mostra mesiaspace jacopobenci

06/04/2021 - 30/04/2021Arte contemporanea

Rizomi (carta inesatta di un lavoro, 1981-2021) Jacopo Benci

Jacopo Benci aderisce al progetto “Connessioni” portando a Mesia Space la sua pratica di studio. Senza obiettivo predeterminato, e procedendo in maniera rizomatica, l'artista tesserà connessioni fra materiali, forme, pensieri sedimentati nell’arco di quattro decenni, interagendo – materialmente e virtualmente – con l'ambiente e con coloro che lo attraverseranno. Come scrivevano nel 1976 Gilles Deleuze e Félix Guattari: «qualsiasi punto del rizoma può essere collegato con qualunque altro, e deve esserlo. È molto diverso dall’albero o dalla radice che fissano un punto, un ordine. [...] Nel rizoma non esistono punti e posizioni simili a quelle che si trovano in una struttura, un albero, una radice. [...] il rizoma [è] carta e non calco. [...] Se la carta si oppone al calco, è perché interamente rivolta verso una sperimentazione in presa sul reale. [...] La carta è aperta, è collegabile in tutte le sue dimensioni, smontabile, ribaltabile, suscettibile di ricevere modificazioni costanti. [...] Si può disegnarla su un muro, concepirla come un’opera d’arte, costruirla come un’azione politica o come una meditazione. [...] ci vogliono assolutamente espressioni inesatte per designare qualcosa esattamente. [...] l’inesattezza non è per niente un’approssimazione, al contrario, è la proiezione esatta di quanto è in divenire” [Gilles Deleuze e Félix Guattari, “Rizoma. Introduzione”, Parma: Pratiche, 1977, pp. 27, 30, 39, 40, 54-55].
  dettagli

mural tufello gigilucamaleonte

Arte contemporanea

“D’après Gigi” Lucamaleonte

"D’après Gigi" è il titolo dell’opera che Lucamaleonte ha realizzato per omaggiare il grande #GigiProietti sulla facciata di una palazzina dell’ATER, nel cuore del Tufello a Roma, abitazione in cui l'attore ha trascorso la sua infanzia.
  dettagli Articolo Articolo

mostra spacetorpignattare muralesherbarium

dal 12/06/2019Arte contemporanea

Murales Herbarium

SPACE Tor Pignattara è un progetto realizzato da Wunderkammern, Melting Pro ed Ecomuseo Casilino vincitori del bando “Prendi Parte! Agire e pensare creativo” ideato dalla DGAAP del Ministero dei Beni Culturali per promuovere l’inclusione culturale dei giovani delle aree caratterizzate da situazioni di marginalità economica e sociale.
Murales realizzato nell'ambito del progetto Space Tor Pignattara da un team di giovani creativi guidati dallo street artist TELLAS.
  dettagli

Contemporary Cluster 15/04/2021 - 

mostra contemporarycluster leonardocrudi

Leonardo Crudi: Cinepugno

La mostra si configura come evento conclusivo di Cinema, progetto di street art dedicato ai film underground italiani degli anni ’60 e ‘70, che Crudi ha realizzato sui muri di Roma nel corso degli ultimi anni. A partire dalla fine del 2017, egli ha affisso in giro per la capitale manifesti disegnati e dipinti a mano dedicati principalmente ai quei film per i quali non sono mai state realizzate locandine promozionali, in quanto rimasti fuori dal grande circuito della distribuzione. Crudi si è quindi impegnato a dare “un volto” a pellicole di nicchia, conosciute solo dagli intenditori, che rischiano di finire nel dimenticatoio. I suoi manifesti affissi in strada fungono da cinepugni che colpiscono con colori accesi e ardite composizioni geometriche i passanti con lo scopo di spingerli a guardare i film rappresentati. Con i suoi poster egli porta avanti una “propaganda artistica” volta a suscitare la riscoperta di opere, personaggi e storie rimasti ai margini della grande narrazione culturale ufficiale.  dettagli

Lab174 10/04/2021 - 10/05/2021

mostra lab174 blueleader

Blue Leader

Dopo il successo di Napoli, arriva a Roma da LAB174, grazie alla partnership con Gruppo Marino - factory, il progetto "Blue Leader". Rendiamo accessibile l'arte anche in zona arancione, in veste di galleria d'arte, con la proposta artistica del collettivo Crew1989, la cui re-interpretazione pittorica di ritratti fotografici genera interessantissime dicotomie date da accostamenti arditi. Il blu e il giallo dominano sui supporti di grandi dimensioni in una eccezionale esperienza visiva. La mostra si sviluppa dal piano strada, a ingresso libero.  dettagli

CURVA PURA 07/04/2021 - 

mostra curvapura samanthapassaniti

Samantha Passaniti - Confidence in the uncertain

Curva Pura, in pieno rispetto delle limitazioni da Covid 19, è lieta di riaprire le sue porte con la mostra personale di Samantha Passaniti, giovane artista toscana, che in “Confidence in the uncertain”, a cura di Giorgia Basili, presenta i suoi ultimi lavori, a cavallo tra scultura e installazione site specific. La galleria abbraccia con la sua mostra il tema della "sospensione metafisica", indagando i delicati rapporti tra armonia e disarmonia, tra forza e fragilità. Un bianco diafano caratterizza la maggior parte delle opere presentate da Curva Pura in un allestimento immersivo, dialogante con lo spazio e circolare nella costruzione del rapporto tra vuoti e pieni. Passaniti nel presentare la sua visione e il suo approccio artistico scrive: “Viviamo affannandoci nell'illusione di controllare l'esistenza che invece è in continua evoluzione, imprevedibile e fragile come lo è tutto ciò che riguarda il mondo naturale: siamo come piante, come qualcosa che nonostante la sua fragilità possiede un particolare valore perché inseparabile dalla sua intrinseca debolezza. E così, impariamo ad avere fiducia nell'incerto, a nuotarci dentro perché in quei luoghi si può scorgere bellezza“.  dettagli Samantha Passaniti Samantha Passaniti

CURVA PURA 19/02/2021 - 

mostra curvapura longdistance

Long Distance - Azzedine Saleck

Curva Pura è lieta di inaugurare la mostra site specific Long Distance, un progetto dell’artista Azzedine Saleck, con le sue nuove opere realizzate a Roma, accompagnate da un poema di Audrey Gutman ed una lettera di Giuseppe Armogida. L’esposizione con cinque grandi opere concettualizzate e realizzate per entrare in dialettica con lo Spazio Curva Pura, offre uno scorcio sulla sua attuale ricerca artistica che individua nella distanza il punto di partenza per capire i tempi attuali, le migrazioni, il senso di appartenenza e il viaggio. Azzedine Saleck è un poeta e un artista che attualmente vive tra Parigi e Roma. Di origini mauritane e americane, cresciuto in Francia, Saleck coglie la complessità delle influenze culturali frammentate nell’ intersezione tra lingua e forma. La sua ricerca si concretizza in sculture basate sul linguaggio e la progettazione di spazi che creano intimità e risposte emotive. I riferimenti dislocanti (Litany, 2016), la ricreazione di spazi e habitat immaginari di Saleck si riferiscono e inducono comportamenti ritualistici.  dettagli Azzedine Saleck Azzedine Saleck

Contemporary Cluster 11/02/2021 - 

mostra contemporarycluster 06

06 - Opening Exhibition

06 nasce dal desiderio di elogiare la città eterna e le sue manifestazioni artistiche, giocando simbolicamente con la semantica dei numeri, lo zero e il sei, come il prefisso telefonico di Roma che racchiude in sé i sei artisti in mostra. Una coppia di numeri capace di aderire alla praticità di un codice immediatamente riconducibile alla Capitale, incarnato dalle differenti visioni o dagli sguardi offerti alla città, arricchendo il variegato quadro dell’immaginario urbano. Sei personalità tra le più influenti della loro generazione e simbolo di una scuola romana nel momento più rappresentativo di un fenomeno fortemente ancorato al tessuto della città, ma prima di tutto sei esperienze diverse ma affini, sei spaccati di vita che rappresentano Roma, uniti da un linguaggio capace di renderla contemporanea e di creare una narrazione unica del territorio. Dalla periferia al centro, ogni luogo sembra essere lo spazio ideale per iconografie e miti urbani che per l’occasione confluiscono tutti in un unico centro: il Contemporary Cluster.  dettagli

Spazio Y  - 

mostra spazioy primanecessita

PRIMA NECESSITÀ / BASIC NECESSITIES

Nuovo progetto collaborativo che intende riflettere sul concetto di prima necessità e di utilità, rivendicando l’esigenza di espressione personale e l’atto artistico come condizione umana imprescindibile. Alla luce del recente stravolgimento del concetto di libertà individuale, che ha modificato i modelli di gestione della socialità e del consumo, vogliamo interrogarci su cosa voglia dire prima necessità e su come questa prospettiva influenzi la ricerca degli artisti in questo momento. L’intento è quello di esplorare nuove modalità espressive in risposta a questo periodo, intraprendendo delle azioni nelle quali l’autonomia delle opere e degli artisti non forniscano soluzioni univoche, ma mostrino nuove angolazioni, differenti possibilità e derive inaspettate.  dettagli

Roberto Di Costanzo Atelier 22/10/2020 - 

mostra dicostanzoatelier arebous

"À REBOURS - CONTROCORRENTE Viaggio Antologico nel Disegno di Roberto Di Costanzo"

Una vera e propria esposizione antologica, di oltre cento opere, che celebra il suo percorso artistico, ormai quindicennale, un viaggio nell’arte e nella cultura visiva legata ai suoi numerosi viaggi ed incontri con grandi maestri del cinema e della moda, del mondo editoriale e dell’insegnamento accademico. Vernissage giovedì 22 ottobre dalle ore 18.00 alle ore 21.00, solo su appuntamento, ad ingresso contingentato, mascherina obbligatoria.  dettagli

MAAM - Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz 19/09/2020 - 

mostra maam ouirevolution

OUI a la Révolution

Mostra di Stampe ed esperimenti Grafici Inediti firmati e numerati dai mondi della StreetArt, FineArt, Autoproduzione con Tecniche Inedite e Nuovo Mercato dell'Arte. Laboratorio Serigrafico Aperto dove gli Artisti stessi creeranno LIVE Serigrafie a documento dell'Evento nel Museo piu' discusso del Millennio e prepareranno Affiches per comunicare alla Città.  dettagli