ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Arte Antica e Moderna

Da Caravaggio a Bernini. Capolavori del Seicento italiano nelle collezioni reali di Spagna

Arte Moderna

Scuderie del Quirinale   fino al 30 luglio

Attraverso una straordinaria selezione di dipinti e sculture, la mostra Da Caravaggio a Bernini. Capolavori del Seicento italiano nelle Collezioni Reali di Spagna riflette gli strettissimi legami politici e le strategie culturali stabilite tra la corte spagnola e gli stati italiani nel corso del XVII secolo.
Ad arricchire le raccolte d’arte della dinastia asburgica contribuirono i frequenti doni diplomatici da parte dei governanti italiani, determinati a guadagnarsi il favore dei sovrani di Spagna che con i loro possedimenti – il Viceregno di Napoli e lo Stato di Milano – condizionarono dalla metà del Cinquecento l’evoluzione della complessa situazione politica italiana.
Moltissime altre opere d’arte, tra le quali il magnifico Crocifisso del Bernini proveniente dal Monastero di San Lorenzo del Escorial, opera raramente accessibile al grande pubblico, vennero commissionate o acquistate da mandatari del re; altre ancora vennero ordinate o comprate, come nel caso della Salomè di Caravaggio, dai rappresentanti della monarchia spagnola in Italia (ambasciatori e viceré) inviati presso la corte pontificia o a Napoli, alla morte dei quali le opere andarono ad accrescere le collezioni reali.   dettagli

Visite guidate Visite guidate proposte dalle associazioni culturali

Arte Moderna

mostra palazzobarberini caravaggiopatrimoniofec

21/06/2017 - 16/07/2017

CARAVAGGIO nel patrimonio del F.E.C. - Il Doppio e la Copia

La mostra celebra i 30 anni del Fec (Fondo Edifici di Culto), presenta quattro dipinti, o meglio due coppie di dipinti messi a confronto, due di certa mano caravaggesca e gli altri copie antiche che ritraggono rispettivamente la Flagellazione di Cristo del Museo di Capodimonte e il San Francesco in meditazione di San Pietro a Carpineto - con due copie antiche oggetto di grandi dibattiti sull'attribuzione - la versione della Flagellazione di San Domenico a Napoli attribuita ad Andrea Vaccaro e quella del San Francesco della Chiesa dei Cappuccini di Roma.
I due San Francesco in meditazione - l’uno proveniente dalla chiesa di San Pietro a Carpineto Romano e in deposito alle Gallerie Nazionali di Arte Antica e l’altro proveniente dalla chiesa romana di Santa Maria della Concezione - sono stati per anni al centro di una complessa vicenda attributiva: il quadro della chiesa dei Cappuccini era stato attribuito a Caravaggio nel 1908.
La pala con la Flagellazione di Cristo, proveniente dal Museo di Capodimonte di Napoli, venne commissionata dalla famiglia De Franchis, e collocata nella loro cappella nella chiesa di San Domenico.
  dettagli

Mostra Mostra

mostra palazzobraschi giovannibattistapiranesi

16/06/2017 - 15/10/2017

Piranesi. La fabbrica dell'utopia

Ampia selezione delle opere più significative di Giovanni Battista Piranesi, straordinario incisore all’acquaforte e figura centrale per la cultura figurativa del Settecento europeo.
La sua vastissima produzione, caratterizzata da visioni prospettiche scenograficamente esasperate e da violenti effetti luministici, ne fece uno degli artisti di maggior successo in un mercato in veloce espansione qual era quello romano nel periodo culminante del Grand Tour internazionale.
In mostra le grandi Vedute di Roma, i fantasiosi Capricci, le celeberrime e suggestive visioni della serie delle Carceri..  dettagli

mostra museicapitolini bellezzaritrovata

02/06/2017 - 26/11/2017

La bellezza ritrovata. Arte negata e riconquistata in mostra

La mostra intende evidenziare e attualizzare l’impegno delle istituzioni a favore dell’arte con un’esposizione di importanti testimonianze artistiche che, a causa di vicende non sempre trasparenti, sono state, per moltissimo tempo, negate alla pubblica fruizione e spesso dimenticate nei depositi o in altri contenitori non accessibili al pubblico.
Il nostro patrimonio artistico è continuamente sottoposto a furti, vandalismi e danneggiamenti dovuti a disastrosi eventi naturali ma anche alla mano dell’uomo. Ma l’arte negata, mortificata e obliterata da guerre, furti ed eventi catastrofici come i terremoti, proprio per la stessa volontà dell’uomo, attraverso il suo impegno, la sua caparbietà a ricomporre, a ricostruire la propria identità attraverso l'arte - può risorgere dalle macerie come la fenice, si può rivelare di nuovo.  dettagli

mostra museicapitolini pintoricchio

19/05/2017 - 10/09/2017

Pintoricchio pittore dei Borgia

L’esposizione porta all’attenzione del pubblico uno dei periodi più fecondi della cultura romana, che vide alla fine del Quattrocento il tessuto dell’élite culturale e politica attraversato da un grande fermento umanistico, Il filo conduttore dell’esposizione è il tentativo di riconoscere nelle lettere e nelle arti dell’epoca, quella memoria della Roma antica, repubblicana e imperiale, sulla base della quale la Chiesa andava delineando il proprio “rinascimento” politico e religioso.
Il Pintoricchio fu un artista capace di affrontare tutti i nodi centrali della pittura italiana del Quattrocento: la prospettiva lineare, la pittura di paesaggio, la pittura di storia, la pittura di volte e soffitti, lo studio dell’antico, dimostrandosi spigliato, originale e anticonvenzionale.  dettagli

mostra villafarnesina coloriprosperita

20/04/2017 - 20/07/2017

I colori della prosperità: frutti del Vecchio e Nuovo Mondo

La volta del loggiato maggiore, al suo interno, fu affrescata su progetto di Raffaello traendo ispirazione dalla favola di Amore e Psiche tratta dall’Asino d’oro di Lucio Apuleio (I sec. d.C.) e decorata con motivi naturalistici eseguiti con straordinaria maestria da Giovanni da Udine per collegare gli ambienti interni con il giardino circostante.
Nella mostra si affiancano alla varietà iconografica ed alla simbologia ad essa associata i risultati di una campagna di analisi non-invasive di imaging XRF, IR ed IRFC condotte in situ per la caratterizzazione dei materiali e della tecnica esecutiva. Le analisi di imaging, rese possibili dai recenti progressi tecnologici in ambito spettroscopico, vanno ad integrare quelle condotte durante l’ultimo intervento dell’ISCR (Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro) negli anni ’90 del secolo scorso, e gettano nuova luce su questo prezioso cantiere raffaellesco evidenziandone aspetti finora inediti. Il percorso della mostra si articola nelle stanze, un tempo private, della magnifica residenza ed è completato da una sala video introduttiva sui giardini della Villa Farnesina di cui i festoni ne costituiscono l’illusione prospettica all’interno.  dettagli

Evento Evento

mostra palazzobarberini mediterraneochiaroscuro

12/01/2017 - 02/07/2017

Mediterraneo in chiaroscuro. Ribera, Stomer e Mattia Preti da Malta a Roma

La mostra raccoglie alcuni capolavori della collezione del MU?A – Mu?ew Nazzjonali tal-Arti (Heritage Malta) de La Valletta di Malta messi a confronto per la prima volta con celebri opere della collezione romana.  dettagli

mostra centralemontemartini saladeltreno

04/11/2016 - 31/12/2020

Sala del Treno di Pio IX

Nel settore Sala Caldaie n. 2 della Centrale Montemartini saranno accolte le carrozze del Treno di Pio IX, già conservato nel Museo di Roma a Palazzo Braschi.
Dalla Sala Colonne, al piano terra del museo, si accede al nuovo spazio che ha ampliato il percorso espositivo. Nella nuova sala sono stati allestiti anche una piastra a rilievo con lo stemma di Pio IX, che decorò la locomotiva del treno, e due preziosi tondi, opere di Jean Léon Gérôme (1856-1858), già collocati nel vagone che ospitava la Cappella. Infine una teca conserva un modellino di treno a vapore del secondo quarto del XIX secolo, dono di una compagnia ferroviaria britannica a papa Gregorio XVI (1831-1846).
  dettagli

Visite guidate Visite guidate

mostra palazzocancelleria leonardodavinci

01/04/2009 - 30/04/2017

Leonardo da Vinci. Il genio e le invenzioni

La mostra “Leonardo da Vinci – Il genio e le invenzioni” presenta quasi cinquanta macchine inventate dal genio di Leonardo da Vinci: le macchine sono suddivise in 5 categorie. I 4 elementi essenziali della vita - acqua, aria, terra e fuoco - ai quali si aggiunge la categoria “Elementi macchinali” o Meccanismi, che comprende tutti quei meccanismi con diverse possibilità di applicazione, come la trasformazione del moto o la vite senza fine. Uno dei progetti più interessanti è il Carro Armato, per la prima volta a Roma nella sua grandezza originale: pesa due tonnellate, ha un diametro di circa sei metri ed è alto tre.
Tutte le macchine sono funzionanti e possono essere toccate e provate, per consentire un’intensa esperienza percettiva sensoriale attraverso cui attivare meccanismi emotivi e cognitivi in rapporto profondo con la materia “Leonardo”.
Il visitatore, ha la possibilita’ di “viaggiare” virtualmente all’interno della Mostra in 3D utilizzando un iPad, collegato ad uno schermo al plasma.  dettagli

mostra vittoriano giovanniboldini

04/03/2017 - 16/07/2017

Giovanni Boldini

Uno dei ritrattisti più importanti della Belle Époque a Parigi.
Amico dei pittori Macchiaioli, Giovanni Boldini ebbe uno stile eclettico che si espresse soprattutto nel ritratto d'epoca e mondano, passando anche per il Realismo luminoso e lo stile ispirato ai Ritrattisti inglesi del Settecento.
Tante le opere esposte, da “La tenda rossa” a “Signora che legge”, da “Ritratto di signora in bianco” a “Ritratto di Madame Blumenthal”, capaci di ricostruire la prolifica e fortunata produzione del maestro ferrarese, divenuto tra '800 e '900 uno dei pittori più contesi di Parigi. Alle sue tele saranno affiancate opere realizzate da altri celebri artisti a lui contemporanei, quali Cristiano Banti, Corcos, De Nittis, Antonio de La Gandara, Telemaco Signorini, Tissot, Ettore Tito, Zandomeneghi, al fine di rendere maggiormente comprensibile il percorso creativo di Boldini e la straordinaria vivacità artistica del tempo.  dettagli

Giovanni Boldini Giovanni Boldini Visite guidate Visite guidate

mostra scuderiequirinale caravaggiobernini

14/04/2017 - 30/07/2017

Da Caravaggio a Bernini. Capolavori del Seicento italiano nelle collezioni reali di Spagna

Attraverso una straordinaria selezione di dipinti e sculture, la mostra Da Caravaggio a Bernini. Capolavori del Seicento italiano nelle Collezioni Reali di Spagna riflette gli strettissimi legami politici e le strategie culturali stabilite tra la corte spagnola e gli stati italiani nel corso del XVII secolo.
Ad arricchire le raccolte d’arte della dinastia asburgica contribuirono i frequenti doni diplomatici da parte dei governanti italiani, determinati a guadagnarsi il favore dei sovrani di Spagna che con i loro possedimenti – il Viceregno di Napoli e lo Stato di Milano – condizionarono dalla metà del Cinquecento l’evoluzione della complessa situazione politica italiana.
Moltissime altre opere d’arte, tra le quali il magnifico Crocifisso del Bernini proveniente dal Monastero di San Lorenzo del Escorial, opera raramente accessibile al grande pubblico, vennero commissionate o acquistate da mandatari del re; altre ancora vennero ordinate o comprate, come nel caso della Salomè di Caravaggio, dai rappresentanti della monarchia spagnola in Italia (ambasciatori e viceré) inviati presso la corte pontificia o a Napoli, alla morte dei quali le opere andarono ad accrescere le collezioni reali.  dettagli

Visite guidate Visite guidate

Arte Antica

Biblioteca Nazionale Centrale di Roma

mostra bibliotecanazionalecentrale collezioniisiao

fino al 30/06/2017

Tra Africa e Oriente le collezioni dell’IsIAO alla Biblioteca Nazionale

Museo Donazione Umberto Mastroianni

mostra museomastroianni crivellirubens

11/04/2017 - 09/07/2017

Dai Crivelli a Rubens - Tesori d’arte da Fermo e dal suo territorio

Museo Napoleonico - Palazzo Primoli

mostra museonapoleonico minutevisioni

25/06/2016 - 24/09/2017

Minute Visioni

KaleidoCom P.IVA 02063851006