ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Arte Contemporanea

Riordina Click sui quadri per portarli in primo piano

mostra Gnam	Drawings. Writings. Thoughts. Notes

Drawings. Writings. Thoughts. Notes.

Qualche giorno fa abbiamo chiesto all’ex-designer di disegnare una nuova mappa per il museo. Nessuna indicazione o suggerimento, in poche ore il risultato. Da Antonio Canova a Liliana Moro, da Émile-Antoine Bourdelle a Mimmo Paladino, essenziali ma riconoscibili sono i capolavori del museo ...   dettagli
mostra maxxi rehumanism

Re:Humanism Re:define the Boundaries

Il MAXXI ospita una mostra dedicata al rapporto fra arte contemporanea e Intelligenza Artificiale, dove sono esposti i progetti vincitori della seconda edizione del Re:Humanism Art Prize che, ...   dettagli
mostra colosseo anello

Anello - Francesco Arena

Il giorno 25 giugno 2020 l’opera Anello dell’artista Francesco Arena entrerà a far parte del patrimonio artistico del Parco archeologico del Colosseo.  dettagli
mostra gnam timetokill

Love Needs Time to Kill (2018-2020) - Proiezione del film di Txuspo Poyo

Decanonizing nasce dalla volontà di interrogare immagini, scenari e meccanismi di rappresentazione dei corpi e delle soggettività, di affrontare in chiave critica la cultura visuale contemporanea, ...   dettagli
mostra museodellemura talentprize2021

Talent Prize 2021

Mostra dedicata al vincitore, ai finalisti e ai premi speciali della 14ª edizione del premio internazionale di arti visive. Mostra dedicata al Talent Prize, il premio internazionale di arti ...   dettagli

Capitolini L'eredità di Cesare e la conquista del tempo

dal   08/02/2021 al   31/12/2021
Musei Capitolini

I Fasti Capitolini, straordinari calendari incisi nel marmo, narrano la storia di Roma dalle sue origini agli albori dell’età imperiale grazie alla multimedialità. Un progetto espositivo multimediale che racconta in maniera evocativa e coinvolgente le vicende e i protagonisti della storia di Roma antica attraverso i Fasti Capitolini. Questi straordinari calendari incisi nel marmo, dalla metà del ’500, sono esposti su disegno di Michelangelo Buonarroti sulla parete di fondo della sala della Lupa, un tempo sala dei Fasti antichi, nell’appartamento dei Conservatori, parte del complesso dei Musei Capitolini. Tra le righe scolpite nel marmo è narrata la storia di Roma che tutti studiano sui libri scolastici e, spesso, al visitatore frettoloso sfugge la menzione di personaggi universalmente noti, Romolo, Tarquinio il Superbo, Giulio Cesare, Augusto, al pari di famose battaglie e importanti conquiste. Attraverso il videomapping, la grafica e un commento sonoro, l’esposizione multimediale offre al pubblico gli strumenti per rintracciare sulla parete elementi che, seppure presenti all’interno del proprio bagaglio conoscitivo sulla storia di Roma, non ci si aspetta di ritrovare in quella sede e in quelle forme.  dettagli

Arte Contemporanea

mostra keastshelleyhouse cloudytropheos

24/11/2021 - 18/12/2021

CLOUDY TROPHIES: a temporary exhibition of works by JEFFREY DENNIS at the KEATS-SHELLEY HOUSE

We are glad to inform our visitors that the Keats-Shelley House is hosting a new exciting temporary exhibition of works of art by the British artist Jeffrey Dennis, current Abbey Fellow in Painting at the British School at Rome. The title of the exhibition is Cloudy Trophies and the works have been inspired by John Keats and the city of Rome. In the artist's words: In 2021 it is two hundred years since the poet John Keats died, aged twenty-five, from tuberculosis, in a small room — now part of Keats-Shelley House — overlooking the Spanish Steps in Rome. It was only three years since he had composed, in the course of a few intense months, his six 'Odes', some of the most luminous poems of English literature.  dettagli

mostra palazzoesposizioni thisisus

25/11/2021 - 20/12/2021

THIS IS US

Giovedì 25 Novembre dalle 19:30, presso EXP, il nuovo temporary bar del Palazzo delle Esposizioni, si terrà il primo appuntamento pubblico di presentazione del progetto con il talk, la proiezione del documentario omonimo This is us e la live performance di Maggio, autore della colonna sonora. Per l’appuntamento interverranno l’artista Maria Di Stefano, la curatrice del progetto Veronica He, lo storico dell’arte e curatore Giuseppe Garrera, il rapper Maggio, insieme ad alcuni ragazzi e ragazze protagoniste del progetto. This Is Us è un progetto fotografico di Maria Di Stefano, a cura di Veronica He. Protagonisti dei trenta ritratti inediti sono ragazze e ragazzi adolescenti, nati o cresciuti in Italia da genitori di diversa provenienza. This Is Us vuole dare voce al loro limbo burocratico – solo raggiunta la maggiore età possono richiedere la cittadinanza italiana – affermando pubblicamente la complessità e la ricchezza del loro patrimonio individuale.  dettagli


mostra palazzodelleesposizioni trestazioniperarteescienza

12/10/2021 - 27/02/2022

TRE STAZIONI PER ARTE-SCIENZA

La rassegna, promossa da ROMA Culture, è ideata e organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo con la collaborazione di numerose istituzioni pubbliche, tra le quali INFN Istituto Nazionale di Fisica Nucleare cui si deve l’intera progettazione della mostra "Incertezza"; mentre per la realizzazione di "La scienza di Roma" è stato fondamentale il supporto del Polo museale della Sapienza Università di Roma. Il progetto nel suo insieme è nato dal desiderio di intervenire nel dibattito contemporaneo sul rapporto tra scienza e società che cambiamenti climatici e pandemia hanno reso di primaria importanza. Con “Tre stazioni per Arte-Scienza”, il Palazzo delle Esposizioni intende fare mostra della possibilità che metodi e istanze, diverse e separate, determinino non soltanto punti di contatto, ma nuovi territori di esperienza, di formazione, di crescita, di riflessione. Si parte metaforicamente dall'idea di "stazione", proprio perché sembra paradigmatica la sua trasformazione dal movimento-progresso della stazione ottocentesca, luogo di incontro e di socialità, alle stazioni di ricerca dove gli scienziati si fermavano per fare osservazioni ed esperimenti, fino alle stazioni spaziali, avamposto tecnologico dell’umanità nel cosmo, fino alle nuove forme di "stasi" contemporanee necessarie: quarantena, lavoro da casa e altre.  dettagli


mostra palazzoesposizioni toccarelabellezza

22/06/2021 - 27/02/2022

TOCCARE LA BELLEZZA. MARIA MONTESSORI BRUNO MUNARI

Il senso del tatto e l’esperienza del bello sono stati duramente colpiti dalle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria. Accettando una sfida che può sembrare audace, dopo il grande successo al Museo Tattile Statale Omero di Ancona, giunge finalmente al Palazzo delle Esposizioni di Roma, Toccare la bellezza. Maria Montessori Bruno Munari. Nel centenario del Manifesto del tattilismo di Filippo T. Marinetti, la mostra, coordinata nell’edizione romana dal Laboratorio d’arte dell’Azienda Speciale Palaexpo, rimette al centro l’importanza del toccare e il suo valore estetico ed educativo. Un’occasione per conoscere meglio due tra i più illustri protagonisti della cultura italiana moderna, riconosciuti e apprezzati in tutto il mondo e per la prima volta insieme in un’esposizione, attraverso il pensiero e i materiali di Maria Montessori e i progetti e i lavori originali di Bruno Munari. Partiti da esperienze, formazioni e riflessioni differenti, trovano proprio nell’esperienza estetica tattile un possibile punto di incontro.  dettagli

mostra maxxi nerihu

19/11/2021 - 06/02/2022

Neri & Hu

La quarta edizione del programma che ogni anno invita designer affermati a interpretare la Collezione MAXXI. Per il 2021, è stato coinvolto lo studio di architettura cinese Neri & Hu a interpretare l’opera di un architetto presente nella Collezione MAXXI Architettura. Gettando un ponte culturale tra occidente e oriente, passato e presente, l’opera di Carlo Scarpa, maestro dell’architettura italiana con una lunga storia di ammirazione per l’oriente, viene letta dagli architetti contemporanei attraverso il concetto di “soglia”, presente sia nel cinese ‘jian’ che nel giapponese ‘ma’, traducibili con i termini ‘spazio’ e ‘pausa’. L’installazione proposta reinterpreta questa sospensione in senso architettonico come mediazione fisica tra due ambienti spaziali contigui, distinti ma non disgiunti, secondo un’idea che riporta alla relazione tra interiorità ed esteriorità, spazio pubblico e privato.  dettagli


mostra maxxi yervantgianikianangelariccilucchi

16/11/2021 - 12/12/2012

Yervant Gianikian e Angela Ricci LucchiAngeli e guerrieri del cinema parte IV - Iperboli

L’ultimo capitolo della rassegna raccoglie alcune delle riflessioni e riletture più profonde della storia del Novecento, dai totalitarismi alle conquiste degli imperi coloniali. La camera analitica, inventata dagli artisti, ha indagato nel corso degli anni centinaia di pellicole amatoriali, di documentazione, propaganda, recuperate in archivi storici come quello di Luca Comerio, cineasta ufficiale della Grande Guerra. Le opere Diario Africano e Visioni del Deserto mostrano lo sguardo sul ‘diverso’ dei primi esploratori europei in viaggio in Africa, genesi di una conquista inarrestabile di popoli e territori di cui il film Images d’Orient – Tourisme Vandale, ci racconta le conseguenze più estreme. Gli altri film, narrazioni diverse della dittatura nella prima metà del Novecento, riportano nel presente i tanti volti del potere e della violenza, storie poco conosciute come le atrocità del colonialismo italiano in Etiopia, l’invasione dei Balcani da parte delle truppe naziste e la perdita della libertà di espressione sotto la dittatura di Stalin. Queste immagini, lente e contrastanti, poetiche e brutali al tempo stesso, trovano una chiave di lettura nell’opera Animali Criminali, nella sua rappresentazione metaforica dell’indole umana e della legge del più forte.  dettagli


mostra maxxi thomashirschhorn

22/10/2021 - 06/03/2022

Thomas Hirschhorn The Purple Line

«Il mondo ha bisogno di essere depixelato», Thomas Hirschhorn. Questa è una delle frasi con cui Thomas Hirschhorn descrive i «Pixel-Collage», un imponente ciclo di lavori realizzato fra il 2015 e il 2017. Per la prima volta riuniti insieme sono allestiti, seguendo un layout disegnato dall’artista, su un lunghissimo muro viola – The Purple Line – che attraversa la galleria 3. Un progetto che cerca di mostrare l’invisibile, rinegozia il contesto espositivo e stimola chi guarda a rimanere vigile e cosciente. La potenza di questa ricerca risiede nel farci riflettere sul controllo delle immagini, sulla loro autenticazione come “fatti”, sulla possibilità di rendere visibili le porzioni di realtà che sono sottratte al nostro sguardo attraverso la pixelatura, una tecnica in cui l’immagine diventa non riconoscibile. Queste opere, nate dal lavoro di ricombinazione di foto pubblicitarie affiancate a immagini di corpi mutilati, spesso creano imbarazzo in chi le guarda, facendoci riflettere su un concetto più volte espresso dall’artista: il dilagare dell’ipersensibilità nel mondo contemporaneo.  dettagli


mostra maxxi casaballa

17/06/2021 - 31/12/2021

Casaballa Dalla casa all’universo e ritorno

Per la prima volta, apre al pubblico la straordinaria casa futurista a Roma nella quale Giacomo Balla visse e lavorò dal 1929 sino alla morte. In trent’anni Giacomo Balla (1871-1958) trasformò l’intera abitazione di famiglia in una vera e propria opera d’arte, un laboratorio di sperimentazione fatto di pareti dipinte, di una miriade di mobili, arredamenti, utensili decorati, di numerosi quadri e sculture, di abiti da lui disegnati e di tanti altri oggetti che, insieme, hanno creato un unico e caleidoscopico progetto totale. Oltre all’apertura al pubblico della Casa romana, il progetto prevede un’importante mostra tematica ospitata nella spettacolare galleria 5 del MAXXI. Qui esposte opere inedite ideate e create per l’occasione che riflettono sulle numerose suggestioni di Casa Balla, opera d’arte totale, facendo emergere la profonda attualità di pensiero del poliedrico Maestro. A indagare Casa Balla sono stati invitati artisti e creativi internazionali – Ila Bêka & Louise Lemoine, Carlo Benvenuto, Alex Cecchetti, Emiliano Maggi, Leonardo Sonnoli e Space Popular – le cui produzioni incontrano alcuni importanti prestiti di Giacomo Balla nello spazio della galleria.  dettagli


mostra maxxi theindependentwall

16/02/2021 - 04/12/2021

The Independent Wall

In occasione del decennale del MAXXI il museo festeggia i sei anni di The Independent, progetto di ricerca dedicato al pensiero e alla pratica indipendenti. The Independent Wall intende presentare una visione retrospettiva sulla storia del programma ideato da Hou Hanru e curato da Giulia Ferracci ed Elena Motisi. Il progetto presenta la mappatura online delle realtà indipendenti, monitorando i territori delle iniziative attive in questo campo a livello nazionale e internazionale. Avviata nel 2014 attraverso una open call, dal 2019 la mappatura si estende tramite l’apporto di una serie di contributors che propone ogni anno una selezione dei più innovativi gruppi e spazi della costellazione indipendente. La parete espositiva del wall si configurazione come il sito web dedicato theindependentproject.it, e attraverso un disegno grafico, il muro diventa una pagina navigabile che esplora le diverse traiettorie in cui The Independent ha articolato la sua azione: About, Independents, The wall, Journal Garibaldi, Summit.  dettagli


mostra maxxi collezionemaxxi

fino al 30/11/2021

Collezione MAXXI. Lo Spazio dell’Immagine - Mostra Permanente

Il cuore del museo si rinnova con il nuovo allestimento della Collezione permanente.
Il nuovo allestimento in Galleria 1 si apre con un’intera area riservata alla presentazione delle nuove acquisizioni, tra le quali quelle di Monica Bonvicini, Katharina Grosse, Hassan Hajjaj e dei Labics. Dopo The Place to Be e l’approfondimento sullo spazio, sul luogo e sulla relazione, il nuovo percorso espositivo viene dedicato a una diversa idea di immagine a cavallo del Duemila. La diffusione capillare dei mass media e l’era della comunicazione globale hanno portato gli artisti a esplorare nuove visioni e a sperimentare nuovi linguaggi espressivi. Tra strumenti analogici e tecnologie, in mostra le opere, tra gli altri, di Pablo Echaurren, Stefano Arienti, Tony Oursler, Bill Viola, Giulio Turcato.  dettagli

Maxxi Maxxi

mostra gnam antoniettaraphael

17/11/2021 - 30/01/2022

Antonietta Raphaël. Attraverso lo specchio

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea inaugura la mostra Antonietta Raphaël. Attraverso lo specchio, curata da Giorgia Calò e Alessandra Troncone e promossa in collaborazione con l’Istituto Lituano di Cultura presso l’Ambasciata di Lituania in Italia. “Questa mostra restituisce i frammenti di un corpus di opere molto articolato e di una vita intensa, piena, operosa e devota all’arte. Racconta di un’artista che ha detto la verità, in modo olimpico, animale senza illusioni, con ferocia e con determinazione, quella che ha speso nelle lotte dei suoi incubi (sempre definiti sogni) e quella che ha profuso per plasmare la materia, dura come quella della pietra e del palissandro o tenera come l’argilla o la pasta di colore sulla tela” Cristiana Collu, Direttrice della Galleria Nazionale.  dettagli

mostra macro patriziavicinelli

11/11/2021 - 27/02/2022

PATRIZIA VICINELLI Chi ha paura di Patrizia Vicinelli

Con Chi ha paura di Patrizia Vicinelli la sezione ARITMICI del museo prosegue il suo approfondimento sull’importanza della sperimentazione linguistica e poetica. La prima mostra istituzionale dedicata alla poetessa bolognese Patrizia Vicinelli offre una ricognizione di questa figura sensibile e irrequieta che si è confrontata, in seno a una forte militanza artistica e politica, con le neo-avanguardie letterarie, dal Gruppo ’63 a Emilio Villa e Aldo Braibanti, e con i protagonisti del cinema sperimentale degli anni Settanta come Alberto Grifi, Gianni Castagnoli, Mario Gianni. Nello spazio espositivo la sua voce diviene un’interferenza costante mentre il suo linguaggio viene presentato nelle diverse sfaccettature che lo compongono: dal suo proporsi grafico fino a una ricerca gestuale e performativa che conferisce un’importanza fondamentale al corpo. Sempre trasgressivo e destrutturato, il suo scrivere poliglotta composto da anomali caratteri grafici e tipografici dimostra una dinamicità espressionista pronta a sottolineare i mutamenti storici che Patrizia Vicinelli attraversò negli anni della sua breve vita.  dettagli


mostra macro jasondodge

11/11/2021 - 23/01/2022

JASON DODGE CUT A DOOR IN THE WOLF

Cut a Door in the Wolf è la nuova mostra che Jason Dodge ha concepito per la sezione SOLO/MULTI del museo come un’unica grande opera site-specific. Dodge guarda alle cose di cui gli esseri umani si spogliano, giorno dopo giorno, esplorando così tutti quei sistemi che si compongono di materia organica e inorganica. I micro e macro paesaggi che si dispiegano nello spazio della sala sono fatti di oggetti familiari, spesso scartati, prodotti dalle nostre abitudini individuali e collettive, e suggeriscono l’idea che, effettivamente, possiamo trovare “tutto” in ogni cosa. Con la sua impronta gestuale, l’artista evita di affrontare nella sua opera un singolo soggetto e colloca lo spettatore al centro dell’azione interpretativa, affidandogli così un potere attivo e stimolandone la capacità di produrre nuovi significati.  dettagli


mostra macro winanewcar

03/11/2021 - 06/02/2022

VIER5 WIN A NEW CAR

WIN A NEW CAR è la prima mostra personale di VIER5 in un’istituzione italiana. Lo studio di design parigino, fondato da Marco Fiedler e Achim Reichert, si appropria dello spazio di IN-DESIGN per raccontarsi al pubblico attraverso un archivio d’immagini, statement visivi, edizioni, oggetti e progetti che tracciano il suo percorso dal 2002 fino a oggi. Dalle pubblicazioni e i libri d’artista alle sperimentazioni percettive e sonore, dalle grafiche per CAC Brétigny, Brétigny-sur-Orge, all’identità visiva di documenta 12 (2007) e documenta 14, a Kassel e Atene (2017), la pratica di VIER5 si basa su una nozione classica di design, che definiscono come la possibilità di creare nuove proposte avanguardiste nel campo della comunicazione visiva. Lavorando attentamente con le parole e la loro percezione, lo studio cerca di «evitare vuote formule visive, per sostituirle con statement creativi individuali», sviluppati specificatamente per il cliente e il medium utilizzato. Questo processo di ricerca si materializza spesso nella creazione e nell’applicazione di caratteri tipografici innovativi, e a volte irriverenti.  dettagli


mostra macro salvo

27/10/2021 - 27/02/2022

SALVO - Autoritratto come Salvo

Autoritratto come Salvo è un compendio polifonico di opere che tratteggiano la complessità della figura di Salvo. Nato a Leonforte in provincia di Enna, si trasferisce nel 1956 a Torino dove in un primo periodo matura una ricerca più concettuale, grazie ai contatti diretti con figure che operano all’interno dell’Arte Povera e ad artisti come Sol LeWitt, Robert Barry e Joseph Kosuth. Il 1973 è l’anno del ritorno alla pittura, una pittura praticata nei primissimi anni di formazione e che, all’inizio degli anni Settanta, era da considerarsi come una scelta anticonvenzionale, fuori tempo. I temi centrali della sua ricerca come il rapporto con la tradizione e il passato, la rivisitazione della storia dell’arte, unita a una ricerca in parte autocompiaciuta dell’io, si esprimono in maniera più solida in questo secondo momento che durerà fino al 2015.  dettagli


mostra macro annasophie

28/09/2021 - 23/01/2022

ANNA-SOPHIE BERGER E TEAK RAMOS You can have my brain

Composto da testi, immagini e riflessioni teoriche sulla cultura materiale e sulla moda vista nel quotidiano, con una digressione sulla prima modernità (dal diciassettesimo al diciottesimo secolo), l’archivio condiviso dalle due artiste è l’origine stessa dei lavori esposti: da questo derivano una serie di stampe A4 in bianco e nero che, applicate su dei capi in poliestere, cotone e tessuti da sartoria, danno forma a una serie di “outfit” indossati da dieci manichini. I diversi elementi si stratificano incorporandosi alla ricerca di Berger e Ramos, in alcuni casi per concentrarsi su uno specifico elemento di indagine, in altri per affrontare in modo più comparativo e articolato il tema dell’ornamento del corpo, delle sue implicazioni socio-culturali e della sua evoluzione concettuale e comunicativa. Funzionando come delle vere e proprie superfici di ricerca, gli stessi abiti traggono la loro composizione da forme convenzionali che sfuggono a collocazioni e attribuzioni specifiche. Visivi e testuali al tempo stesso, gli “outfit” sono concepiti come una singola opera e saranno accompagnati da elementi scultorei e da una documentazione video e foto.  dettagli


mostra macro sublime

28/09/2021 - 30/01/2022

SUBLIME FREQUENCIES The Extra Geography

Con il titolo The Extra Geography il collettivo ed etichetta indipendente Sublime Frequencies presenta un panorama del proprio lavoro dal 2003 fino a oggi. Le tracce contenute in più di cinquanta progetti/album prodotti da SF saranno riprodotte casualmente nella sala d’ascolto di MUSICA DA CAMERA, mescolando suoni e luoghi, tradizioni e tecnologie, per creare un’esperienza sensoriale profonda e inaspettata. Il programma di The Extra Geography include inoltre la proiezione di una selezione di film prodotti da SF e un incontro con i suoi due co-fondatori, Alan Bishop e Hisham Mayet.  dettagli


mostra macro francomazzuchelli

22/06/2021 - 30/11/2021

FRANCO MAZZUCCHELLI Quadreria 2050

Quadreria 2050 (2020) è l’installazione che l’artista Franco Mazzucchelli ha concepito come intervento permanente per la sala del bar del museo.L’opera, rispettando le componenti dell’ambiente, genera un ritmo decorativo dato da intervalli regolari tra i singoli moduli, linee oblique e rigonfiamenti. L’installazione è ispirata all’intervento presentato nel 1971 all’interno della gioielleria di Anny di Gennaro a Milano dove l’artista ha ricoperto l’intera superficie architettonica. L’opera appartiene alla bieca decorazione, termine utilizzato in modo autoironico da Franco Mazzucchelli per raccontare la logica dell’oggetto-quadro come puro godimento estetico e il suo legame con le logiche commerciali. L’artista rivaluta questo manufatto da apprendere celebrando, attraverso l’uso del PVC, il suo valore scultoreo e “gonfiabile”.  dettagli


mostra macro retrofuturo

03/02/2021 - 30/11/2021

RETROFUTURO

Undici artisti italiani sono chiamati ad aprire RETROFUTURO: Carola Bonfili (1981), Costanza Candeloro (1990), Ludovica Carbotta (1982), Gianluca Concialdi (1981), Giulia Crispiani (1986), Giorgio Di Noto (1990), Beatrice Marchi (1986), Diego Marcon (1985), SAGG NAPOLI (1991), Francesco Pedraglio (1981), Davide Stucchi (1988). Inizia un viaggio temporale che collega la collezione del MACRO con il lavoro di una nuova generazione di artisti italiani. Gli spazi che ospitano il ritratto fotografico dei depositi della collezione — realizzato da Giovanna Silva e presentato tramite giganteschi wallpaper — diventano ora il contesto che accoglie progressivamente le nuove opere degli artisti invitati, per una collezione che cresce nel tempo.  dettagli

mostra casinodeiprincipi raspi

29/10/2021 - 09/01/2022

Piero Raspi dalla luce al colore. Dipinti 1955-2005

La prima antologica romana di uno dei protagonisti del periodo informale italiano, ripercorre l’evoluzione artistica del pittore spoletino dalla metà degli anni Cinquanta alla metà degli anni Duemila L’esposizione vuole raccontare la vicenda di mezzo secolo di pittura di un artista di cui hanno scritto alcuni dei più importanti critici della sua e anche della nostra epoca, come Francesco Arcangeli, Giulio Carlo Argan, Maurizio Calvesi, Giovanni Carandente, Falvio Caroli, Enrico Crispolti, Pierre Restany. La mostra segue un andamento cronologico prevedendo la presenza di dipinti dell’epoca informale (1955-1961), opere e carte realizzate tra metà anni Sessanta e fine Settanta e i monocromi prodotti principalmente tra gli anni Novanta e Duemila. Tra i dipinti più significativi vanno ricordati, tra gli altri, Paesaggio verde del 1955 che segna l’inizio del periodo informale, Frontale del 1960 con il quale vinse l’VIII° edizione del Premio Spoleto, Opéra Comique del 1964 presente alla XXXII° Biennale d’Arte di Venezia e Aphia del 1978 data di avvio della pittura monocolore.  dettagli

mostra casinacivette alfabetiriflessi

20/10/2021 - 16/01/2022

Alfabeti riflessi. Arte e scrittura oltre i confini

26 opere, nate dalla collaborazione di artisti di differenti paesi, testimoniano la ricerca di un linguaggio comune sull’arte incisoria Le 26 opere realizzate a quattro mani racchiudono tutte una doppia identità creativa. La calligrafia araba, realizzata da Usama Saad, artista italo-egiziano, è stata utilizzata come quinta simbolica che accoglie la spiccata individualità con cui le artiste provenienti dal Bangladesh, Canada, Cina, Finlandia, Iran, Italia, Polonia, Tunisia e USA sono intervenute con proprie tecniche, stili e alfabeti diversi.  dettagli

mostra gnam ettorespalletti

25/10/2021 - 27/02/2022

Ettore Spalletti. Il cielo in una stanza

Ettore Spalletti. Il cielo in una stanza, a cura di E?ric de Chassey e in collaborazione con lo Studio Ettore Spalletti, la prima che celebra il grande maestro dell’arte contemporanea a pochi anni dalla sua scomparsa, avvenuta nel 2019. Un corpus selezionatissimo di opere, tra pittura e scultura, riscrivono gli spazi del Salone Centrale trasformandolo in un paesaggio che esprime il senso e la portata della ricerca artistica di Ettore Spalletti, protagonista di un percorso solitario e caratterizzato da tratti di unicita? nella storia dell’arte contemporanea italiana, da quando, a partire dagli esordi negli anni Settanta, ha attraversato il turbinio delle avanguardie da una prospettiva distaccata, originale e fortemente coerente. Scelte rigorose e una chiarissima educazione visiva hanno posto un limite a forme geometriche primarie e a colori di elezione, come l’azzurro, il bianco, il grigio, il rosa e il porpora. Altrettanto per le forme scultoree, come la colonna, elemento della tradizione, l’ellisse, il bacile e l’anfora. Ma e? un limite che tende all’infinito, dove le regole auree dell’artista hanno il potere di amplificare la forza espressiva delle sue opere, dalla stesura del colore puro alle studiate interazioni con le superfici e le dinamiche ambientali.  dettagli

mostra galleriaromacapitale viniciberti

14/10/2021 - 12/12/2021

Vinicio Berti. Antagonista continuo

Mostra dedicata al famoso astrattista Vinicio Berti (1921-2021) per il Centenario della nascita e a trent'anni dalla sua scomparsa (1991) La mostra cerca di ricostruire l'evoluzione pittorica del fondatore del gruppo dell'Astrattismo classico (1950), un gruppo rivoluzionario per il periodo sia per l'attività artistica che per quella delle teorie estetiche che sfociarono indissolubilmente nel politico. Esplicito il Manifesto del gruppo stesso che propone, come nuovo indirizzo per l’arte contemporanea, la fine della distruzione, l’inizio della costruzione. Scelta mantenuta coerentemente senza scendere a tentazioni informali neodadaiste o concettuali, anticipando quindi l'arte e le teorie del "MAC" di Milano e di "Forma 1" a Roma, con i quali Berti ha sempre mantenuto importanti rapporti, come con Gillo Dorfles e a Roma con Perilli e Dorazio. In mostra dipinti ma anche documentazione d'archivio e fotografica inedita dell'opera di Vinicio Berti che ha proprio l'astrattismo come dominante, oltre l'uso del colore come atto politico. Del resto Berti si muoveva in ambiente marxista che spesso viene fuori proprio dalla sua pittura così come dai suoi scritti. Una sezione della mostra è invece dedicata al fumetto di Berti e ai suoi personaggi molto conosciuti nel mondo, grazie anche alla figura base di Pinocchio che lo ho, come lo stesso artista affermava, "perseguitato" per tutta la vita.  dettagli


mostra galleriaromacapitale stenlex

26/06/2021 - 13/03/2022

Sten Lex. Rinascita - Intervento artistico site specific

Continua ad essere esposto, sulle pareti del chiostro-giardino, l'intervento in stencil poster site specific dall'emozionante titolo "Rinascita", appositamente realizzato per la Galleria in collaborazione con Wunderkammern Gallery. Rinascita, rinnovamento e rigenerazione sono solo alcuni dei temi ideali percorsi da Sten Lex, pionieri dello stencil poster, che li ha resi tra i muralisti italiani più celebri a livello internazionale. Il duo Sten Lex, che giocano sull'ambiguità dell'irriconoscibilità, é formato da un'artista romano e da una tarantina, classe ’79-’80. I loro nomi compaiono per la prima volta sui muri romani nel 2001 con forti richiami al cinema, all’arte sacra e alla cultura pop, prima separatamente, realizzando ritratti di personaggi dei b-movies italiani e telefilm americani anni ’70 come Hitchcock, Orson Welles e Bergman. A partire dal 2005, le loro strade e i loro nomi si uniscono, sprigionando il doppio dell’energia e della creatività nelle loro opere. Passando dai volti iconici di francobolli e banconote ai disegni e poster su carta velina, arrivano alla creazione di quella che definiscono Hole School, introducendo la mezzatinta nello stencil, figure optical composte da pixel o linee.  dettagli

mostra arapacis albertobiasi

13/10/2021 - 20/02/2022

Alberto Biasi. Tuffo nell’arcobaleno

La mostra, attraverso 60 opere, rende omaggio a Alberto Biasi che, tra i fondatori del padovano Gruppo N, è uno dei più coerenti artisti ottico cinetici europei. Un’antologia della produzione del grande Maestro, tra gli indiscussi protagonisti dell’arte del Secondo Dopoguerra in Italia. Le opere esposte e i 4 ambienti-istallazioni che vanno dal 1959 – quando giovanissimo Biasi forma il Gruppo N a Padova – fino al 2014, raccontano a tutto tondo l’attività dell’artista incentrata sull’indagine percettiva, attraverso lavori che affrontano poeticamente e scientificamente temi legati alla visione. La mostra ricostruisce il percorso creativo di Biasi, dagli esordi alle più recenti sperimentazioni. All’interno della mostra il visitatore incontrerà gli ambienti, come Light Prisms (Tuffo nell’arcobaleno), Eco e Proiezione di Luci e Ombre, dove Biasi esplora la scomposizione della forma attraverso la luce e l’illusione percettiva che la luce stessa contribuisce a produrre. Lamelle e sovrapposizioni di piani in grado di simulare il movimento, giochi di luce, illusioni ottiche tridimensionali, composizioni interattive, animano gli spazi del Museo dell’Ara Pacis, in un gioco di rimandi fra tradizione e sperimentazione: Trame – le prime sovrapposizioni di carte forate –, Torsioni, Rilievi Ottico-Dinamici e Politipi, fino agli Assemblaggi e alle opere dell’ultimo periodo; contaminazioni di un artista che, pur mantenendo vivo il legame con la tradizione, ha avuto il privilegio di fare un tuffo nel futuro. Nell’ottica del duplice ruolo dell’individuo – creatore e fruitore al tempo stesso – il percorso presenta anche il felice incontro tra bidimensionalità e tridimensionalità nel lavoro Io sono tu sei. La mostra è suddivisa in sei sezioni che corrispondono alle differenti tipologie di opere dell’artista e che raccontano il percorso della sua ricerca concettuale. La realizzazione di questi lavori inizia nel periodo precedente il Gruppo N, determinando le espressioni di arte cinetica o di arte programmata e basandosi su fenomeni ottici e luminosi.  dettagli

mostra mattatoio doragarcia

07/10/2021 - 09/01/2022

DORA GARCÍA - CONOSCO UN LABIRINTO CHE È UNA LINEA RETTA

Lo sdoppiamento, il riflesso, la differenza tra certezza e illusione insieme all’incursione del fantastico nel reale evidenziano quanto sia labile la distinzione fra i tre regni della soggettività (i registri dello psichico lacaniano: simbolico, immaginario e reale) per ricostruire un mondo oggettivo. Il racconto Tlön, Uqbar, Orbis Tertius di J. L. Borges, da cui proviene il titolo del progetto, ne è un esempio folgorante, in quanto è la storia di un’apocalisse concettuale. La trama segue le ricerche di un anonimo autore attorno al mistero che circonda la regione di Uqbar la cui letteratura possiede un registro prettamente fantastico con alcune storie ambientate in una terra immaginaria denominata Tlön. Tlön è una finzione nella finzione, l’idea vagheggiata da una mente lontana che abita un regno indefinito, eppure alla fine compare nel mondo reale e lo sovverte. Un ordito che, sebbene labirintico, è fatto da uomini e “destinato ad essere decifrato da uomini”. La verità sull’immaginazione è svelata: noi viviamo di essa. Le convenzioni sociali, le identità, la storia, qualsiasi fatto noi riteniamo oggettivo, è in realtà arrangiato dalla tessitura dell’immaginazione.  dettagli

Arte Contemporanea

Biblioteca Casa Delle Letterature

mostra bibliotecacasadelleletterature perincantamento

23/11/2021 - 07/01/2022

Per incantamento

Museo Tuscolano - Scuderie Aldobrandini

mostra scuderiealdobrandini retrospettivasimonecrespi

08/11/2021 - 28/11/2021

Retrospettiva di Simone Crespi

Galleria Doria Pamphilj

mostra galleriadoriapamphilj sterlingruby

20/11/2021 - 19/12/2021

Installazione Sterling Ruby

Sala Santa Rita

mostra salasantarita bianconaturale

17/11/2021 - 29/11/2021

Sabrina Mezzaqui - Bianco naturale

Sala Conferenze dell’Istituzione Sistema Biblioteche Centri Culturali

mostra ilnostropostonelcosmo

18/11/2021 - 30/06/2022

Il Racconto della Natura - Il Nostro Posto Nel Cosmo

Villa Adriana

mostra villaadriana fumettineimusei

11/11/2021 - 06/02/2022

La mostra Fumetti nei Musei

Museo Hendrik Christian Andersen

mostra museoandersen giovannihanjnal

13/11/2021 - 12/02/2022

GIOVANNI HAJNAL Sulle orme di Dante dalla lettura al segno grafico

Palazzo Ruspoli

mostra fondazionememmo oscarmurillo

10/11/2021 - 20/03/2022

Oscar Murillo - Spirits and Gestures

Museo Hendrik Christian Andersen

mostra museoandersen antoniopassa

06/11/2021 - 12/02/2022

Antonio Passa Homo faber, verso l’infinito 2010-2021

Museo Carlo Bilotti

mostra museocarlobilotti felicelevini

28/10/2021 - 05/12/2021

Felice Levini. Orizzonte degli eventi

Museo Boncompagni Ludovisi

mostra museoboncompagniludovisi dettagli

29/10/2021 - 30/01/2022

DETTAGLI Forme e segni nei tessuti e nelle tecniche della moda. Fotografie di Roberto Galasso

Museo di Roma - Palazzo Braschi

mostra palazzobraschi klimt

27/10/2021 - 23/03/2022

Klimt. La Secessione e l’Italia

Parco del Lago dell'EUR

mostra parcoeur bauhaus

01/10/2021 - 31/12/2021

Bauhaus Think-Tank

Museo Civico di Zoologia

mostra museocivicozoologia amoreperglianimali

16/10/2021 - 16/01/2022

For the Love of Animals. L’Amore per gli Animali

Scuderie del Quirinale

mostra scuderiredelquirinale inferno

15/10/2021 - 09/01/2022

INFERNO - Jean Clair

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

mostra museoetruscovillagiulia bastabuste

16/10/2021 - 16/01/2022

BASTA BUSTE - Oreste Baldini

Villa Adriana

mostra villaadriana vitanova

08/10/2021 - 13/02/2022

Vita nova: arte in Italia alla luce del nuovo millennio

Basilica Santa Maria Del Popolo

mostra santamariadelpopolo jagopieta

01/10/2021 - 28/02/2022

JAGO - PIETÀ

Palazzo Cipolla

mostra palazzocipolla quayola

29/09/2021 - 30/01/2022

Quayola. Re-coding

Palazzo Farnese (Caprarola)

mostra palazzofarnesecaprarola sergiomonari

26/09/2021 - 28/11/2021

Mostra Ierofanie di Sergio Monari

Palazzo Merulana

mostra palazzomerulana collezionecerasi

30/11/2020 - 30/11/2021

Collezione Cerasi

MIAC – Museo Italiano dell’Audiovisivo e del Cinema

mostra miac cinecittasimostra

28/04/2021 - 30/11/2021

Cinecittà si Mostra compie 10 anni e riapre al pubblico

Chiostro del Bramante

mostra chiostrobramante allaboutbanksy

05/05/2021 - 09/01/2022

ALL ABOUT BANKSY: EXHIBITION 2!

Museo Venanzo Crocetti

mostra museocrocetti womanart

dal 03/02/2021

WOMAHR Women ArtHuman Rights for Peace

Video Presentazione Video Presentazione

Anfiteatro Flavio - Colosseo

mostra colosseo anello

25/06/2020 - 30/11/2021

Anello - Francesco Arena

Parco Archeologico del Colosseo Parco Archeologico del Colosseo