ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Gallerie private

Riordina Click sui quadri per portarli in primo piano

mostra 28 Piazza Di Pietra Verena D'Alessandro
mostra 28 Piazza Di Pietra Verena D'Alessandro
mostra 28 Piazza Di Pietra Verena D'Alessandro
mostra 28 Piazza Di Pietra Verena D'Alessandro

Verena D'Alessandro Sulle mutanti luci

arte contempranea

28 Piazza di Pietra dal 05/05/2022 al 26/06/2022

Vetrate illuminate e cabine telefoniche con all’interno un’enigmatica silhouette di persona, pick-up in sosta sotto lampioni che illuminano circoscritte aree di un parco immerso nel buio, fari abbaglianti di un’automobile fuori campo che fendono l’oscurità di una strada senza fine, parchi-gioco e giostre sfavillanti in una città improbabile dall’aspetto pop immersa in una suggestiva twin-light, e poi strade all’americana avvolte in uno scenario surreale che avanzano verso l’orizzonte e oltre, cieli boreali che suscitano meraviglia e stupore nella loro silenziosa immensità. Sono rappresentazioni di un mondo stratificato nel quale si sovrappongono impressioni, ricordi, fantasie che danno vita a immagini in bilico tra realtà e immaginazione dove le atmosfere dei luoghi, spesso velate di arcano, diventano più importanti di qualsiasi riferimento topografico e geografico. Immagini che inducono spesso uno stato di sospensione e di attesa e che lasciano allo spettatore spazio all’emergere dei propri ricordi e all’attivazione della sua personale fantasia.     dettagli

Gallerie private d'arte contemporanea

mostra francescaantonini rudycremonini

19/05/2022 - 19/06/2022Arte contemporanea

RUDY CREMONINI Capriccio

Francesca Antonini Arte Contemporanea è lieta di presentare Capriccio, prima mostra personale di Rudy Cremonini (Bologna, 1981) in galleria. Una larga raccolta di opere che racchiude alcune delle tematiche affrontate dall’artista in questi ultimi anni. Composizioni floreali, piscine e i suoi corpi sospesi nell'assenza di luoghi definiti marcano le tele con gesti fluidi ed acquosi, giocando sempre sul crinale tra pieno e vuoto. Nella storia dell’arte azioni quali l'imitazione delle forme naturali o l'aderenza a rigidi principi estetici sono stati spesso il viatico per giungere ad una appagante sublimazione della bellezza. A tutto ciò è sempre esistita una strada alternativa - sicuramente meno facile da percorrere - che ha resistito all'egemonia della “regola”, contrapponendosi a tutto ciò che fosse stato vicino al concetto di mimesis: questa è l'immaginazione. Nasce così, nel XVI secolo, il "Capriccio"; l'emancipazione da forme espressive rigide, l’esaltazione per una passione sbrigliata dalla verosimiglianza. Vasari considerava il capriccio un binomio di ispirazione e volontà d'azione; per Cremonini non c'è una vera preterintenzionalità progettuale che anticipa il lavoro, esso si forma come un rituale sciamanico, la mano traduce da sempre, simultaneamente, il suo pensiero, in uno scambio continuo di fiotti creativi.
  dettagli

mostra fondazionenicoladelroscio unveiled

20/05/2022 - 11/06/2022Arte contemporanea

Un/veiled – Cy Twombly, Music, Inspirations

Un/veiled – Cy Twombly, Music, Inspirations: un programma multidisciplinare di sei serate di concerti live, video proiezioni, musica diffusa, che include l’esposizione di una serie di lavori di Cy Twombly (1928–2011). Il prestigioso calendario prevede il coinvolgimento di musicisti e artisti di fama internazionale: Harold Budd (selezione di ascolti), Eraldo Bernocchi e Nils Petter Molvær, Petulia Mattioli (video proiezioni) (live 20, 21 maggio 2022), Isabella Summers (27, 28 maggio 2022), Thierry Balasse (10, 11 giugno 2022), Devendra Banhart e Sudan Archives (documentazione di performance). Un/veiled – Cy Twombly, Music, Inspirations è l’inedito risultato di un’ampia ricognizione condotta nel corso degli ultimi tre anni dalla Cy Twombly Foundation presso le sedi di Roma e Gaeta per volontà di Nicola Del Roscio, volta a raccogliere, documentare e conservare presso i propri archivi le composizioni musicali firmate da musicisti internazionali che si sono lasciati ispirare o hanno tentato di costruire un dialogo intimo con le opere di Cy Twombly.

  dettagli

mostra unosunove giovannidistefano

19/05/2022 - 02/07/2022Arte contemporanea

Giovanni Di Stefano. Errori Significanti. Opere dal 1983 al 2022

Difficile comprendere l’evoluzione della quarantennale ricerca artistica di Giovanni Di Stefano (Roma, 1958) senza leggere le sue opere come veri e propri esperimenti interattivi, che prima di avere un valore estetico hanno una dichiarata valenza scientifica. Questa impronta, che lo ricollega direttamente alla Teoria Eventualista, è chiara fin dai suoi esordi e resta una chiave di lettura valida per tutta la sua produzione, di cui la mostra offre una panoramica antologica. Nel 1982, quando era un ventiquattrenne studente di pittura dell’Accademia di Belli Arti, Di Stefano entra a far parte del Centro Studi Jartrakor – fondato a Roma nel 1977 da Sergio Lombardo, Anna Homberg e Cesare Pietroiusti – e dimostra fin da subito di aderire ai principi dell’Eventualismo. Ne sono testimonianza i suoi Esperimenti di pittura cieca dei primi anni Ottanta, di cui un’ampia selezione apre il percorso espositivo. In queste opere la realizzazione materiale veniva delegata dall’artista a un esecutore altro che doveva, con gli occhi bendati, ricoprire (a pennarello o a grafite) la superficie di una forma geometrica semplice (un cerchio o un quadrato, disegnati su cartoncino) in un lasso di tempo determinato.
  dettagli

mostra pastificiocerere lucagalofaro

17/05/2022 - 20/07/2022Arte contemporanea

The world that I dream - Luca Galofaro

The world that I dream presenta una riflessione sulla natura dell’architettura in relazione all’azione astratta del montaggio -considerato come un metodo per definire le possibilità che si aprono allo sguardo dell’architetto- e al ruolo dell’archivio, inteso come strumento di progettazione. La mostra è una raccolta di immagini di tipo diverso, alcune inviolate altre profanate, che si trasformano in modelli e danno forma ad un’idea di mondo: ogni architetto definisce la propria visione attraverso una ricomposizione di segni e forme che ha collezionato nel tempo. Galofaro compie un’azione di riscrittura delle narrazioni del passato e Abdelkader Damani la definisce come un'utopia mnemonica, una Metopia, in quanto introduce nuovi assemblaggi narrativi, liberandosi da ogni forma codificata in precedenza.
  dettagli

mostra galleriatriphe dissolvenze

13/05/2022 - 13/07/2022Arte contemporanea

DISSOLVENZE - Lou Duca

Il lavoro dell'artista Lou Duca può apparire come una operazione di iconoclastia, di distruzione o dissolvenza dell'immagine; in realtà la sua operazione di decollage è una naturale azione di recupero del nostro passato ed una sua rivisitazione in chiave contemporanea. Lou Duca sprona l'osservatore verso un recupero della sua originaria identità radicata sicuramente in un passato classico. Le figure proposte sono scomposte quasi a risalire ad una integrità armoniosa; similmente alla tecnica del Kintsugi si genera un processo di recupero per una rinata composizione. Lou Duca sembra volerci fornire gli strumenti per recuperare un concetto di bellezza puro. Siamo di fronte alle sue opere liberi di percepirle secondo un nostro giudizio di bellezza pur facendo parte originariamente di canoni classici . Lou Duca parla di bellezza come verità da raggiungere, svelare in tutto il suo mistero, con l'operazione di decollage. Mimmo Rotella padre della tecnica del decollage realizzava strappi sui manifesti con l'intento di creare un'immagine nuova; in questo caso il dialogare nelle opere di Lou Duca è attuato per recuperare la storia e il suo concetto di bellezza; l'artista ci permette di non dimenticare il mondo classico contestualizzandolo nel contemporaneo.
  dettagli

mostra galleria291est bia

13/05/2022 - 10/06/2022Arte contemporanea

BIA - Massimiliano Amati

Dopo Ultra Natura, Massimiliano Amati ritorna ad esporre alla Galleria 291 Est, in una reiterata collaborazione con l’annesso laboratorio calcografico della Galleria 291 INC. Con la personale BIA, legata fin dal titolo ad una celebrazione della vita, l’artista omaggia la sua linea matriarcale e la sfera del femmineo, in quanto presupposto biologico della creazione e quindi della nostra stessa esistenza. Ed è proprio ispirandosi alla biologia che Massimiliano Amati delinea le sue immagini biomorfiche: forme aperte, organiche, che sprigionano energia attraverso il colore. Una serie iniziata nel 2019, poi protrattasi nel corso della pandemia, e, pertanto, intessuta -anche se non didascalicamente- al nostro vissuto recente e ad un sopraggiunto anelito di rinascita. In tal senso, BIA si fonda sui concetti vitali di metamorfosi e fluidità.
  dettagli

mostra thegalleryapart pietroiusti

06/05/2022 - 29/07/2022Arte contemporanea

VALORI - Cesare Pietroiusti

Figura imprescindibile della scena artistica concettuale non solo italiana, anticipatore di pratiche artistiche relazionali, punto di riferimento per molte generazioni di artisti più giovani, Cesare Pietroiusti sceglie The Gallery Apart quale strumento per proseguire la ricerca sul tema dello scambio e sui paradossi che sorgono nelle pieghe dei sistemi, compreso quello dell’arte, e delle regole economiche. Lo stesso artista introduce così il progetto espositivo: “Questa storia comincia verso la fine degli anni ’70 quando, prima sporadicamente e poi sempre più spesso, anonimi autori si misero ad arricchire con disegni, messaggi, firme e sgorbi, le banconote da mille lire. Non so se si trattasse di uno strascico dell’inflazione e quindi della diminuzione del potere d’acquisto del denaro corrente, o di un effetto dell’ideologia della ‘partecipazione’, molto in voga all’epoca, o ancora di una generalizzata smitizzazione dell’autorità statale e dei suoi simboli; quello che so è che io mi dedicai, nei primi anni ’80, a collezionare quelle banconote scarabocchiate e, a partire dal 1987, a proporne, nelle mostre, degli ingigantimenti fotografici. Da sempre consapevole della mia incapacità di ‘creare’ immagini interessanti, mi dedicavo infatti alla raccolta, e, in qualche caso, all’esposizione, di produzioni, prevalentemente involontarie, rigorosamente altrui.
  dettagli

mostra galleriafaber refugees

07/05/2022 - 30/07/2022Arte contemporanea

REFUGEES di Keisuke Matsuoka

Lo straniero in balìa degli eventi acquista nell'immaginario dell'artista il ruolo simbolico di una figura umana moderna. Al centro del credo artistico di Matsuoka c’è il tentativo di trovare, da un punto di vista morfologico-antropologico-culturale, ma anche negli aspetti animistico-spirituali, la figura di un uomo universale scevra da ogni componente di genere, razza, luogo che possa specificarla o condizionarla. La ricerca di Keisuke Matsuoka, difatti, agendo tra diverse e articolate dimensioni di significato, è esattamente tesa, secondo le stesse parole dell’artista, “alla scoperta dei fili che legano gli esseri umani tutti”. La figura del rifugiato diventa presupposto e paradigma per un'analisi sull'intero genere umano. Tutto questo Matsuoka lo analizza e lo ritrasmette con la propria arte, ce lo porge in forma di scultura, prende le materie, modella, trasforma, distrugge e ricostruisce; come fa la natura, come succede a ogni uomo con la propria identità, esattamente come sono costretti a fare i rifugiati nella lotta per la sopravvivenza. L'esposizione è interamente realizzata in site specific per gli spazi della galleria e il percorso mette in mostra una sorprendente versatilità tecnica sia nelle opere scultoree che nelle installazioni esplose dal grande impatto scenografico.
  dettagli Evento Evento

mostra wunderkammen hogre

04/05/2022 - 28/05/2022Arte contemporanea

Hogre. Antologica 2007/2022

Hogre. Antologica 2007/2022 nasce con un intento enciclopedico ma soprattutto dal proposito di evidenziare la ricerca estetica di Hogre, un artista visivo provocatorio specializzato in interventi di subvertising - dall’inglese subvert + advertising - termine con cui si intende quel movimento artistico-politico che consiste nella vandalizzazione creativa degli spazi pubblicitari. La sua personale a Wunderkammern accoglie una grande varietà di lavori che coprono tutta la produzione dell'artista dal 2007 al 2022, anni in cui ha lavorato in numerose città italiane ed europee come Roma, Torino, Milano, Varsavia e Londra. La mostra documenta la maggior parte delle tematiche e delle tecniche utilizzate da Hogre: stencil, ma anche pittura a olio, ad acrilico, pittura digitale, modellazione 3D e stampa serigrafica.
  dettagli

mostra macmaja motherofearth

05/05/2022 - 18/06/2022Arte contemporanea

Leila Vismeh - Janine von Thüngen A Mother for Earth

"A Mother for Earth". Un titolo, che a ripeterlo a voce alta, par di udire un accorato appello, un'urgente richiesta di primaria tutela. La mostra, invero, nasce ancor prima dei drammatici eventi tutt'ora in corso in Ucraina; tuttavia, l'attualità aggiunge – o forse fa semplicemente emergere - un senso altro, una nuova intenzione: la rappresentazione della negazione della Guerra. "What if" – E se per mezzo del potente linguaggio artistico mettessimo in scena un'alternativa e attraverso la ricca morbida sinuosità dei corpi femminili nudi modellati da von Thüngen ritrovassimo un profondo senso di pienezza, fecondità, abbondanza? Se potessimo affermare la vita - e la sua implicita cura – ispirati dalle Maternità dipinte con generosità cromatica dalla Vismeh? Quanto spaventa salutare oggi quel passato presente che sostiene il contrario, salutare "quel clan" e affermare: "io sono divers?"? Scrive Isabella Ducrot a proposito delle sculture di von Thüngen: "[...] occupano lo spazio come dei punti interrogativi, che con ostinazione stanno a sollecitare risposte, e anche a voler rischiare che esse non siano rassicuranti. [...]
  dettagli Leila Vismeh Leila Vismeh Janine von Thüngen Janine von Thüngen

mostra z2o alfredopirri

04/05/2022 - 30/06/2022Arte contemporanea

Alfredo Pirri. Di luce e di fango

La mostra occupa entrambi gli spazi espositivi della galleria z2o di via della Vetrina e via Baccio Pontelli, articolandosi in maniera speculare attorno a una coppia di termini opposti che permettono di rileggere l’intera ricerca dell’artista nei termini di relazione con lo spazio interno ed esterno all’opera, attraverso movimenti che hanno a che fare con il respiro e l’espansione, l’inabissamento e la levitazione. Luce e fango non rimandano solamente a due materie – l’una aerea, l’altra vischiosa – ma anche a luoghi specifici: la parete e la verticale come spazio della pittura, il pavimento come luogo della scultura a cui corrispondono le trame dello sguardo dentro l’immagine e nello spazio. Per Alfredo Pirri la luce è sempre un materiale capace, come il suono, di dilatarsi e di costruire lo spazio. In questa mostra in entrambe le sedi due grandi installazioni esplorano questo aspetto attraverso due diverse intuizioni: in via della Vetrina accogliendo nell’ultima sala una installazione inedita in cui le grandi carte incise e dipinte attraverso un processo di immersione nel colore, immagini cosmiche o mappe sonore, sono incastonate in una partitura di legno che a volte appare come pura struttura, a volte come spazio portato del quadro.
  dettagli

mostra t293 alexiz ralaivao

26/04/2022 - 28/05/2022Arte contemporanea

Alexis Ralaivao – Glittering Short Stories

We are delighted to announce "Glittering Short Stories" the first solo exhibition in Italy by French artist Alexis Ralaivao, opening on April 26. For his first solo show at the gallery, Alexis Ralaivao (b. 1991, Rennes) wishes to address his practice as a new kind of genre painting. Influenced by Dutch artists such as Gerard Ter Borch, Gabriel Metsu and Jan Steen, Ralaivao depicts everyday life and ordinary people and activities following the same precious gaze to details for which dutch masters are distinguished for. Through his intimate and contemporary approach, Ralaivao desires not only to open a window into his subjects’ lives but also invites the public in, as active part of the daily activities the artist beautifully represents in his paintings.
  dettagli Alexis Ralaivao

mostra fondazionegiuliani anexploration

13/04/2022 - 25/06/2022Arte contemporanea

An exploration of how time only exists in half steps - Richard Aldrich

La mostra, curata da Adrienne Drake, è la prima personale in Italia di Richard Aldrich, e presenta una costellazione di 26 opere tra cui dipinti, sculture e lavori su carta realizzate tra il 2000 e il 2022. In una successione che alterna astrazione e figurazione, le opere non sono raggruppate in ordine cronologico. I lavori nuovi sono accostati a quelli meno recenti per creare una rete rizomatica di connessioni tra le opere che vanno da un'esplorazione aperta nella storia della pittura, a riferimenti alla cultura pop, fino all'esperienza personale, contribuendo a costruire una narrazione velata della mostra. Il titolo della mostra nasce dal principio che le idee stesse siano costruite sopra altre idee. L'obiettivo dell'artista è quello di indagare cosa succede nello spazio tra la nascita di un’idea, di un progetto e la sua realizzazione, ciò che accade negli intermezzi, i cosiddetti semitoni.
  dettagli Richard Aldrich - Artribune

mostra exelettrofonica agostinoiacurci

26/03/2022 - 28/05/2022Arte contemporanea

Agostino Iacurci Of My Abstract Gardening

Ex Elettrofonica è lieta di annunciare l’inaugurazione della mostra Of my abstract gardening, nuovo progetto espositivo di Agostino Iacurci e prima personale in galleria dell’artista. Le opere presenti derivano dalle ricerche che Agostino Iacurci sta compiendo intorno all’idea di hortus, termine che dà il titolo alla grande istallazione inaugurata negli spazi dell’Istituto Italiano di Cultura di Praga e realizzata grazie al progetto istituzionale Cantica 21. Hortus rimanda al concetto di Hortus Conclusus di origine medievale, in cui il paradiso terrestre prendeva la forma di un giardino recintato con al centro una fontana, sorgente di vita e di eterna giovinezza. In questa mostra Iacurci sposta la sua attenzione sugli Horti Picti, grandi cicli pittorici parietali con giardini e paesaggi. Il percorso di mostra si sviluppa attraverso una serie di lavori inediti, dipinti e sculture in terracotta con piante vive in cui Iacurci si confronta con la pittura di giardino, tema ricorrente nella decorazione parietale d’interni romana. I pittori chiamati a lavorare a queste grandi rappresentazioni murarie dimostravano una sapiente capacità compositiva e spaziale, nonché una precisa attenzione al dettaglio naturalistico.
  dettagli Agostino Iacurci

mostra nomasfoundation romacittaaperta

01/01/2021 - 31/07/2022Arte contemporanea

Roma Città Aperta

Roma citta? aperta will take place from January 2021 to December 2021. roma citta? aperta wants to bring the public closer to the arts, also involving local associations and actively including Roman municipalities, encouraging exchanges and debates required for the transformation of the city. Usually private places, the studios of the artists open up to be spaces for sharing and participating where the public can discover how artistic research is born and takes shape.
  dettagli Roma Città Aperta Roma Città Aperta

mostra artforumcapena emotion

10/05/2021 - 08/10/2022Arte contemporanea

[E]MOTION. Op Art, Arte Cinetica e Light Art nella Collezione Würth

Finalmente l’Art Forum Würth Capena riapre le sue porte al pubblico e presenta una nuova mostra dal titolo “[E]MOTION. Op Art, Arte Cinetica e Light Art nella Collezione Würth”. Un progetto espositivo coinvolgente che, attraverso oltre 30 opere di 24 artisti, approfondisce uno dei filoni alternativi più interessanti della produzione artistica del XX secolo. L’apertura al pubblico dell’Art Forum Würth Capena è soggetta alle disposizioni governative per il contenimento della pandemia. La prenotazione è obbligatoria e l’ingresso sarà contingentato nel rispetto della normativa per il contenimento del Covid-19. È obbligatorio l'utilizzo della mascherina per tutta la durata della visita e il mantenimento della distanza interpersonale.
  dettagli

Galleria Vittoria 20/05/2022 - 01/06/2022

mostra galleriavittoria danielapoduti

Daniela Poduti Riganelli

La mostra è dedicata alla potenza dell’improvvisazione, proprio come nelle melodie sorprendenti della musica jazz, da cui è emozionante lasciarsi trasportare. Un omaggio al grande Matisse ed al suo “Uomo jazz”, realizzato nel 1947, con la tecnica del collage, che vede protagonista dell’opera Icaro, intenzionato ad arrivare alle stelle ed a superare i suoi limiti. “Donna Jazz”, di Daniela Poduti Riganelli, è invece raffigurata da una Sirena, che guizza nell’acqua, libera e forte, risalendo dagli abissi ai bagliori della luce. Una moltitudine di ritratti di donne al ritmo di jazz, con pennellate colorate ed inconsuete, regalando spazio all’improvvisazione. Una passerella di figure femminili libere e “Scapigliate”, come la pensosa ragazza di Leonardo da Vinci, ma non solo: da Anna Magnani, a Bebe Vio, da Monica Vitti, a Frida Kahlo ed anche figure di fantasia, spettinate dal vento, dalle emozioni e dai ricordi.
  dettagli

Galleria Gilda Lavia 21/05/2022 - 30/07/2022

mostra gildalavia thetruce

The Truce - Marc Bauer

La Galleria Gilda Lavia di Roma ha il piacere di ospitare The Truce, mostra personale dell’artista Marc Bauer, che inaugurerà sabato 21 maggio dalle ore 14 alle ore 20. Il tema centrale del percorso espositivo è il corpo e la sua vulnerabilità. Presentando una serie di nuovi lavori realizzati per la mostra, l’artista mette in scena una riflessione su quali sono le strategie per proteggere il corpo, ricorrendo ad elementi simbolici del passato come le armature, alle immagini che incidiamo su di esse e che ricoprono il ruolo di talismani, e ancora alle immagini simbolo che disegniamo sulla nostra pelle, immagini che ci proteggeranno, che allontaneranno i nemici e ci daranno potere. “La pittura e il disegno sono un modo per me, e di rimando per lo spettatore, di comprendere la realtà, in tutta la sua complessità, soggettivamente, politicamente, simbolicamente”, queste le parole usate dall’artista per descrivere il suo processo creativo.
  dettagli

Emmeotto 07/05/2022 - 30/07/2022

mostra emmeotto intotheblue

INTO THE BLUE - RENZO BELLANCA

Renzo Bellanca, nella mostra personale INTO THE BLUE presso la Galleria Emmeotto, presenta una serie di nuovi lavori che raccontano il consolidamento e lo sviluppo della sua ricerca artistica negli ultimi anni attraverso l’uso sapiente della materia, il sovrapporsi di elementi razionali ed introspettivi, la stratigrafia, il viaggio come esperienza dell’esistenza, il cambiamento che subiscono i luoghi fisici e mentali. La mostra si svela tra tele e carte, accompagnandoci in un’esperienza immersiva tra dimensioni spaziali e visive diverse, collegate attraverso il colore, che coinvolge subito lo sguardo con decisione pronto ad amplificare l’impatto emotivo, quel Blu che ha compiuto anch’esso un viaggio nel tempo, strato dopo strato, tappa dopo tappa, tecnica dopo tecnica, in un percorso pittorico che trasformandosi arricchisce il suo bagaglio, in una sequenza di tempi, più o meno dilatati, dove Renzo Bellanca è narratore di un’analisi universale non legata a singoli concetti o accadimenti, ma scava sotto la superficie di ognuno di noi e lo fa per mezzo del tema del colore stesso, INTO THE BLUE.
  dettagli

Spazio Cima 11/05/2022 - 16/06/2022

mostra spaziocima scomposta

S-COMPOSTA - SUSY MANZO

S-composta, ultima serie di opere realizzate nel 2022, rientra in “Storie Sospese”, progetto aperto del 2016 in cui l’artista indaga la memoria, le emozioni e gli affetti del suo vissuto. In questi recenti lavori, risultato di una meticolosa ricerca di immagini, fotografie e stampe, ritagliate e intagliate con la tecnica del paper cutting e successivamente appuntate su una base di poliplat con piccolissimi chiodini, la fusione tra la figura umana e la natura è sempre più evidente e fondamentale.
  dettagli

Gagosian 10/03/2022 - 31/05/2022

mostra gagosian patsteir

Pat Steir Paintings

With a storied career spanning more than five decades, Pat Steir is a trailblazing presence in contemporary painting. She was one of the few women who came to prominence in the New York art scene of the 1970s, initially pairing iconic images and texts to interrogate the nature of representation. However, in the mid-1980s, inspired by East Asian art and philosophy, she adopted a looser, more performative approach to painting. Harnessing the forces of gravity and gesture, she developed techniques of pouring, splashing, and brushing thinned paint onto canvas, often working at a monumental scale.
  dettagli

Edarcom Europa Galleria d’Arte Contemporanea 06/05/2022 - 04/06/2022

mostra edarcom linotardia

Lino Tardia - Il mare della memoria

Durante l’inaugurazione verrà presentato il catalogo monografico “Lino Tardia – Il mare della memoria”, edito da Silvana Editoriale, e l’artista verrà ricordato dagli affettuosi saluti di chi ne ha studiato a fondo il lavoro pittorico. Introdotti da Francesco Ciaffi, interverranno a tal proposito Franco Campegiani, Andrea Romoli Barberini, Francesco Gallo Mazzeo e altre personalità dell’arte. Nel saggio pubblicato in catalogo, Franco Campegiani ci ricorda che le opere di Lino Tardia sono “vere e proprie scatole dei miti che, come calamite, attraggono elementi eterogenei, caricandoli di contenuti psichici straordinari. Vi entra di tutto: lune, soli, astri e satelliti, unitamente a cenni antropomorfi e a echi cronachistici, a stralci di giornale. Il tutto dipinto e non incollato, in quanto solo il colore e il pennello, per Tardia, hanno diritto di cittadinanza nel quadro”. E nell’altro contributo in catalogo, Aldo Gerbino finemente osserva che “La necessità linguistica di Lino Tardia appare, dunque, impregnata d’un focus dinamico ovattato da un’esigenza gestuale sciolta tra adeguati confini geometrici; una lingua percorsa da tagli baconiani, comparata con masse pigmentarie atte ad alimentare, nel bozzolo di una cromia mediterranea, l’esigenza a coagulare faglie, ampliare dicotomie sostenute da memorie, stringhe famigliari”.
  dettagli

Sala 1 06/05/2022 - 28/05/2022

mostra sala1 raccoltadiracconti

Raccolta di Racconti. La collezione della galleria racconta la sua storia - VII edizione

Da sempre attiva nel panorama internazionale della ricerca artistica sperimentale, Sala 1 ha ospitato nei propri spazi progetti d’avanguardia, che hanno avuto per protagonisti grandi artisti italiani e mondiali, spesso inediti. Nel 2009 veniva inaugurata la prima mostra di Raccolta di Racconti. La collezione della galleria racconta la storia di Sala 1, che ormai è giunta alla settima edizione. Come in passato, anche quest’anno verranno esposti lavori di artisti che hanno collaborato o esposto a Sala 1, le cui opere fanno parte della raccolta della galleria.
  dettagli

Rosso 27 07/05/2022 - 24/06/2022

mostra rosso27 whenthewalls

When the walls become canvas

Sabato 7 maggio 2022 Rosso20sette arte contemporanea presenta la mostra When the walls become canvas, a cura di Tiziana Cino e Stefano Ferraro, con un testo ed interviste di Giorgio Silvestrelli. In questa collettiva 13 street artist internazionali -Daniel Eime (Portogallo), Lidia Cao (Spagna), Solo (Italia), Diamond (Italia), Ligama (Italia), Oniro (Italia), Luogo Comune (Italia), Alessandra Carloni (Italia), MauPal (Italia), Jerico (Filippine), Chekos’Art (Italia), Fabio Petani (Italia), Motore Fisico+Mafm (Italia)- realizzano su tela alcuni dei loro più importanti murales; saranno, inoltre, esposti alcuni bozzetti originali e un modellino di un murale dei Motore Fisico realizzato insieme ai Mafm.
  dettagli

Andrea Festa Fine Art 07/05/2022 - 31/05/2022

mostra artgap antropocene

Antropocene

Non è soltanto una mostra e incontro di performance e poeti quella che si aprirà il 7 maggio 2022 alla Art Gap di Roma con il titolo di I Biennale dell’Antropocene, e non vuole esserlo poiché è una call per artisti e pubblico a sensibilizzarsi e informarsi su cosa significa antropocene, sui pericoli e sulle sue potenzialità, di quella che già in atto si prefigura come una nuova era geologica contrassegnata dall’impatto dell’attività umana sull’ambiente. A cura di Federica Fabrizi e Vittorio Pavoncello, nata da una idea di Vittorio Pavoncello, che ha curato anche l’edizione di un libro Antropocene un museo (Edizioni All Around) di prossima presentazione al salone del libro di Torino, la biennale avrà la durata di tutto il mese di maggio. In mostra ci saranno oltre 60 artisti di cui molti giovani e giovanissimi della Accademia d’Arte di Via Ripetta del corso di Eclario Barone insieme alla scuola di Incisione dell’Associazione La linea di Virginia Carbonelli che faranno parte della sezione “giovani in biennale”.
  dettagli

Canova22 05/05/2022 - 28/05/2022

mostra canova22 prativanwees

PRATIVANWEES

“PRATIVANWEES, viaggi e riflessi” è un inedito, intenso “passo a due” tra i disegni di Franz Prati (tecniche miste su cartone, carta da spolvero o carta da schizzi) e le ceramiche di Mara van Wees (argilla refrattaria, smalti). Perfetto equilibrio fra due strade professionali differenti, che pure finiscono per confluire in un unico allestimento: un celebre architetto/artista di formazione veneziana e una altrettanto nota ceramista/scultrice olandese uniti dall’amore per Antonio Canova. Le loro sono opere apparentemente a sé stanti eppure legate a doppio filo da un comune denominatore: l’acqua col suo fluire portatore di vita, le radici e la memoria, il mito omerico del viaggio per mare, le isole non trovate, la Città Eterna e la Venezia canoviane, infine il sogno utopico di luoghi di Bellezza perduta e riconquistata.
  dettagli

6° Senso Art Gallery 05/05/2022 - 05/06/2022

mostra 6senso tamburrocaffe

Antonio Tamburro - Caffè

Il Caffè a partire dall’Ottocento è sempre stato protagonista della letteratura, dell’arte, della cultura, come luogo di incontro e di scambio di idee. Pensiamo ai primi Caffè storici italiani come il Florian a Venezia, il Pedrocchi a Padova, il Michelangelo a Firenze, il Greco a Roma, il Gambrinus a Napoli, luoghi di ritrovo di artisti, poeti e scrittori. A Parigi in pieno romanticismo e per tutto il Novecento il Caffè diventa un luogo sacro, destinato ad essere non più solo un luogo d’incontro ma anche un luogo dove si fa e si condivide l’arte, come nel celebre Cafè chantant, che ebbe i suoi cantori nei poeti maledetti e nel pittore Toulouse Lautrec
  dettagli

Galleria Gallerati 07/04/2022 - 23/05/2022

mostra galleriagallerati sinctonia

Anna Maria Angelucci - Sinctonia

Carlo Gallerati è lieto di presentare Sinctonia, una mostra personale di Anna Maria Angelucci a cura di Lori Adragna. “Non c'è divenire, ma solo con-divenire in zone di contatto e intra-azioni che materializzano il mondo come in un arazzo dai pattern cangianti.” (Donna Haraway) La grande installazione Chromatographie di Anna Maria Angelucci scolpisce e trasforma lo spazio della galleria. Un incisivo incontrarsi di linee verticali e orizzontali delimita la superficie di fondo che finisce col diventare un'entità autonoma. È una combinatoria minimalista ché dà luogo a nuove forme di aggregazione, così che l'ambiente intorno comincia a parlare una lingua più chiara. L'ossatura in ferro dell'opera rievoca le fondamenta strutturali della casa: “Volevo creare qualcosa che non esiste, forse – scrive l'artista – una casa con pareti che non sono muri”. Vista come centro di una ragnatela di significati, la dimora simbolica imbriglia memorie e sensazioni che, attraverso quel meccanismo definito da Bachelard retentissement, solo a raffigurarla nella mente ci fa sentire partecipi di quelle stesse immagini.
  dettagli Anna Maria Angelucci

Studio Stefania Miscetti 17/03/2022 - 27/05/2022

mostra stefaniamiscetti officineemotive

Gaia Scaramella - officine emotive

STUDIO STEFANIA MISCETTI è lieto di presentare ???????? ???????, prima esposizione personale di Gaia Scaramella negli spazi dello Studio, a cura di Veronica He e Pia Lauro. Le opere in mostra, tutte inedite e concepite nel corso dell’ultimo anno, affrontano il tema delle relazioni interpersonali, solitamente di carattere familiare e affettivo, non solo legami stretti, ma anche mai realizzati, ponendone in luce gli aspetti più traumatici e dolorosi. Nelle opere presentate Gaia Scaramella assembla materiali naturali e artificiali, object trouvé, utensili, elementi presi in prestito dalla quotidianità - tutte tracce o meglio reperti dell’esistenza componendo un vero e proprio discorso a più voci, che trova nella serialità la sua dimensione elettiva. Nel descrivere diversi aspetti delle simbiosi umane l’artista presenta molteplici scenari, accomunati dalla duplice natura propria del termine 'legame', ovvero quel rapporto o vincolo affettivo che comporta reciproca fedeltà, oppure limitazione della libertà individuale. Elemento costitutivo di questa geografia di relazioni è la ‘tensione’, intesa come stato fisico e psicologico, ma anche come azione del tendere verso l’altro, dimensione di incontro nella quale l’individuo si scopre e si realizza.
  dettagli Evento Evento

Erica Ravenna Arte Contemporanea 12/03/2022 - 12/07/2022

mostra ericaravenna archiviarelimpossibile

Archiviare L'impossibile

Nel solco della linea di ricerca tematica e transgenerazionale che la galleria ha privilegiato nel corso degli anni, il progetto espositivo della nuova stagione è focalizzato sulla possibilità, da parte dei linguaggi dell’arte, di sintetizzare attraverso le immagini i dati della conoscenza della storia e della memoria. In questo senso, esemplare è il lavoro degli artisti selezionati: Gianfranco Baruchello, Joseph Cornell, Mark Dion, tra coloro che più efficacemente hanno tentato di descrivere il “caos” del mondo. Attraverso una strategia procedurale che reimpiega criticamente l'archivio e l'archiviazione dei dati, il pensiero rizomatico dei tre artisti si è materializzato in immagini che spingono a riflettere sui limiti delle narrazioni dominanti. Le “enciclopedie” di Baruchello attraversate da minuscole creature che popolano le sue miniature del pensiero, i “reliquiari” mnemonici di Cornell, le tassonomie fantastiche di Dion, tentano di raccogliere il mondo in una narrazione che anticipa e interpreta i nuovi codici della comunicazione del nostro tempo, mettendone in luce le contraddizioni.  dettagli Gianfranco Baruchello