ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Archeologia e Documentarie

1932, l’elefante e il colle perduto


documentaria

Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali dal 08/04/2022 al 02/10/2022

Una selezione di circa 100 opere, tra reperti archelogici, progetti grafici, oggetti d’arte e video, alcuni esposti per la prima volta, racconta la storia della perduta Velia e del “suo” elefante. A 90 anni dalla scoperta, sono stati restaurati i resti fossili di elefante (Elephas antiquus) trovati alla base della collina Velia. L’intervento ha costituito l’occasione per proporre un insieme di opere, che gettano luce su un settore dell’area archeologica centrale interessato negli anni Trenta del Novecento da distruzioni e trasformazioni urbanistiche profonde. Un centinaio di queste opere, tra cui reperti archeologici, progetti grafici e opere d’arte, interamente provenienti dalle collezioni capitoline, alcuni dei quali identificati in occasione di recenti ricerche ed esposti al pubblico per la prima volta, compongono questa mostra. In soli due anni, tra 1931 e 1932, fu sbancato nel cuore di Roma un colle, la Velia, che si estendeva tra le pendici dell’Oppio e le propaggini del Palatino, separando l’area dei Fori Imperiali dal Colosseo. L’intervento da un lato risolveva la necessità di collegare piazza Venezia, via Cavour e i nuovi rioni del Celio e dell’Esquilino, dall’altro consentiva la realizzazione di una strada monumentale e scenografica da piazza Venezia al Colosseo. Si trattava di una passeggiata unica al mondo fiancheggiata dai monumenti della città antica che si andavano recuperando con le demolizioni del Quartiere Alessandrino, in atto dal 1924. La nuova arteria cittadina, che prese il nome di via dell’Impero (l’attuale via dei Fori Imperiali), fu inaugurata il 28 ottobre 1932 in occasione della celebrazione del decennale della Marcia su Roma, divenendo da quel momento luogo privilegiato delle parate e dei riti del regime.   dettagli

Documentaria

mostra auditoriumconciliazione ifavolosianni

28/09/2022 - 20/11/2022

I Favolosi anni 60 e 70 a Milano

DocumentariaLa mostra è promossa dalla Fondazione Terzo Pilastro - Internazionale, presieduta dal Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele, ed è realizzata da Poema in collaborazione con l’Auditorium Conciliazione. Saranno esposte più di trenta opere dei maggiori protagonisti dell’arte a Milano di quegli anni, riletta con attenzione nella sua complessità e nelle sue diverse tendenze e declinazioni. La mostra sarà divisa in quattro sezioni, in una panoramica accurata e rigorosa che metterà bene in evidenza le compresenze, le divergenze, le commistioni e le comunanze di sguardi di un periodo di grande e felice creatività. La volontà, infatti, è quella di dare vita a un dialogo tra Roma e Milano, in un omaggio e uno scambio di sollecitazioni tra i due grandi poli dell’arte in Italia negli anni del boom economico e della rinascita dell’Italia.  dettagli

mostra chiesasanvincenzotivoli ricostruireilperduto

24/09/2022 - 30/09/2022

Ricostruire il perduto

DocumentariaLa chiesa del Gesù è stata distrutta dai bombardamenti del 26 maggio 1944 e non ci sono pervenute fotografie. A partire dalle schede, manoscritte e prive di foto, che Alessio Valle produsse, tra il 1924 e il 1926 – prima dei bombardamenti – conservate presso il Centro di Documentazione della Soprintendenza speciale per i beni storico-artistici e antropologici di palazzo Venezia a Roma, gli studenti hanno realizzato immagini, anche con tecniche artistiche “povere” (acquarelli, tempere, disegni su fogli di carta) dei quadri e delle suppellettili della chiesa, al fine di poter rendere anche visivamente questo patrimonio. La ricostruzione di una “visita” virtuale nei vari ambienti, riprodotti in 2D, ha completato il progetto. La riproduzione delle immagini, rielaborate sulla base della descrizione presente nei manoscritti del Valle, ripropone in modo solo suggestivo, e non scientifico, ciò che non può più essere restituito nella sua integrità. “Ricostruire il perduto” vuole sensibilizzare la popolazione tutta ad acquisire consapevolezza della ricchezza del patrimonio storico artistico del nostro territorio e senso di responsabilità in termini di tutela e recupero.  dettagli

mostra museoandersen unabiografiaitaloamericana

24/09/2022 - 05/03/2023

“Hendrik Christian Andersen. Una biografia italo-americana”

DocumentariaIl nuovo allestimento, curato da Maria Giuseppina di Monte con Valentina Filamingo, resterà aperto fino al 5 marzo 2023 ripercorrendo il viaggio italiano di Hendrik Christian Andersen e la scelta di Villa Helene a Roma come sua stabile dimora dal 1925 circa al 1940, data della morte dell’artista. Il percorso espositivo si divide in quattro sezioni, ognuna delle quali rappresenta una tappa o un aspetto della vita degli Andersen, famiglia di artisti originaria della Norvegia, emigrata presto negli Stati Uniti e stabilitasi infine a Roma. Sulla base delle foto d’archivio è stato possibile ricostruire l’interno del primo piano dello studio-abitazione, oggetto della prima sezione della mostra “Andersen e la sua dimora” che introduce il visitatore nella casa museo ovvero negli ambienti del piano nobile abitato dalla famiglia e filologicamente riallestito con arredi, suppellettili, dipinti e sculture originali così come si presentava all’epoca in cui la famiglia risiedeva a Roma.  dettagli Evento Evento

mostra museoboncompagniludovisi ilgioiellonellastorianellarte

24/09/2022 - 30/10/2022

Il gioiello nella moda e nell’arte

DocumentariaAll’interno degli spazi espositivi del Museo Boncompagni Ludovisi si snoda un racconto di storia della moda tra abiti, gioielli e ritratti dipinti, molti dei quali sottolineano lo stretto legame iconico tra gioiello e moda. Il tema prevalentemente affrontato nei dipinti è quello del “ritratto” (al femminile), il cui significato etimologico, storico letterario e sociale, è accompagnato da molte variazioni dai presupposti culturali e dalle destinazioni, che hanno sostenuto fin dall’antichità e lungo i secoli, dalle funzioni e dai contenuti di ampio respiro culturale. I gioielli in questi dipinti identificano il carattere e la personalità del personaggio ritratto, definendone lo stato sociale, come è tradizione fin dall’antichità. L’iter espositivo mette in luce gli elementi cruciali nella storia del gioiello come elemento determinante nel riconoscimento della figura ritratta, status symbol di un amore eterno (Philip Laszlo, Alice Blanceflor de Bildt, 1925), elemento accessorio porta fortuna (Giovanni Vagnetti, Fattoressa di Anghiari, 1935 e Marcella Caja, La Ciociara, 1937), rappresentazione sia di bellezza sia di magia legato al significato intrinseco delle pietre preziose e delle perle (Cipriano Efisio Oppo, Ritratto della fidanzata, 1920; Giacomo Balla, La Bionbruna, 1926).  dettagli

mostra museodellatabaccheria apertura

15/09/2022 - 15/10/2022

Inaugurazione Museo

DocumentariaDopo anni di ricerche e raccolta di materiale, frutto della generosità di molti tabaccai e non solo, nasce a Roma il Museo della Tabaccheria. Evoluzione naturale dell’Archivio Storico della Federazione Italiana Tabaccai, il Museo testimonia l’importanza delle rivendite di generi di monopolio nel tempo e ricostruisce la storia della Federazione come Sindacato di categoria. Un ampio spazio museale, diviso per aree tematiche, che permette ai visitatori di immergersi nel passato per scoprire i tanti aspetti del mondo della tabaccheria, dai prodotti in vendita agli arredamenti d’epoca originali, dalle insegne storiche alle prime schedine per la raccolta dei giochi, senza tralasciare le importanti conquiste sindacali della categoria.  dettagli

mostra museoloria giochiespettacolidipiazza

01/06/2022 - 01/01/2023

Giochi e spettacoli di piazza

DocumentariaA partire da mercoledì 1 giugno il Museo delle Civiltà presenta un nuovo allestimento delle sale dedicate ai Giochi e spettacoli di piazza nel Palazzo delle Arti e Tradizioni Popolari: un itinerario attraverso musica, teatro di figura, giochi e spettacoli pubblici, fiere e mercati. Il nuovo allestimento condivide con il pubblico del museo manufatti originali mai esposti erecentemente restaurati, presentando una selezione di capolavori della tradizione popolare italianalegata alla cultura di piazza: teatrini di marionette, pupi romani e siciliani, i burattini degli spettacoli di Olga Lampe, i cartelloni del cantastorie siciliano Ciccio Busacca, strumenti musicali, i diorami di alcune feste e processioni, insieme a una rara collezione seriale dei Timbri lauretani, materiali d’archivio e souvenir. All’interno di un percorso espositivo aperto dalle traiettorie molteplici, che suggerisce possibili relazioni piuttosto che offrire una catalogazione definitiva, ogni visitatore è libero di creare il proprio itinerario, come se si muovesse girovagando per una piazza pubblica, immergendosi negli aspetti formali e identitari proposti dagli oggetti della tradizione popolare italiana.  dettagli

mostra ostiaantica chiediscena

21/05/2022 - 23/10/2022

Chi è di scena! Cento anni di spettacoli a Ostia antica (1922 – 2022)

DocumentariaCento anni fa, nella primavera del 1922, veniva messa in scena dai ragazzi delle scuole elementari di Ostia, nel teatro romano non ancora ricostruito, l'Aululariadi Plauto. Il Parco archeologico di Ostia antica ripercorre con questa mostra, la lunga storia di manifestazioni che si sono tenute, e che ancora si svolgono, nel teatro romano. Quelle prime rappresentazioni furono il banco di prova per l'introduzione di una forma teatrale più impegnativa e organizzata, per la quale si rese necessario operare una profonda trasformazione dell'edificio. Grazie all’intuizione dell’archeologo Guido Calza, allora direttore dell’area, sostenuta anche dall’artista Duilio Cambellotti, a Ostia scenografo e costumista, ne risultò favorita sia l'attività di scavo, sia e soprattutto quella di restauro e parziale ricostruzione del monumento. Che - pur non esente da polemiche - consentì di lì in avanti di tenere le rappresentazioni classiche in uno spazio che ormai poteva accogliere fino a 2800 spettatori.  dettagli

mostra museodellamente entrarefuoriusciredentro

Entrare Fuori Uscire Dentro - Mostra Permanente

DocumentariaIl Museo Laboratorio della Mente della ASL Roma 1 è un museo di narrazione che ha l’obiettivo di documentare la storia dell’istituzione manicomiale e di elaborare una costante riflessione sul paradigma salute/malattia, sull’alterità, l’inclusione sociale, sulla politica delle cure e delle culture, sul coinvolgimento della comunità. Aperto nel 2000 , inserito nell’Organizzazione Museale Regionale del Lazio, nel 2008 ha costruito un nuovo percorso espositivo in collaborazione con Studio Azzurro . Il percorso di visita si sviluppa nel VI padiglione dell’ex manicomio di Roma di Santa Maria della Pietà in un allestimento immersivo e multimediale che coinvolge il visitatore, in una continua oscillazione tra elementi reali e virtuali, stimolando la partecipazione attiva del pubblico. Il Museo si configura come un sistema MAB (in cui operano, accanto ai professionisti della salute, quelli degli archivi, delle biblioteche, dei musei) integrato con modalità innovative al patrimonio della Biblioteca Scientifica Alberto Cencelli e dell’Archivio Storico (documentale, audiovisivo e delle fonti orali) dell’ex Ospedale Psichiatrico Santa Maria della Pietà, assieme alla collezione scientifica, ai dispositivi medici, ai manufatti storici dell’ex manicomio e alla raccolta di arte irregolare.  dettagli

mostra arnp viteimi

Mostra permanente

Vite IMI - Percorsi Dal Fronte di Guerra ai Lager Tedeschi

DocumentariaLa vicenda dei 650mila IMI-Internati Militari Italiani, dopo un lungo e oscuro periodo di silenzio, quanto mai controverso e difficile per Italia e Germania, è stata oggetto di interesse nel 2008 da parte dei governi dei due Paesi, che nominarono una specifica Commissione di storici con lo scopo di “occuparsi del passato di guerra italo-tedesco e in particolare del destino degli internati militari italiani deportati in Germania”. Nel Rapporto conclusivo della Commissione, pubblicato nel 2012, si sottolineava, tra l’altro, la necessità di istituire a Berlino e a Roma un Luogo della Memoria per gli IMI e promuovere uno stretto gemellaggio fra i due centri.  dettagli

mostra bibliotecanazionalecentrale graziadeledda

Mostra permanente

Sotto il cedro del Libano. Grazia Deledda a Roma

DocumentariaLa mostra intende celebrare in particolare il periodo romano di Grazia Deledda. La scrittrice, si trasferisce a Roma nel 1900 e proprio nella capitale si svolge la grande stagione letteraria: da Elias Portolu del 1903 a Canne al vento del 1913 e La madre del 1920, dalle novelle al teatro. Frequenta così il mondo culturale romano di primo Novecento: Angelo De Gubernatis, Giovanni Cena e l’ambiente della rivista «Nuova Antologia», dove escono a puntate molti dei suoi romanzi, gli artisti esordienti. Stringe rapporti con Sibilla Aleramo, Marino Moretti, Federigo Tozzi. La stessa Roma, i luoghi a lei più cari, trapelano tra le pagine come nelle novelle La Roma nostra e Viali di Roma. Inoltre nella capitale muore ottanta anni fa.
Quale massimo riconoscimento del suo percorso letterario, l’Accademia svedese le assegna il premio Nobel per la Letteratura dell’anno 1926 «per la sua potenza di scrittrice, sostenuta da un alto ideale, che ritrae in forme plastiche la vita quale è nella sua appartata isola natale, e che con profondità e con calore tratta problemi di generale interesse umano».  dettagli Biblioteca Nazionale Centrale Biblioteca Nazionale Centrale

Archeologia

Musei Capitolini

mostra museicapitolini marmisantarelli

13/04/2022 - 30/04/1923

I Colori dell’Antico. Marmi Santarelli ai Musei Capitolini


mostra museicapitolini cursushonorum

24/03/2022 - 02/10/2022

Cursus Honorum. Il governo di Roma prima di Cesare

Centrale Montemartini

mostra Centrale Montemartini Colori Dei Romani

15/03/2021 - 15/01/2023

Colori dei Romani. I mosaici dalle Collezioni Capitoline


mostra centralemontemartini ilmosaicodellarealcasa

02/04/2022 - 15/01/2023

Il mosaico della “Real Casa”

Museo e Villa Romana dell'Auditorium

mostra auditoriumparcodellamusica collezionesinopoli

Museo Aristaios - Collezione sinopoli - Mostra Permanente

Anfiteatro Flavio - Colosseo

mostra colosseo ilcolosseosiracconta

Il Colosseo si racconta Colosseo, esposizione permanente

Palazzo Altemps

mostra palazzoaltemps collezionepalazzo

Mostra permanente

Scultura Antica - Soria del Collezionismo dal 1568

Museo Nazionale Romano Museo Nazionale Romano