ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Fotografia

FOTOGRAFIA. NUOVE PRODUZIONI 2020 PER LA COLLEZIONE ROMA

Mattatoio (ex Macro Future)   dal   23/02/2021   al   16/05/2021

Fotografia. Nuove produzioni 2020 per la collezione Roma è una mostra nata dalla volontà dell’Assessorato alla Crescita Culturale di Roma Capitale di dare seguito al progetto sorto in seno a Fotografia Festival Internazionale di Roma che aveva istituito, già dal 2003, la residenza per un fotografo di fama internazionale. Sono state così raccolte per l’Archivio Fotografico del Museo di Roma le immagini di 15 grandi protagonisti della fotografia contemporanea che raccontano la Capitale attraverso il loro sguardo. Sono esposte al Mattatoio circa 130 immagini di Nadav Kander, Martin Kollar, Alex Majoli, Sarah Moon (presente anche con un video) e Tommaso Protti. Tutti hanno lavorato in residenza a Roma nel corso del 2019, tranne Kollar che ha scelto di viaggiare a piedi e di elaborare il proprio lavoro attraverso un percorso di avvicinamento a Roma partendo dal Danubio. Gli scatti di Alex Majoli rinnovano il linguaggio di espressione della documentazione del reale, quelli di Sarah Moon invece guardano al ruolo della memoria e del ricordo nel suo rapporto con la materia che la città di Roma offre.   dettagli

Mostre Fotografi

mostra francescaantonini nuvolealte

dal 15/04/2021

Monica Carocci - NUVOLE ALTE

A quattro anni dalla prima mostra in galleria, Francesca Antonini Arte Contemporanea presenta un nuovo progetto di Monica Carocci (Roma, 1966), introdotto da un testo di Cristiana Perrella. Le limitazioni degli ultimi mesi hanno portato l'artista a ripensare l'approccio al mezzo fotografico e a riflettere con precisione sulla responsabilità di 'come' e 'cosa' fotografare. Monica Carocci, in un procedimento di rilettura del proprio metodo, ha individuato quale parte della realtà mostrare, da quale prospettiva e con quale intonazione, e ha realizzato il nucleo di opere che costituiscono il cuore della personale. Approdando per la prima volta al digitale, con una fotocamera a infrarossi che reagisce con sensibilità alle variazioni di luce e temperatura, traducendole in cromie antinaturalistiche, l'artista si è rivolta inizialmente al proprio interno domestico - dove ha fotografato alcuni fiori recisi oppure colti nelle aiuole della città - poi ai parchi di Torino. Con un cambio di prospettiva repentino, Carocci inverte i ruoli di terra e cielo, acqua e nuvole, consegnando a chi osserva una nuova visione della natura, della città e degli spazi abitativi.  dettagli

mostra rhinocerosgallery dante

15/04/2021 - 15/07/2021

DANTE

In occasione delle celebrazioni dantesche indette a settecento anni dalla morte del Sommo Poeta, gli spazi di rhinoceros galleryin via dei Cerchi 19 si aprono per ospitare un’originale rivisitazione della Divina Commediache nasce dall’intreccio del progetto fotografico EverAfterdi Claudia Rogge e DANTE. In a private dream of Raffaele Curie della presentazione dell’iniziativa La parola di Dante fresca di giornata dell’Accademia della Crusca. Una partitura espositiva complessa, sfaccettata e avvincente che vede confluire insieme stimoli multiformi e percorsi di ricerca differenti, amalgamati in un unico e articolato ensemble che si va a incastonare nelle architetture progettateda Jean Nouvel.  dettagli

mostra palazzomerulana raccontiafrica

11/03/2021 - 09/04/2021

Racconti d'Africa. Mostra di Piero Cannizzaro

Una selezione di oltre 40 fotografie, scattate durante le riprese del documentario “Storie d’Africa” - di cui è autore lo stesso Cannizzaro - prodotto dalla Cooperazione Internazionale e dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo in collaborazione con l’OIM, nell’Africa dell’ovest, tra il Senegal, la Costa d’Avorio e la Guinea. Il documentario riguardava il difficile tema dell’emigrazione ma si è trasformato nell’occasione di “fotografare” le realtà più diverse: non solo l’Africa, ma le tantissime Afriche che esistono. “Le foto di questa mostra le ho scattate nelle pause delle riprese - spiega l’autore - Non è stato facile: da regista dovevo gestire la telecamera e il suono, non potevo portare con me anche una macchina fotografica vera e propria. Mi è venuta incontro la tecnologia dei nuovi cellulari ed ho usato il mio per cogliere l’attimo. Sono emozioni che ancora provo. Chiedo permesso, tiro la tenda di una capanna, trovo una donna bellissima che sta facendo il fuoco, c’è contrasto tra il fuoco e la donna, una luce che veniva da dietro… scatto”. L’Africa fotografata da Cannizzaro non è polemica o dimostrativa ma sceglie, come afferma la scrittrice Dacia Maraini, la strada dello sguardo che si fa colore e movimento.  dettagli

mostra casadelcinema fellinitavolacucina

15/02/2021 - 31/03/2021

Fellini tra tavola e cucina, ricordando l’Artusi

Due anniversari di romagnoli illustri come Federico Fellini (centenario della nascita) e Pellegrino Artusi (bicentenario della nascita), accomunati nel saporito binomio cinema e cibo; il primo tra i maggiori registi della storia del cinema e il secondo, gastronomo e scrittore, autore del celebre libro di ricette La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene (1891). Un omaggio reso con una esposizione di foto inerenti a scene culinarie e conviviali, tratte dai film del Maestro. Immagini che documentano comparse e protagonisti raccolti attorno a tavole imbandite (matrimoni, feste), a più circoscritti deschi familiari o a mangiate solitarie. Non mancano foto di backstage sulle pause mangerecce delle troupe e del regista e di celebri spot diretti da Fellini. Il percorso alimentare felliniano è testimoniato a partire da I vitelloni (1953) fino a Ginger e Fred (1986), toccando, tra gli altri, riconosciuti capolavori, come La strada (1954), La dolce vita (1960), 8 ½ (1963) e Amarcord (1973). La documentazione fotografica è frutto del lavoro di alcuni dei maggiori fotografi di scena del cinema italiano e proviene da archivi pubblici e collezioni private. Ad arricchire la mostra, anche foto a documentazione degli spot girati da Fellini per Barilla (Alta società – Rigatoni) e per la Banca di Roma.  dettagli

mostra iccd guidostrazza

24/02/2021 - 24/05/2021

Il segno e la luce. Guido Strazza attraverso le immagini del suo archivio

Guido Strazza, pittore e incisore nato negli anni Venti, si è formato con alcuni autorevoli esponenti delle avanguardie italiane, ha vissuto e condiviso esperienze salienti con gli artisti che hanno segnato la cultura del secondo Novecento, italiana e internazionale. La mostra, organizzata in cinque sezioni, la formazione e i viaggi, gli studi, i ritratti, l’insegnamento dell’incisione, le mostre le persone, è frutto della ricerca condotta presso lo studio romano dell’artista nel cuore del quartiere Trastevere, a due passi dall’Istituto e a stretto contatto con lui. Racconta la vita e l’opera del Maestro attraverso la presentazione dei materiali fotografici dell’archivio, in gran parte inediti, in un percorso cronologico - scandito dalla presenza dei documenti e di alcune opere originali tra dipinti, disegni e incisioni - che va dall’infanzia alla piena maturità. Una sezione è dedicata ai ritratti dell’artista scattati tra il 1958 al 2016 da autorevoli fotografi, tra cui Mario Cresci, Paolo Di Paolo, Nino Migliori, Franco Mapelli. L’esposizione è accompagnata da un libro/catalogo, un accurato oggetto editoriale corredato da un’ampia selezione di immagini b/n e a colori, che presenterà tra l’altro la testimonianza del Maestro stesso, attraverso un’intervista concessa alle curatrici.  dettagli

Video Video

mostra casadelcinema mariomonicelli

15/02/2021 - 31/03/2021

MARIO MONICELLI

Realizzata dal Centro Sperimentale di Cinematografia e ospitata nelle sale della Casa del Cinema dedicate a due grandi sceneggiatori del cinema italiano come Sergio Amidei e Cesare Zavattini. La mostra, una spettacolare galleria di immagini che ripercorrono passo passo tutta la storia artistica di Mario Monicelli: dagli esordi in coppia con Steno alla fine degli anni ’40 (“Totò cerca casa”) fino al film del commiato, “Le rose del deserto” (2006).  dettagli

mostra materia stefanocanto

13/02/2021 - 30/04/2021

Stefano Canto - Carie

Gli spazi della nuova galleria aprono al pubblico con Carie, mostra personale di Stefano Canto (Roma, 1974), a cura di Giuliana Benassi. Canto presenta un nuovo corpus di opere, frutto di una ricerca iniziata nel 2009, che riflette la spina dorsale del suo intero processo artistico. Il titolo della mostra è preso in prestito dal vocabolario della botanica e fa riferimento alla decomposizione di tessuti vegetali dovuta all’azione di parassiti fungini, detti appunto “carie”. L’artista ha concepito tutte le opere a partire da tronchi e pezzi di corteccia di alberi raccolti sul ciglio della città, tutti deperiti e svuotati al loro interno a causa del lavorio di putrefazione dovuto alle carie lignee. Ed è proprio da questo vuoto che nasce il processo scultoreo dell’artista, dall’avvicinamento alle masse arboree deteriorate, dall’azione di rigenerazione attraverso innesti cementizi, dal riempimento delle cavità con costruzioni architettoniche. Laddove c’è assenza, l’artista impone una presenza costruttiva.  dettagli

mostra arapacis radici

01/02/2021 - 29/08/2021

Josef Koudelka. Radici

Mostra dedicata al grande fotografo dell’agenzia Magnum Photos che propone la sua interpretazione fotografica e artistica di alcuni dei più importanti siti archeologici della cultura romana e greca con l’intento di restituirne l’autentica bellezza. Il progetto Vestiges, che vede impegnato da oltre vent’anni il grande fotografo Josef Koudelka, membro dell’agenzia Magnum Photos, propone la sua interpretazione fotografica e artistica di alcuni dei più importanti siti archeologici della cultura romana e greca, in un itinerario attraverso venti paesi, dalla Grecia al Libano, dalla Siria all’Algeria, dalla Turchia all’Italia e oltre duecento località che si affacciano sul Mar Mediterraneo. Un’esplorazione davvero unica che non ha precedenti. Un lavoro fatto di grande costanza e perseveranza. L’artista coltiva una predilezione particolare per le rovine, senza celebrarne l’atmosfera malinconica ma con l’obiettivo di restituirne l’autentica bellezza. Il suo intento è usare l’arte per riappropriarsi di un mondo che ci sta sfuggendo e che potremmo perdere. Trasformare le macerie in speranza: è questo il grande ed ambizioso progetto che Koudelka cerca di realizzare con il suo eccezionale viaggio. Un viaggio in costante divenire che si arricchisce di nuovi capitoli  dettagli

mostra lucecinecitta ritrattorosso

10/02/2021 - 21/03/2021

Ri-tratto rosso. Elisabetta Catalano guarda Federico Fellini

Avrebbe dovuto aprire al pubblico oggi, 20 gennaio, nel giorno del compleanno di Federico Fellini, dentro quella Cinecittà da cui sono partiti simbolicamente lo scorso anno i festeggiamenti per i suoi 100 anni, e suggellare così l’omaggio della ‘sua’ casa, al genio del nostro cinema. Bisognerà invece attendere che le misure sanitarie consentano il ritorno dei visitatori nei Musei del Lazio. Ma Cinecittà vuole comunque festeggiare Federico dando un primo assaggio della grande mostra fotografica e multimediale ‘Ri-tratto rosso – Elisabetta Catalano guarda Federico Fellini’ che in un percorso di immagini racconta il dialogo tra il Genio del nostro cinema, e la grande fotografa internazionale, regina del ritratto fotografico. La mostra, realizzata da Istituto Luce-Cinecittà con il contributo dellaDG Cinema e Audiovisivo, è curata da Aldo E. Ponis e con la direzione artistica di Emanuele Cappelli, e vive delle immagini dello straordinarioArchivio Elisabetta Catalano.  dettagli

mostra thegalleryapart oliverressler

09/01/2021 - 23/04/2021

IN AND AGAINST THE WAR ON TERRA - Oliver Ressler

In occasione della sua seconda mostra personale presso The Gallery Apart, Oliver Resslerpresenta opere fotografiche e film incentrati sui movimenti per la giustizia climatica e sulle forme di resistenza alla distruzione del clima terrestre -e delle basi dell'esistenza umana. Il titolo "In and Against the War on Terra" indica il fatto che tutti sono più o meno arruolati in questa Guerra attraverso il ricatto della sopravvivenza, una guerra tuttavia a cui nello stesso tempo è ancora necessario opporsi.L’opera centrale della mostra è l’installazionevideo a 6 canali "Everything’s coming together while everything’s falling apart" (2016-2020). I video si soffermanosulle attività delmovimento per la giustizia climatica e sulle lotte per smantellare un sistema economico fortemente dipendente dai combustibili fossili. Il lavoro registra eventi chiave per il movimento, collegando molte situazioni, contesti, voci ed esperienze.  dettagli

mostra ilmuseodellouvre giuseppecassetti

Giuseppe Casetti Splendori e Miserie dell’arredamento

297 fotografie dello schermo scattate da Giuseppe Casetti nel corso dei collegamenti da casa di esperti, giornalisti, virologi, direttori d’orchestra, regine… che hanno popolato la televisione durante il #lockdown per il #covid19  dettagli

mostra museotrastevere massimosiragusa

16/10/2020 - 14/03/2021

Roma. Massimo Siragusa

Progetto fotografico dedicato all’area urbana intorno a Roma: le periferie. Attorno alla Roma celebrata dall’iconografia classica, alla città della grande bellezza dal fascino monumentale e un po’ decadente, con i suoi luoghi iconici invidiati dal mondo intero, sorge un’altra città. Nascosta e estranea ai flussi turistici. Un’area abitata e vissuta da oltre la metà dei cittadini romani. Una città caotica, spesso abusiva. Con i suoi cancelli, ringhiere, muri, alberi, reperti archeologici, auto, che si sovrappongono e si confondono in un caos visivo straordinario e unico. È la periferia. Anzi, le periferie. Diverse tra loro ma accomunate tutte dalla stessa anarchia visiva e architettonica. In questo lavoro, che si è snodato per oltre due anni lungo il perimetro della città, ho cercato relazioni, passaggi, dialoghi, quasi a volere tentare di mettere in ordine il caos della realtà.  dettagli

mostra istitutogiapponese adolfofarsari

15/10/2020 - 13/02/2021

ADOLFO FARSARI IL FOTOGRAFO ITALIANO CHE HA RITRATTO IL GIAPPONE DI FINE ‘800

Le mirabolanti imprese di Adolfo Farsari, avventuriero e fotografo nel Giappone di fine ‘800, rivivono nelle 64 immagini della mostra, espressioni della fotografia in bianco e nero colorata a mano dopo la stampa, detta Yokohama Shashin. Ne esce il racconto struggente di un Giappone in lento e ineluttabile divenire, descritto nei topos estetici destinati a costituire l’immaginario occidentale in tema fino ai giorni nostri. Calendario visite/eventi collaterali da definire. In Giappone fu creduto a lungo che Adolfo Farsari fosse un americano per­ché aveva già ottenuto la cittadinanza degli Stati Uniti. Infatti, approdò a Yokohama l’8 settembre 1876 con la nave Belgic, partita da San Francisco. Dopo aver lavorato presso la Yokoha­ma Cigar Company e poi alla Sargent, Farsari & Co., nel 1884 costituì la pro­pria ditta A. Farsari & Co., e nel 1885 acquisì da Franz Stillfried lo studio della Japan Photographic Association, con l’assortimento e i negativi. Così decise di cominciare la sua attività da fotogra­fo. Come scrisse il fotografo scozzese William K. Burton, che lo aveva incon­trato personalmente, in un articolo dai toni entusiastici sulla sua tecnica di colorazione delle fotografie, il Farsari aveva riscosso un certo successo pro­fessionale.  dettagli

mostra museoloria frankcancian

10/10/2020 - 30/05/2021

Frank Cancian

Frank Cancian Un paese del Mezzogiorno italiano, Lacedonia – 1957 A Roma per la prima volta una significativa selezione delle immagini in bianco e nero, scattate a Lacedonia (Avellino) nel 1957 da Frank Cancian, noto antropologo americano, figlio di genitori italiani, che ha alternato la sua professione di scienziato sociale con la passione per la fotografia. Le immagini raccontano, con straordinario vigore, la realtà sociale e culturale del paese nel 1957, anno del soggiorno in Italia del giovane studioso all’epoca poco più che ventenne, borsista Fulbright. Accompagna l’esposizione un volume realizzato in edizione italiana e inglese da Postcart per la cura di Francesco Faeta “Un paese del Mezzogiorno italiano. Lacedonia (1957) nelle fotografie di Frank Cancian – A Town in Southern Italy. Lacedonia (1957) in Frank Cancian’s photographs”.  dettagli

Mostre Fotografiche

MAXXI

mostra maxxi premiograziadeifotografia

10/03/2021 - 23/05/2021

Premio Graziadei per la Fotografia Rachele Maistrello, Alba Zari

Galleria del Cembalo

mostra galleriacembalo leregoledelgioco

05/03/2021 - 30/04/2021

Le Regole del Gioco

Luca Canonici Luca Canonici Giancarlo Pediconi Giancarlo Pediconi

Palazzo Barberini

mostra palazzobarberini italiainattesa

24/02/2021 - 13/06/2021

ITALIA IN-ATTESA. 12 racconti fotografici

Evento Evento

Facoltà di Architettura Valle Giulia

mostra vallegiulia 100anniscuoladiarchitettura

22/10/2020 - 22/03/2021

100 ANNI DI SCUOLA DI ARCHITETTURA ALLA SAPIENZA DI ROMA

Video Video

Museo di Roma In Trastevere

mostra museotrastevere sulletraccedelcrimine

07/10/2020 - 14/03/2021

Sulle tracce del crimine Viaggio nel giallo e nero Rai. La mostra

Anti Gallery

mostra antigallery arcipelaghi

10/09/2020 - 04/10/2020

Arcipelaghi

Art Forum Würth Capena

mostra artforumcapena artface

18/02/2019 - 24/04/2021

Art Faces. Ritratti d’artista nella Collezione Würth

Libreria Galleria il Museo del Louvre

mostra galleriamuseolouvre roma50

dal 07/05/2019

ROMA50. Istantanee di un decennio. 200 immagini mai viste dall’archivio del quotidiano Paese Sera

-->