ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Istituti stranieri

Mostre d'arte nelle Accademie e negli Istituti stranieri a Roma

Cultura internazionale a Roma

Questa pagina è interamente dedicata alle attività, mostre, eventi svolte dalle accademie straniere a Roma nel campo dell'arte.
Desideriamo ringraziare: Accademia Belgica, Accademia Britannica, Accademia d’Egitto, Accademia d’Ungheria in Roma, Accademia di Danimarca, Accademia di Francia – Villa Medici, Accademia di Romania, Accademia Polacca, Accademia Tedesca - Villa Massimo, Ambasciata del Messico, Ambasciata di Israele, American Academy in Rome, Bibliotheca Hertziana – Max-Planck-Institut, British Council, Casa Argentina, Centro Culturale Brasile Italia, Circolo Scandinavo, Accademia di Spagna, Forum Austriaco di Cultura, Goethe-Institut, Institutum Romanum Finlandiae, Istituto Bulgaro di Cultura a Roma, Istituto Cervantes, Istituto Culturale Ceco, Istituto di Cultura e Lingua Russa, Istituto di Norvegia in Roma, Istituto Giapponese di Cultura, Istituto Italo-Latino Americano - IILA, Istituto Polacco di Roma, Istituto Slovacco a Roma, Istituto Storico austriaco, Istituto Svedese di Studi Classici, Istituto Svizzero di Roma, Reale Istituto Neerlandese a Roma, per le informazioni che ci comunicano costantemente.

Istituto Giapponese di Cultura mostra istitutogiapponese laconferenzadeglianimali

20/05/2022 - 29/07/2022Arte contemporanea

LA CONFERENZA DEGLI ANIMALI

Animali reali, creature immaginarie, organismi viventi sono tra i soggetti preferiti dell’arte e della grafica giapponesi per comunicare messaggi legati alla sensibilizzazione ambientale, sociale, ai temi della pace ma anche eventi culturali e mostre d’arte o marchi aziendali e istituzionali privati e pubblici. Spesso si rifanno a motivi della tradizione e sono utilizzati in modo simbolico, talvolta, completamente slegati dal contesto e dalla funzione, mirano invece solo a catturare attraverso forme e colori lo sguardo del fruitore più disattento. Oltre cento opere dagli anni settanta a oggi firmati da Nagai, Tanaka, Tanaami, Inoue, Awazu, Sato e altri maestri del design giapponese evidenziano l’evoluzione nelle tecniche, dal disegno manuale all’assorbimento della fotografia fino alla computer grafica, ma anche l’originalità di ciascun designer. Quattro sezioni: CULTURA, SOCIETÀ , AMBIENTE, AZIENDE E ISTITUZIONI raccontano l’evolversi della comunicazione negli anni attraverso il tema più amato dal pubblico di tutto il mondo.  dettagli

Accademia Belgica mostra accademiabelgica profilocontinuo

04/05/2022 - 27/05/2022Arte contemporanea

Profilo Continuo - Gauthier Oushoorn

Dal 4 al 27 maggio si terrà la mostra Profilo Continuo di Gauthier Oushoorn, artista in residenza all'Academia Belgica nel 2020-21 grazie al sostegno di Kunsten en Erfgoed (Vlaamse Gemeenschap). Durante il suo soggiorno a Roma, Gauthier Oushoorn ha approfondito gli aspetti metafisici dell'opera di Giorgio de Chirico e il suo rapporto con l'architettura del tempo. In collaborazione con la videografa Ingel Vaikla, ha anche diretto il film EUR42, girato nel quartiere dell'Esposizione Universale di Roma (EUR). Il film costituisce l'elemento centrale di questa mostra e sarà presentato per la prima volta al pubblico all'Academia Belgica.  dettagli

Accademia d'Ungheria in Roma mostra accademiaungheria universodidante

28/04/2022 - 09/06/2022Arte contemporanea

L'Universo di Dante

L’attuale mostra in occasione del settecentenario prosegue idealmente una meravigliosa tradizione. Durante gli anni intorno al Millenario (1896) viene raggiunto, qui in Ungheria, il primo momento culminante d’interesse verso l’interpretazione artistica di Dante: alcune scene della Commedia vengono illustrate da Mihály Zichy. Nel padiglione allestito lungo il viale alberato del parco cittadino Városliget viene esposto un gigantesco quadro grandangolare dell’Inferno, ad opera del pennello dei decoratori Árpád Molnár e Géza Trill, su idea di Géza Gárdonyi. Pochi anni più tardi (nel 1908) è invece Aladár Körösf?i-Kriesch a dipingere il quadro L’origine dell’arte nel salone d’ingresso dell’Accademia della Musica di Budapest.  dettagli

Accademia di Francia - Villa Medici mostra villamedici giuseppepenone

17/12/2021 - 19/06/2022Arte contemporanea

Giuseppe Penone

Dopo la grande mostra personale organizzata nel 2008 da Richard Peduzzi, Giuseppe Penone torna oggi a Villa Medici con un progetto ideato appositamente per le stanze storiche del cardinale Ferdinando de’ Medici. Dal 16 dicembre 2021 al 27 febbraio 2022; l’artista presenta quattro opere emblematiche della propria poetica: Vaso (1986) in ceramica e gesso, Il vuoto del vaso (2005) in terracotta bianca e radiografie, e Avvolgere la terra – vaso (2005) in terracotta bianca e gesso, il video Ephemeris (2016) e cinque sculture in terracotta e bronzo dal titolo Terra su terra – bacile (2005). Mentre l’esposizione del 2008 era presentata negli spazi più emblematici e maestosi di Villa Medici, l’artista occupa questa volta un luogo dal carattere più intimo: le stanze private del Cardinale Ferdinando de’ Medici (la stanza degli Elementi, la stanza delle Muse, la stanza degli Amori di Giove). Per questo progetto, Giuseppe Penone cerca di mettere in valore la singolarità degli spazi presentando tre opere che mettono in discussione il materiale e il concetto di scultura. Ne è un esempio l’opera Vaso, composta di una ciotola di ceramica che ospita un vaso di gesso la cui silhouette destrutturata porta l’impronta delle mani dell’artista, facendo eco alle funzioni private, quasi domestiche, del luogo che lo ospita.  dettagli

Istituto Svizzero mostra istitutosvizzero latifaechakhch

24/09/2021 - 30/09/2022Arte contemporanea

Latifa Echakhch

L’Istituto Svizzero presenta Story Line (2021), un’installazione site-specific dell’artista Latifa Echakhch che troverà spazio nel giardino di Villa Maraini. L’opera è stata inaugurata nel corso di September Calling, la serata di presentazione dei Fellow 2021/2022. L’installazione Story Line di Latifa Echakhch evoca ricordi, e forse anche una sorta di nostalgia. Costituita da strutture metalliche convenzionali usate per l’assemblaggio dei palchi dei concerti, ci narra di una notte di dissolutezza: rammentiamo i concerti all’aperto della nostra gioventù, le notti intere passate a ballare ai festival dormendo a stento in modeste tende sul suolo umido. Non a caso, l’inaugurazione dell’opera ha coinciso con il concerto che ogni settembre ha luogo nel giardino dell’Istituto Svizzero a Roma. Nell’autunno 2021 il lavoro di Latifa Echakhch assume anche una connotazione ulteriore: i mesi della pandemia sono stati (e sono tuttora) accompagnati da una nostalgica reminiscenza delle notti con musica e corpi sudati danzanti. La speranza che tutto ciò sia di nuovo possibile è grande.  dettagli


mostra istitutosvizzero maithuperret

25/03/2022 - 26/06/2022Arte contemporanea

Mai-Thu Perret

L’Istituto Svizzero presenta una nuova opera semi-permanente all’ingresso di Villa Maraini. L’opera consiste in un’installazione neon dell’artista svizzera Mai-Thu Perret (n. 1976, Ginevra). Il lavoro illumina l’edificio ed è visibile ai passanti di via Ludovisi. Untitled (2021) consiste in nove mani realizzate con tubi di neon giallo e allestite in modo tale da sembrare scalino il muro di mattoni all’ingresso di Villa Maraini, o forse ne fuggano. L’aforisma di Franz Kafka “una gabbia andò in cerca di un uccello”, risalente al 1917, è importante per Mai-Thu Perret nello sviluppo dei lavori a neon. La questione dell’equilibrio tra gabbia e uccello, la contraddizione tra libertà e perdita della stessa in favore della protezione. La pratica artistica di Mai-Thu è basata su una profonda ricerca e riferimenti della storia culturale, testi letterari, narrazioni femministe, estetica dell’avanguardia e tradizione artigianale. Il neon Untitled deriva anche dalla ricerca sulla mano, sulle mani, che Mai-Thu sta conducendo da qualche tempo. L’artista è interessata alla mano come motivo pittorico originario – se pensiamo ai dipinti nelle caverne dell’età della pietra non mostrano solo animali o scene di caccia, ma anche impronte o negativi di mani che, secondo le evidenze antropologiche, sono state originate da donne.  dettagli

Real Academia de España mostra realaccademiaspagna riattivandovideografie

Arte contemporanea

Riattivando Videografie

Online da poche ore la mostra virtuale di “Riattivando Videografie” fruibile gratuitamente sulla piattaforma online http://www.reactivandovideografias.com/. L’AECID (Agencia Española de Cooperación Internacional para el Desarrollo), in collaborazione con la Real Academia de España en Roma e la Red de Centros Culturales de España en el exterior, presenta il progetto “Riattivando Videografie”, online da giovedì 26 novembre, un percorso espositivo virtuale con i lavori audiovisivi di 65 artisti e 2 collettivi provenienti da 17 paesi per un totale di 64 opere video, realizzato grazie alla collaborazione di 18 centri culturali in connessione con la Real Academia di Spagna e 23 curatori. Il progetto si svilupperà nel 2021 con una serie di tavole rotonde e residenze presso la Real Academia di Spagna a Roma fino alla realizzazione della mostra nel 2022 a Roma, che completerà la mostra virtuale.  dettagli

Accademia di Danimarca mostra accademiadanimarca virtualexhibition

Arte contemporanea

Virtual Exhibition

Esposizione In streaming delle opere degli artisti che hanno trascorso una residenza presso gli spazi dell'Accademia di Danimarca.  dettagli

Accademia D’Egitto mostra accademiaegitto tutankhamon

Arte antica

Mostra Di Tutankhamon

All’interno del Museo Egizio troverai riproduzioni uniche e non replicabili del corredo appartenente alla Tomba di Tutankhamon.  dettagli

IILA organizzazione internazionale italo-latino Americana mostra iila desdemiventana

Istit. Straniero

Desde Mi Ventana - Image Slam Covid-19

Desde mi ventana. Image slam COVID-19 è il nuovo progetto lanciato dalla Segreteria Culturale destinato a bambini (dai 5 agli 11 anni) e ragazzi latinoamericani (dai 12 ai 17 anni). Questo bando ha l’obiettivo di produrre un paesaggio collettivo, fatto di immagini, che i giovani latinoamericani stanno costruendo in questi interminabili mesi di clausura e distanziamento sociale, grazie alle loro riflessioni, fantasie ed emozioni: una testimonianza plurale e multimediale della vita vissuta durante il COVID 19, in America Latina, attraverso lo sguardo dei più giovani. Vogliamo invitare i nostri giovani artisti a inviarci un disegno (Categoria Bimbi) o una foto (Categoria Ragazzi), che condivideremo sulla pagina web e i canali social dell’IILA. Le immagini che riceveranno più “Mi piace” faranno parte di un grande collage che sarà pubblicato online. Clicca qui per conoscere le modalità di partecipazione. Scadenza: 30 giugno.  dettagli Esposizione Virtuale Esposizione Virtuale iila iila