ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Gallerie private

Riordina Click sui quadri per portarli in primo piano

mostra Galleria Continua Ornaghi e Prestinari
mostra Galleria Continua Ornaghi e Prestinari
mostra Galleria Continua Ornaghi e Prestinari
mostra Galleria Continua Ornaghi e Prestinari

ORNAGHI & PRESTINARI

arte contempranea

Galleria Continua   dal 14/01/21 al 07/04/21

Galleria Continua è felice di presentare la mostra personale di Ornaghi & Prestinari nei suoi spazi espositivi di Roma: ′′ Toccante ′′! Auguriamo a tutti una bella domenica con l'arte! Alcuni dei rappresentanti più degni di nota di una giovane generazione di artisti italiani, Valentina Ornaghi e Claudio Prestinari hanno iniziato a lavorare insieme nel 2009 con il desiderio di sviluppare ciascuno dei suoi progetti attraverso il dialogo e la condivisione. Questa mostra presenta un gruppo di opere precedentemente invisibili, realizzate soprattutto per questa occasione, che riflettono sul tema dell'′′ incontro ′′. L ' approccio multidisciplinare che Ornaghi & Prestinari hanno perfezionato durante la loro formazione nonché l'interesse per design, architettura e storia dell'arte sono diventati parte della loro ricerca. Il lavoro degli artisti esplora la dimensione domestica, fragile e intima delle cose. La pratica di Ornaghi & Prestinari si muove tra concetto e azione con una particolare attenzione ai materiali e alla loro manipolazione. Delicatezza, cura, tempo, leggerezza e ironia sono i temi ricorrenti delle loro opere.     dettagli       video

Gallerie private d'arte contemporanea

mostra galleriarichterfineart mifrullaintestaunisola

13/04/2021 - 18/05/2021Arte contemporanea

Mi frulla in testa un'isola

In questa occasione l’artista mette in mostra delle opere di grande formato, 190 x 150 cm, formato con cui Grechi si confronta dal 2015. I lavori pittorici segnano i passaggi della ricerca dell’artista dal 2019 ad oggi riguardo il segno, la stratificazione e l’essenziale. Afferma Luca Grechi: “Da molti anni lavoro sulla sottrazione, mi rende felice percepire un segno blu inizialmente puro, alterato e modificato in relazione all’alchimia della materia, per poi decidere se farlo riemergere, in una nuova alterazione ancora, questo gioco infinito mi porta spesso, (ad oggi meno) a realizzare moltissime velature e campiture sulla superficie, fino ad ottenere quell’equilibrio incompreso, ma efficacie o indispensabile per non impazzire”. Il percorso mostra è accompagnato da un testo di Marco Deserto dal titolo “Chi più di una stella sta…là”. Un dialogo surreale tra i due artisti in cui si descrive uno scenario futuribile, spaziando dalla politica, alle arti e la scienza.
  dettagli

mostra galleriarusso giacomoballa

15/04/2021 - 21/05/2021Arte contemporanea

Giacomo Balla. Dal primo autoritratto alle Ultime rose

È Giacomo Balla, punto cardinale dell’arte del ‘900, il protagonista della mostra visibile da giovedì 15 aprile presso la Galleria Russo di Roma. Curata da Fabio Benzi, “Giacomo Balla. Dal primo Autoritratto alle Ultime rose” offrirà al pubblico degli studiosi e degli appassionati l’occasione di ripercorrere l’intera carriera dell’artista attraverso una sorprendente galleria di studi preparatori – talvolta inediti - punteggiata da alcune importanti opere definitive. A questi materiali, per lo più direttamente provenienti da Casa Balla e sinora rimasti presso gli eredi, la mostra affida il compito di condurre il visitatore al cuore degli intricati percorsi creativi del grande caposcuola, affiancando incunaboli giovanili, illuminanti bozzetti di capolavori noti e ultime opere. È – scrive Fabio Benzi nell’introduzione in catalogo – “Come entrare nello studio dell’artista e aprire decine di cassetti scoprendo la genesi di capolavori e opere di studio, penetrando nei segreti nascosti dei dipinti a volte più celebri, a volte più privati, ma sempre partecipando di un furor creativo indiscutibile e prepotente, che ci mostra fasi finali e iniziali di un percorso unitario, di un rovello instancabile”.
  dettagli

mostra dorothycircus pecaekoh

10/04/2021 - 10/05/2021Arte contemporanea

Peca & Koh Kisung

La Dorothy Circus Gallery di Roma è orgogliosa di presentare la doppia mostra personale '' Dei e Mezcal '' di Peca e '' Yuri '' di Koh Kisung, inaugurata il 10 aprile 2021, in via Dei Pettinari 76, 00186 , Roma. In tempi così difficili, la galleria è orgogliosa di ospitare due artisti la cui ricerca è profondamente legata ai temi della spiritualità, della connessione umana con la natura e l'universo. Questo è rappresentato attraverso una profonda sinfonia con l'equilibrio del pianeta e il lato emotivo dell'umanità. . Ora più che mai, è fondamentale per noi sviluppare e guarire la parte più spirituale delle nostre anime, con particolare attenzione al rapporto tra umanità e natura che ci circonda. Siamo entusiasti di condividere questo messaggio di pace e serenità attraverso le due nuove serie di opere d'arte di Peca e Koh Kisung.
  dettagli

mostra t293 craneseekingcomforts

07/04/2021 - 11/05/2021Arte contemporanea

Oscar yi Hou – Crane seeking comforts

T293 è lieta di presentare Crane Seeking Comforts, la prima mostra personale di Oscar yi Hou in Italia. In mostra saranno esposti otto dipinti ad olio su carta biancastra. La pratica simbolista di Oscar yi Hou (b. 1998) ibrida l’iconografia occidentale e orientale. Nato e cresciuto a Liverpool, Inghilterra, da immigrati cantonesi, il lavoro di yi Hou è fortemente influenzato dalla sua formazione diasporica. Attraverso le sue opere l’artista gioca con l’estraneità della sua origine ‘straniera’ – il mitico Oriente – stabilendo una dichiarazione di ‘alterità’. Il formato verticale di questa serie di opere, che ricorda le pergamene orientali, insieme all’uso tecnico del pennello nero a secco, indica il suo profondo interesse per l’iconografia dell’Asia Orientale. Allo stesso tempo, è ugualmente affascinato dai simboli nordamericani come la stella dello sceriffo, i cappelli da cowboy e i graffiti urbani newyorkesi. Combinando armoniosamente questi due mondi visivi e culturali, yi Hou evoca un seducente dialogo visuale autobiografico tra Oriente e Occidente.
  dettagli

mostra fondazionebaruchello aquelpaese

dal 12/03/2021Arte contemporanea

A quel paese, Rogelio López Cuenca

Prima retrospettiva in Italia dell’artista Rogelio López Cuenca, l’esposizione si articola in tre sedi: un nucleo significativo di lavori sarà esposto negli spazi dell’Accademia di Spagna, le due opere HOME SWEPT HOLE e No/W/Here saranno installate nella Fondazione Baruchello e altri lavori saranno visibili nello spazio pubblico della Città di Roma. A quel paese si compone di pitture, installazioni, video, testi editoriali che illustrano alcune delle problematiche fondamentali e ricorrenti nella ricerca di López Cuenca, quali il viaggio, le politiche migratorie, la memoria storica, la speculazione urbana e la spettacolarizzazione della cultura in funzione del turismo, nel tentativo di sovvertire l’ordine costituito e aprire gli occhi sul “capitalismo delle immagini”. Il leitmotiv che lega tutte le opere, nonostante l’uso da parte dell’artista di tecniche e materiali sempre diversi, è l’indagine sul linguaggio, sulla parola, sulla sua tradizione e traduzione. Prima di tutto poeta e secondariamente artista, López Cuenca gioca sui doppi sensi, sulla fonetica, sullo scarto di senso che permette la parola scritta e verbale. Si spiega così anche il titolo, A quel paese, che nella sua voluta ambiguità semantica diventa esortazione, imprecazione, invito ed è esemplare di quel “campo poetico espanso” che caratterizza il lavoro di López Cuenca.
  dettagli

mostra galleriatartaruga collezionedigalleria

01/04/2021 - 30/04/2021Arte contemporanea

COLLEZIONE DI GALLERIA

La Galleria Della Tartaruga riapre le porte al pubblico con uuna mostra che espone collezione delle opere custodite nei suoi spazi.
  dettagli

mostra sala1 matericitadelleffimero

10/03/2021 - 24/04/2021Arte contemporanea

MATERICITA’ DELL’EFFIMERO

Sala1 è lieta di presentare la mostra Matericità dell’Effimero,primo appuntamento del progetto Open -Portfolio, che nasce per coinvolgere e dare la possibilità ai giovani artisti di esporre i propri lavori.L’esposizione,che vede come protagoniste Ellen Wolf, Ludovica Baldini e Roberta Ubaldi,è caratterizzata da una potente e coinvolgente forza di comunicazione sensoriale e percettiva che affiora e si palesa tramite l’energia cromatica, la potenza dei vari mediumedalle immagini evocate. Le opere riflettono sul concetto di tempo, casualità e fugacità delle tracce.Opere in transizione, esplorate mediante tecniche diverse quali la pittura,stampe fotografiche, installazionivideorealizzate utilizzando materie e supporti misti, alquanto diversi tra loro, che creano una comunione unica. Le tre artiste mettono in opera due livellitemporali facendoli interagire: un tempo oggettivo ciclico, il tempo del divenire del mondo dominato dal caos e dalla mancanza di senso; il tempo dell’eternità, come astrazione assoluta nella qualesi cerca di fermare il tempo, il tutto correlato dalla poetica della casualità.
  dettagli

mostra ada bennibosetto

dal 06/03/2021Arte contemporanea

Benni Bosetto, 00 0 00

Mostra personale dell'Artista Benni Bosetto. Ricorda,uomo,che polvere sei e polvere ritornerai, G.3,19.Il21/06/1907 Hilma AfKlint scrive nella ventiseiesima pagina dei suoi appunti il simbolo 00000, per definire un nuovo concetto di origine, non tracciata per confortare ma in grado di ripetersi, caoticamente e pericolosamente.
  dettagli

mostra monitor leddertothemoon

26/02/2021 - 16/04/2021Arte contemporanea

LADDER TO THE MOON

Ladder to the Moon è il titolo di un dipinto realizzato da Georgia O’ Keefe nel 1958, conservato al Whitney Museum di New York. Viene considerato per lo più un dipinto astratto, ma di astratto non ha assolutamente nulla. Sullo sfondo di un cielo latteo/acquamarina si staglia una rudimentale scala tesa verso un quarto di luna; molto basso, quasi un accenno, il paesaggio di Gost Ranch, nel New Mexico, con la montagna Pedestal. È un dipinto fortemente evocativo, essenziale, primitivo, quasi mistico. Si legge che nella cultura del Pueblo, che la O’ Keefe ha studiato a lungo, la luna rappresentava il congiungimento con le forze ancestrali e superiori.? È una visione potente, ambiziosa. In un qualche modo simboleggia il tendere verso un qualcosa che rappresenta lo strumento per farlo. Ladder to the Moon è anche il titolo scelto per questa nuova mostra da Monitor, che vede una partecipazione tutta al femminile, dopo la mostra romana del 2019 If It is Untouchable it is not beautiful: Lula Broglio, Marta Roberti, Giulia Mangoni ed Eugénia Mussa sono le protagoniste di questa nuova mostra collettiva.
  dettagli

mostra galleriaalessandrabonomo nutiscarpa

25/02/2021 - 12/04/2021Arte contemporanea

Nuti - Scarpa

Una doppia personale di scultura e pittura. Lulù Nuti works across a number of different mediums from paper, charcoal, wood, metal, plaster and concrete, playing with notions such as time and space through the carefully orchestrated placement of natural and industrial materials. Delfina Scarpa Nata a Roma nel 1993 Vive e lavora a Roma
  dettagli Lulù Nuti Lulù Nuti

mostra kougallery infinitovisivo

20/02/2021 - 15/04/2021Arte contemporanea

Infinito Visivo - Costanza Alvarez De Castro

Non è un caso che all'inizio della loro avventura creativa, molti artisti abbiano basato il loro lavoro ricercando un'arte equilibrata e universale, pensandola come un mezzo per ottenere un'armonia che si adatta alla realtà. Tanto che non è raro, al di là degli schemi formali che caratterizzano le opere pittoriche, scoprirne la vena poetica, la vera essenza totale, in cui la sensibilità è canalizzata attraverso una ponderazione intelligente e ordinata che distribuisce i diversi elementi contenuti nel dipinto e che ne compongono l'immaginario visivo. Secondo Alberto Giacometti «L’oggetto dell’arte non è riprodurre la realtà, ma creare una realtà della stessa intensità» e certamente è innegabile che alla base del lavoro artistico di Costanza Alvarez de Castro da sempre c’è un’attenta lettura e interpretazione di ciò che ci circonda, mettendo in atto un processo di riduzione dei dettagli in cui la rappresentazione della realtà concentra l’analisi e lo studio su fattori specifici della visione.
  dettagli

mostra archiviomennabinga locus

20/02/2021 - 10/04/2021Arte contemporanea

Tomaso Binga. Locus

Per festeggiare un importante traguardo, i 90 anni di Tomaso Binga, la Fondazione Filiberto e Bianca Menna, il Lavatoio Contumaciale, la FUIS-Federazione Unitaria Italiana Scrittori e l’Associazione FigurAzioni, sono liete di annunciare la mostra personale Locus che si terrà nella sede romana della Fondazione, in via dei Monti di Pietralata 16 (Roma), dal 20 febbraio al 10 aprile 2021.
  dettagli

mostra francescaantonini adapt

18/02/2021 - 09/04/2021Arte contemporanea

BENEDETTO PIETROMARCHI [adapt].

[adapt]. si presenta come un progetto coerente ma organico, che manifesta l’approccio multidisciplinare e la moltitudine di spunti che nutrono la ricerca di Pietromarchi. Saldamente ancorato alla terra — quella che in senso pratico raccoglie e raffina personalmente per plasmare le sue ceramiche — e al territorio — la Maremma, che per lui, spostatosi in Europa tra Londra, Carrara e Berlino, è sempre stata casa e punto fermo — il suo lavoro si distingue per qualità tecnica ed eleganza della composizione. Mentre l’argilla è al contempo elemento plastico del modellato e simbolo di un legame viscerale tra il corpo dell’opera e quello dell’artista, la formazione architettonica gli garantisce un’impostazione sapiente delle strutture, che possono raggiungere dimensioni installative importanti e collocarsi misuratamente nello spazio per le quali sono ideate. In questa occasione Pietromarchi ha trattato materiali e ‘reperti’ provenienti dai dintorni del suo studio maremmano: radici di ulivo, argilla, fogliame e scarti della lavorazione del ferro provenienti dall’antica ferriera di Capalbio, che tra il Quattrocento e la fine dell’Ottocento è stata attiva nella lavorazione del ferro proveniente dall’isola d’Elba.
  dettagli

mostra nomasfoundation romacittaaperta

01/01/2021 - 31/12/2021Arte contemporanea

Roma Città Aperta

Roma citta? aperta will take place from January 2021 to December 2021. roma citta? aperta wants to bring the public closer to the arts, also involving local associations and actively including Roman municipalities, encouraging exchanges and debates required for the transformation of the city. Usually private places, the studios of the artists open up to be spaces for sharing and participating where the public can discover how artistic research is born and takes shape.
  dettagli Roma Città Aperta Roma Città Aperta

mostra gagosian richardartschwager

14/01/2021 - 24/04/2021Arte contemporanea

Richard Artschwager

Il lavoro di Artschwager, associato a molti generi ma conforme a nessuno di essi, è stato variamentedescritto come Pop, perché incorpora oggetti quotidiani e materiali commerciali; come Minimal, perle sue forme nitide e la sua presenza solido-geometrica; e come Concettuale, per il suocoinvolgimento intellettuale con il significato. Questa rara rassegna dei primi decenni della riccacarriera di Artschwager testimonia la sua abilità nel riorganizzare le strutture percettive, mettendo aconfronto diretto il mondo illusorio e figurato delle immagini con quello concretamente umano deglioggetti. Attraverso variazioni di scala e trasposizioni di forme e materiali, le opere di Artschwager sollecitanouna continua rivalutazione dello spazio e del tempo, suggerendo narrazioni articolate, complessitàcompositive al tempo stesso ordinarie e surreali. Impiegando materiali sintetici, commerciali eindustriali, Artschwager ha trasformato le sue fonti con quella imperturbabile arguzia visuale cherende “inusuale” il familiare. Nel
  dettagli

mostra micro ilborestachenontiaspetti

07/01/2021 - 30/11/2021Arte contemporanea

IL BORESTA CHE NON TI ASPETTI

Lo spazio Micro Arti Visive di Roma è orgogliosa di annunciare l’imminente inizio dell’ambizioso progetto espositivo IL BORESTA CHE NON TI ASPETTI. Sei episodi che ripercorreranno nell’arco di sei mesi (dal 7 gennaio 2021 al 31 giugno 2021) la vicenda artistica “dell’outsider tra gli outsider”, come lo stesso Pino Boresta ironicamente si autodefinisce. Sei mostre che daranno conto di un itinerario artistico perlomeno insolito e decisamente fuori dagli schemi del sistema dell’arte, attraverso mostre, incontri, sorprese e approfondimenti dedicati a quello che si può senz’altro definire come il precursore della Sticker Art, che da più di trent’anni ha invaso con le sue smorfie i muri delle nostre città. Difficile confinare il lavoro di Boresta in un genere ben preciso, avendo spaziato senza soluzione di continuità e con feroce ironia dalla pittura alla fotografia, dall’arte pubblica alla performance. Spinto da un reale bisogno di contaminarsi con linguaggi differenti e spesso inconsueti, Boresta ha accumulato negli anni una quantità di opere e materiali a dir poco sorprendente.
  dettagli

mostra z2o scritture

16/12/2020 - 31/03/2021Arte contemporanea

Scritture - Pier Paolo Calzolari

z2o Sara Zanin è lieta di annunciare l’apertura di un nuovo spazio espositivo, che si aggiunge a quello ufficiale della galleria e che sarà dedicato a residenze e progetti speciali con artisti: z2o Project - in Via Baccio Pontelli 16 Per l’inaugurazione z2o Project ospiterà la mostra Scritture, un progetto interamente dedicato alla recente produzione di tempere su sale di Pier Paolo Calzolari. In occasione della mostra è stato realizzato in collaborazione con l’artista il volume Pier Paolo Calzolari ballata bianca, con poesie di Bruno Corà e Karine Marcelle Arneodo edito da Magonza.
  dettagli

Galleria d'Arte Marchetti 15/04/2021 - 17/06/2021

mostra galleriamarchetti giulioturcato

GIULIO TURCATO – Colori mai visti

Colori mai visti, realizzata in collaborazione con L’Archivio Giulio Turcato. In esposizione 25 dipinti, a delineare un percorso attraverso tutta la parabola creativa dell’artista – nato nel 1912 a Mantova e scomparso a Roma nel 1995 – fra i più significativi interpreti dell’astrazione europea: dalla figurazione stilizzante dei Comizi, delle Rovine di Varsavia, delle “Venezie”, all’astrazione “informale” dei Reticoli e dei Desertici, alla geniale creazione delle Superfici lunari, alla giocosa “cartografia” di Itinerari e Arcipelaghi, al sontuoso e sensuale luminismo dei Cangianti. Aprirà il percorso l’opera cronologicamente più precoce presente nell’Archivio Turcato: l’inedito dipinto bifronte del 1928-30, su un lato del quale un giovanissimo Giulio Turcato dipinge un Interno, e sull’altro un Porto. A concludere il percorso, l’ultima opera pittorica di grandi dimensioni di Turcato: Dune, del 1992, la cui straordinaria qualità e raffinatezza testimonia della forza creativa conservata dall’artista fino ai suoi ultimi anni . Prima di questa, la galleria Marchetti aveva dedicato a Turcato personali nel 2008 e nel 2011, e un omaggio in occasione del centenario della nascita nel 2012, all’interno della mostra A partire da Forma 1 – Percorsi nell’astrattismo . Catalogo in galleria (Grafiche Turato Edizioni, Padova).
  dettagli

RossoCinabro 12/04/2021 - 12/05/2021

mostra rossocinabro inspiredbynature

Inspired by Nature

In un mondo sempre più oberato da questioni urgenti di grande importanza e sfide immense, ci rivolgiamo alla natura per trovare conforto e pace. Questa mostra riunisce artisti che spinti da un senso di urgenza guardano alla natura non solo come fonte di ispirazione ma anche come guida e sostegno. I loro processi di ispirazione, creando connessioni significative, sono risposte ottimistiche in questo momento in cui gli esseri umani devono lottare con le complessità e le condizioni del nostro pianeta. La mostra diventa anche un viaggio tra realtà e finzione, tra Natura e rappresentazione, in cui sembrerà talvolta difficile distinguere ciò che è reale da ciò che è realistico e in cui foreste, marine, campagne e prati dipinti saranno l'emblema di quel verde che da anni cerchiamo di recuperare, per rinsaldare un rapporto tra uomo e Natura che, fortissimo nei tempi antichi, sempre più si sta perdendo nel vivere attuale.
  dettagli

Galleria AREA CONTESA 08/03/2021 - 14/04/2021

mostra areacontesa foeminaionacqui

FOEMINA IO NACQUI

Foemina Io Nacqui è la mostra dedicata alla celebrazione della donna come artista e come rappresentazione nell’immaginario artistico maschile.
  dettagli

Galleria del Laocoonte  - 

mostra gallerialaocoonte mitologiameccanica

Patrick Alò, Mitologia Meccanica

Mostra antologica dello scultore contemporaneo Patrick Alò: MITOLOGIA MECCANICA, nelle cui opere i rifiuti della modernità tecnologica, i rottami di metallo, rinascono a nuova vita come opere di scultura neoclassica, tratte o ispirate dall’antico.
  dettagli Patrick Alò Patrick Alò

Galleria del Laocoonte  - 

mostra gallerialaooconte 900classico

‘900 Classico

La scelta di occupare la Roma papale per farne la Capitale tanto simbolica che amministrativa della Nuova Italia, non ci è costato soltanto due onerosi traslochi – da Torino a Firenze, e da Firenze a Roma – ma ha fatto sì che ne venisse in gran parte influenzata la storia figurativa, architettonica e urbanistica tanto di Roma che del resto del paese. La “nuova” Roma era pur sempre la vecchia Roma dei Papi, e ad ogni passo chiavi e triregni, Santi e Madonne ricordavano ai “buzzurri”, ai nuovi italiani, di essere stati di fatto degli invasori e degli inquilini abusivi di regge, palazzi e conventi che erano stati del papa, della Chiesa e dei suoi Ordini. E’ per questo che l’oligocrazia che aveva fatto l’Italia ed ora cercava di amministrarla e penosamente ammodernarla, al di là delle divisioni politiche dei governanti tra loro, creò una religione alternativa a quella predicata dall’avversario, “quel di se stesso antico prigionier” (Carducci), l’autocrate chiuso in Vaticano, il pontefice romano che poteva vantarsi di quasi milleottocento anni di civiltà figurativa cattolica, dai primi sgraffi nelle catacombe agli affreschi allora contemporanei di Francesco Podesti in Vaticano, che celebrano l’Immacolata Concezione, voluti da Pio IX accanto a quelli di Raffaello.
  dettagli

Pavart 22/03/2021 - 20/04/2021

mostra galleriapavart siamotuttifritti

Siamo Tutti Fritti!

Purtroppo la mostra “SIAMO TUTTI FRITTI!” di Salvatore Cammilleri NON si potrà inaugurare in presenza il 20 marzo prossimo, a causa delle nuove disposizioni necessarie a contenere questa terribile pandemia. Siamo nuovamente in zona rossa e tutte le attività sono sospese fino a data da definirsi. Ce ne dispiace immensamente. Tuttavia abbiamo deciso di allestire la mostra comunque e riportarne le immagini online nei nostri canali social. Nella speranza di poterla rendere visitabile il mese prossimo, v’invitiamo a seguire le nostre attività su Instagram, Facebook, LinkedIn, YouTube, Kunstmatrix, Kooness e Webpage.
  dettagli

Galleria Vittoria 17/03/2021 - 

mostra galleriavittoria tuttiatavola

Tutti a Tavola - La Mostra

La Galleria Vittoria è dell’idea che l’arte non si ferma e a differenza dello scorso marzo questa volta era preparata ad eventuali chiusure inaugurando online il 17 marzo la mostra “Tutti a Tavola” a cura di Tiziano M. Todi, per poi proporla in presenza alla riapertura del Lazio. La mostra è arricchita dagli interventi della Pasticciera Sofia Fabiani, dal Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione Edoardo Mocini e della Dottoressa di ricerca in Comunicazione Elisabetta Trinca. ? Gli artisti in mostra sono: Tiziana Befani, Paolo Berti, Alessandro Cignetti, Maria Rita Gravina, Roberto Nizzoli, Tommaso Pensa, Daniela Poduti Riganelli, Anna Proietti, Anna Ricca, Anna Saegesser Pavone, Emanuela Sannipoli, Chicca Savino e TXTProject. La mostra “Tutti a Tavola”, che si sarebbe dovuta aprire il 17 marzo 2021, sarà interamente visitabile online sul sito di Galleria Vittoria. #ArteinZonaRossa
  dettagli

28 Piazza di Pietra 12/03/2021 - 

mostra 28piazzadipietra andreacapanna

Opening Look out by Andrea Capanna

Dal 12 marzo Andrea Capanna torna a 28 Piazza di Pietra per proporre un’anteprima del suo nuovo progetto artistico. Con LOOK OUT sono in mostra sei opere che, nel riaffermare compiutamente la tradizionale cifra stilistica dell’Autore, rappresentano la testimonianza visiva di un messaggio profondamente attuale. I “muri” di Capanna, le sue tecniche di stratificazione su base lignea offrono la base “materiale”ad una visione impalpabile ma intensa delle prospettive del nostro pianeta. I paesaggi di Capanna ci invitano a uscire dal chiuso dei nostri egoismi e delle tante paure di questi tempi bui. Senza parole ci gridano: LOOK OUT, guarda fuori con attenzione (e rispetto) per la natura che ci circonda.
  dettagli

Mac Maja Arte Contemporanea 10/03/2021 - 10/04/2021

mostra macmaja madagascar

XXX X MADAGASCAR In support of "Stefano Project Onlus"

XXX X MADAGASCAR è la collettiva che la galleria Maja Arte Contemporanea, insieme all'artista Ria Lussi, dedica a supporto di Stefano Project Onlus: progetto di sviluppo globale avviato nel 1987 da Stefano Palazzi, nella piccola isola di Nosy Komba, nel nord del Madagascar. L'urgenza di "prenderci cura gli uni degli altri e del creato" a favore dei più fragili - come indicato da Papa Francesco nella sua Enciclica Laudato Si' - è più che mai evidente in questi tempi segnati dal Covid-19. Per ingegnosa iniziativa della gallerista Daina Maja Titonel e dell'artista Ria Lussi, che mette a disposizione la sua collezione personale degli amici e artisti Enzo Ragazzini, Dirk Vogel, Enzo Barchi, Alessandro Valeri e la partecipazione generosa di tre artisti della galleria Pierre-Yves Le Duc, Angela Maria Piga e Anna Di Paola, si propone un gruppo di opere "erotiche", che auspicabilmente risveglieranno le coscienze, dopo il lungo letargo invernale. In mostra due grandi porno-grafie di Enzo Ragazzini, una cianografia di fanciulla silvestre della giovanissima Anna Di Paola, la serie de l'Acrobata russa di Alessandro Valeri, il dipinto 9 muse e 9 poeti di Pierre-Yves Le Duc, le sculture sottilmente ammiccanti di Angela Maria Piga e di Enzo Barchi, i seducenti corpi di uomo di Dirk Vogel, e per finire Out of the Blue, opera storica di Ria Lussi.
  dettagli

11 [HH] Art Gallery 06/03/2021 - 23/04/2021

mostra 11hhartgallery fortunatodepero

“DEPERO. Futurism & Advertising”. Retrospective on Futurism and Fortunato Depero

Mai come nel Futurismo la combinazione di arte e pubblicità ha avuto una produzione così redditizia e innovativa. Dalla grafica al packaging, dal personal branding al marketing di prodotto, la visione moderna dei futuristi ha rivoluzionato per sempre la comunicazione. Depero ha rivisto e rimodellato i canoni del poster, puntando sull'immediatezza visiva, l'essenzialità delle forme e la forza del carattere tipografico. Il suo stile grintoso, aggressivo ed esplosivo, caratterizzato da audaci combinazioni coloristiche di tinte piatte, lo rende ancora oggi una fonte di ispirazione per i designer contemporanei.
  dettagli

Galleria Mario Iannelli 02/03/2021 - 23/04/2021

mostra galleriamarioiannelli cast

Cast: Baldo Diodato, Schirin Kretschmann, Yorgos Stamkopoulos

La Galleria Mario Iannelli ha il piacere di presentare una mostra collettiva di Baldo Diodato, Schirin Kretschmann e Yorgos Stamkopoulos che ne mette a confronto le ricerche in un reciproco significante insieme. Il titolo “Cast” pone in evidenza l’atto del calcare quale punto di partenza nell’osservazione della cifra costante dell’opera concettuale e scultorea di Diodato che si ritrova in alcuni aspetti e in forme mutate nel lavoro site-specific di Kretschmann e nella pittura di Stamkopoulos.
  dettagli

Galleria Mucciaccia  - 

mostra mucciaccia collection

Collection

La Galleria Mucciaccia propone un percorso che attraversa tutto il Novecento fino ai giorni nostri. Una selezione di più di 20 opere fondamentali per la storia dell’arte a livello italiano e internazionale. Alcuni tra gli artisti in mostra: Carla Accardi, Roberto Bernardi, Massimo Campigli, Giorgio De Chirico, Piero Dorazio, Massimo Giannoni, Llewellyn Xavier, Cristiano Pintaldi, Piero Pizzi Cannella, Oliviero Rainaldi.
  dettagli Galleria Mucciaccia Galleria Mucciaccia

Restelliartco 13/02/2021 - 30/04/2021

mostra restelliartco withirwithoutyou

L’amore e le sue mille sfumature raccontate attraverso l’arte. Un percorso espositivo, quello creato dai Galleristi Raffaella Rossi e Filippo Restelli all’interno della Galleria Restelliartco che proseguirà fino al 30 aprile, che racconta la seduzione, la passione, la tenerezza o l’incapacità di aprirsi che è soprattutto di questi tempi, in cui le forzate distanze sembrano aver complicato ulteriormente ogni forma di scambio, ma lo fa in chiave pop, con la positività e la “joie de vivre” che da sempre contraddistinguono quest’arte. Nella sua “I can live”, Marcello Maugeri usa i segni come espressioni per decifrare contenuti, donare visione e ricevere linguaggio; un modo per indebolire le linee di resistenza, per favorire le possibilità di flusso ed interscambio. Linguaggi contaminati, nuovi codici della comunicazione che trovano espressione attraverso una materia che rivela la sua essenza atemporale ed universale.dettagli

La Nuova Pesa 18/02/2021 - 

mostra lanuovapesa dilada

DI LÀ DA - Andrea Aquilanti

Proemi, la mostra collettiva appena conclusasi a La Nuova Pesa ha introdotto, costituendone il prologo, la rassegna Realia che giovedì 18 febbraio prende avvio con una personale affidata ad Andrea Aquilanti, cui seguiranno quelle degli altri artisti coinvolti, precisamente Gianni Dessì, Roberto Pietrosanti, Giuseppe Salvatori, Federica Luzzi, Alberto Garutti. Il titolo della mostra, DI LÀ DA, intende affermare che, pur in un’apparente assenza di movimento, e in una scena differita rispetto a quella occupata dall’osservatore, qualcosa accade e si manifesta a livello di visione. Proprio come nell’ Infinito leopardiano si offre la condizione immaginifica della prefigurazione, del vedere di là da. Ma non solo questo. Attraverso l’impiego di video proiezioni l’artista ci introduce in uno spazio labirintico e debordante dove sincronicamente abitano l’interno e l’esterno, lo spazio presente e il successivo quasi a sottolineare il primato dell’immagine nelle molteplici possibilità della narrazione, dal momento che “il vedere viene prima delle parole: il bambino guarda e riconosce prima di essere in grado di parlare” (John Berger, Questione di sguardi).
  dettagli

Basement Roma 18/02/2021 - 18/05/2021

mostra basement incorporea

INCORPOREA Kate Cooper - Hannah Levy - Ebecho Muslimova - Berenice Olmedo

INCORPOREA is a year-long choral exhibition conceived by CURA. and set up as to develop and transform itself over time, and aimed at investigating the body in all its folds and meanings: The body in its presence and absence, the social body, the body as a revolutionary space, of antagonism and freedom,expressionandresearch,self-definition and power, identity and gender. Going across different generations and media, starting from new artistic expressions and going back towards the historical avant-gardes, INCORPOREA will investigate the practices that have uncovered, transformed and re-imagined the body and the speculations it has inspired. Moving around the boundaries, meanings and shapes of the body, the exhibition intends to introduce a new corpus of works every month in a sort of endless movement, a constant flow of addition and subtraction, with the aim of exploring an urgent and significant theme, articulating the elements that define it beyond preconceived categories, in today’s ever-shifting scenario.
  dettagli Evvento Evvento

z2o 05/02/2021 - 15/04/2021

mostra z2o nude

NUDE - Beatrice Pediconi

Con Untitled Pediconi apre la propria ricerca a un’investigazione del segno attraverso una serie di disegni su carta realizzati mediante la tecnica dell’emulsion lift, ovvero impiegando strisce di emulsioni fotografiche sottratte da lavori precedentemente realizzati. Attraverso poi l’utilizzodei pennelli o direttamente con le proprie mani, l’artista muove l’emulsione, che a questo punto del processo ha assunto la consistenza di un velo di seta, per posizionarla sulla carta, all’interno di una vasca piena d’acqua. L’acqua, come elemento primario, diviene il tramite mediante cui catturare un flusso di immagini segniche originate dal gesto fatto imprimere sulla carta. Questi stessi segni, marcatori di uno spazio vuoto, divengono la testimonianza di una traccia, memoria di un passato trasformato e sublimato, ma anche sequenza di un racconto intimo in cui il ricordo, messo a nudo, accoglie su di sé le vestigia di un’esistenza che si rivela in tutta la sua fragilità.
  dettagli Video Nude Video Nude

Galleria Triphè 02/02/2021 - 

mostra galleriatriphe frammenticollezione

Frammenti di una collezione

La galleria Triphè riprende la sua programmazione con una serie di opere appartenenti alla serie "frammenti di una collezione" Gli orari 10-13/ 16-18 (possono variare) Per info contattare il 3661128107
  dettagli

Sinopia  - 

mostra galleriasinopia 1

GALLERIA D'ARTE SINOPIA

Nel cuore di Roma, lo spazio espositivo della Galleria Sinopia invita lo spettatore-visitatore a sperimentare in prima persona l’esaltazione reciproca del bello e del funzionale, proponendo associazioni creative e sperimentali tra l’eleganza dell’arredamento antiquario e la forza visiva dell’oggetto d’arte contemporaneo. La Galleria antiquaria, presente a Roma fin dal 1988, ha intrapreso negli anni recenti un percorso di riscoperta della produzione artistico-artigianale contemporanea, proponendo alla propria clientela una accurata selezione di quadri, sculture, fotografie, oggetti d’arte e d’arredo di artisti nazionali ed internazionali e ricercati abbinamenti tra epoche e culture diverse. La Galleria dedica inoltre una sezione ai “Makers” per creare un punto d’incontro tra arte – design – artigianato. I “Makers” creano un design artistico, non di produzione industriale ma in edizione limitata. Il principio dell’acquisto è quello dell’opera d’arte: i materiali sono preziosi, si avverte il lavoro dell’artista, sotto le superfici si può sentire il movimento, la forza, l’abilità che lo guida.
  dettagli

Galleria Fidia 02/02/2021 - 

mostra galleriafidia artenonnecessaria

“L’arte non è necessaria. È' il superfluo. E' quello che ci serve per essere un po’ felici o meno infelici. Costituisce un rifugio, una difesa”

“L’arte non è necessaria. È' il superfluo. E' quello che ci serve per essere un po’ felici o meno infelici. Costituisce un rifugio, una difesa” con queste parole di Lea Vergine, accogliamo anche noi con grande gioia la riapertura dei Musei. Dopo mesi di chiusura inflessibile, il pubblico torna ad essere il protagonista necessario alla stessa definizione di Museo come istituzione permanente al servizio della società e del suo sviluppo. Anche noi, piccoli custodi della cultura artistica, ci facciamo portatori di speranze e positività nel fornire un primo accesso a quel "necessario superfluo" di cui la nostra attuale esposizione ne è prova. Nella collettiva in atto troverete artisti che seppur mossi da esigenze comunicative eterogenee e dalla decisa impronta personale, sono accomunati nel fatto di aver contribuito al "mondo dell'arte" con la capillare diffusione del proprio messaggio e la massima diffusione dei loro contenuti. Vi aspettiamo in galleria con opere di Pietro Ruffo, Vito Bongiorno, Giosetta Fioroni, Franco Angeli, Omar Galliani, Riccardo Tommasi Ferroni, Giulio Turcato, Piero Pizzi Cannella ed altri.
  dettagli

Chiaroscuro Gallery 26/11/2020 - 

mostra chiaroscuro chiaroscuroatelier

Chiaroscuro Atelier

Chiaroscuro Atelier apre il laboratorio artigianale di tessuti, filati gioielleria, ceramiche, fotografia. Creazioni di Gabi Damianakis, Ilaria Falco, Miss cheri, Alberto Guerri, Laszlo Jezek, Giorgia Monni
  dettagli

Anna Marra Arte Contemporanea 11/11/2020 - 30/01/2021

mostra galleriaannamarra arallelsandperipheries

ARALLELS AND PERIPHERIES: Fractal and Fragments

Galleria Anna Marra è lieta di presentare PARALLELS AND PERIPHERIES: Fractals and Fragments a cura di Larry Ossei-Mensah. La mostra è il quarto appuntamento di una serie - il primo al di fuori degli Stati Uniti - che indaga pratiche artistiche indotte da idee, narrazioni, miti e materiali, e presenta le opere di sei artisti afroamericani che vivono e lavorano negli Stati Uniti: le sculture di Kim Dacres e Kennedy Yanko, i dipinti, le opere su carta e i collage fotografici di David Shrobe, Kenturah Davis, Nate Lewis e Basil Kincaid. PARALLELS AND PERIPHERIES: Fractals and Fragments utilizza il concetto matematico dei frattali per esplorare in profondità ciò che si vede sopra e sotto la superficie. L'uso di questo quadro concettuale evidenzia la complessità e le sfumature presenti nella storia condivisa dell'estetica nera e della comunità della Diaspora. Inoltre, mostra che sebbene questi artisti possano avere esperienze in qualche modo simili a prima vista, a un esame più attento, possiedono voci e prospettive che sono immensamente varie e comprendono una molteplicità di differenze.
  dettagli

smART 15/10/2020 - 07/05/2021

mostra smart andreakvas

Blac Ilid - Andrea Kvas

Blac Ilid, la prima personale a Roma dell’artista Andrea Kvas a cura di Davide Ferri. Blac Ilid, espressione arbitraria e incomprensibile scritta con le lettere di un font disegnato dall’artista che ricorre in molti dei suoi dipinti recenti, è anche titolo della sua personale presso smART. La mostra include un ciclo di lavori apparentemente irriducibili ad un unico autore, ma realizzati attraverso una processualità che caratterizza il lavoro dell’artista fin dagli esordi, e approda nel vasto territorio dell’astrazione – un’astrazione imprevedibile e involontaria, agile - ed esclusivamente dipinti su tela: un aspetto significativo, perché di rado l’artista utilizza la tela come unico supporto per un intero ciclo di lavori. Le opere in mostra alla Fondazione nascono all’insegna di un’altra forma di "variabilità" processuale: come sempre accade nella pratica di Kvas le tele sono dipinte in orizzontale, ma, una volta ultimate, vengono intelaiate e riportate su un piano verticale come se l’inquadratura finale dell’immagine, il suo contenimento nei limiti del telaio, la definizione dei suoi margini e della sua dimensione, riconfigurasse a posteriori tutto il processo.
  dettagli