ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Fotografia

The Manellis - Giulia Manelli

Howtan Space   dal 5 novembre al 3 dicembre

The Manellis, è la storia di una famiglia raccontata tramite lo sguardo della sua ultima generazione, con le fotografie di Giulia Manelli. Le foto sono state scattate in un arco temporale che va dal 2008 al 2019. L’obiettivo cerca di catturare le trasformazioni, non solo fisiche, dei cinque protagonisti che da bambini diventano adolescenti. Valentina, Ivan, Adrian, Federico e Alessandro indossano i vestiti dei loro avi, nonni, zii, genitori e si lasciano ondeggiare nella terra tramandata di generazione in generazione, simbolo di un legame indissolubile. La vulnerabilità di quell’età, il dolore più acuto e la spensieratezza più incondizionata prendono la forma di un combattimento, di una danza, di una lenta oscillazione tra passato, presente e futuro. I ragazzi attraversano la storia di coloro che non ci sono più e calpestano la terra solcata dalle orme del loro passato. Un cammino temporale che è insieme un’elaborazione del dolore per la scomparsa, dove la vita e il futuro si aprono davanti a noi nelle ondivaghe e sensuali immagini di corpi in trasformazione. Costellazioni familiari che toccano nel profondo ciascuno di noi, portandoci a rileggere i nostri affetti, le nostre perdite, il nostro vissuto.
Apertura: martedì 12:00 - 19:00 / mercoledì - venerdì 12:00 - 23:00 / sabato 16:30 - 23:30.
  dettagli

Mostre Fotografi

mostra sturni1925 inextremis

06/12/2019 - 05/01/2020

SANDRO GIORDANO REMMIDEMMI “IN EXTREMIS (bodies with no regret)”

La galleria d’arte e gioielli d’epoca Sturni 1925 inaugura nella sua nuova location una mostra personale di Sandro Giordano aka Remmidemmi.
La mostra propone 30 scatti fotografici dell’artista che fanno parte del suo progetto “IN EXTREMIS (bodies with no regret)”.
Con estrema ironia l’artista immortala cadute o incidenti della vita quotidiana.I lavori “raccontano” personaggi schiantati in situazioni diverse e con scenografie studiate nel dettaglio. L’assenza dei volti accomuna immagini dove i protagonisti con la mano salvano un oggetto, simbolo della falsificazione e del loro “hitting rock bottom” (regno del semplice esistere).“Come in un blackout improvviso della mente e del corpo, si lasciano schiantare senza alcun tentativo di salvarsi, impossibilitati dalla stanchezza “della rappresentazione” quotidiana del vivere, oppressi dall’ “apparire” piuttosto che dell’ “esistere”.“Tutto cio? che e? visibile nella foto rappresenta la loro pretesa mentre il BODY fracassato esprime la VERITA’, che deve, in effetti, schiantarsi per essere detta!” Sandro Giordano.
Apertura: lunedi? 15:30 – 19:00 / Martedi? - Sabato 10:30 – 19:30.  dettagli

mostra interzone infiore

04/12/2019 - 22/12/2019

In Fiore - Eugenia Lecca

Interzone Galleria presenta la mostra in fiore di Eugenia Lecca.
Le opere di Eugenia Lecca si fondono tra passato e presente, guardano il tempo senza fermarlo per prolungarlo verso un infinito senza tempo: mischiano il tratto delicato del segno della matita a quello del pennello e della trama delle foglie e dei fiori, innestano antiche fotografie nel gesto onirico originato dalla sua mano di illustratrice.
Le immagini ri-trovate, ritagliate, ricollocate, prendono altra vita per aprirsi su un altro nuovo mondo «...e la vista da questo ingresso è potente, non solo perché ci si affaccia in un mondo di spiriti, piante e alberi, ma perché racchiude un principio, un nuovo inizio. Eugenia ha incontrato delle persone morte e ha deciso di farle continuare a vivere. Con i suoi acquarelli (che a loro volta sembrano avere vita e volontà tutte loro) ha cominciato a dipingere la realtà attorno alle persone, ha preso in mano le loro storie per prolungare quegli incontri. Gli acquarelli di Eugenia e la sua fusione tra il mondo naturale –– foglie, fiori, anime –– e quello della fotografia, è uno di quei rari casi in cui la multidimensionalità di un’opera non parla di scomposizione ma di unione...».
La mostra proposta a INTERZONE GALLERIA, curata dal fotografo Lorenzo Castore, presenta opere in medio, grande formato e miniature erotiche: «...Una donna nuda che si accarezza con un fiore, una figura femminile che sembra essere fatta di rampicanti verdeggianti, una coppia di signore che naviga su un oceano di mare e foreste. Chamadoree, palme, peonie, rampicanti che si intrecciano con seni, donne accasciate che dormono su foglie appassite, donne vibranti che sbocciano in foreste rigogliose...». Sono immagini delicate che rapiscono la fantasia dello spettatore, per portarlo, in punta di piedi, in un territorio avvolto da profumi e fragranze.
Apertura: martedì - venerdì 15:00 – 20:00 / sabato 11:00 – 13:00 / 16:00 – 20:00.  dettagli

mostra museodiromaintrastevere ignemorath

30/11/2019 - 19/01/2020

Inge Morath

Il Museo di Roma in Trastevere ospita la prima retrospettiva italiana di Inge Morath (1923-2002), la prima fotoreporter donna entrata a far parte della famosa agenzia fotografica Magnum Photos.
I rapporti lavorativi con personalità quali Ernst Haas, Robert Capa e Henri Cartier-Bresson, contribuiscono a chiarire l’evoluzione professionale della Morath e il personale stile fotografico nutrito degli ideali umanistici successivi alla Seconda Guerra Mondiale, ma anche della fotografia quale "momento decisivo" come la definì Cartier-Bresson.
Le oltre centocinquanta fotografie ripercorrono le tappe dei suoi principali reportage geo-etnografici, includendo anche la nota serie di curiosi ritratti con le maschere del disegnatore Saul Steinberg.
  dettagli

mostra chiostrobramante bernadettevespaziani

19/11/2019 - 17/12/2019

Bernadette Vespaziani

In esposizione al Chiostro del Bramante, dal 19 novembre al 17 dicembre 2019, presso lo Spazio Caffetteria, i lavori di Bernadette Vespaziani Reginato: 12 fotografie in bianco e nero delle opere del norvegese Hendrik Christian Andersen.
Come in un racconto epico, il progetto “Non sono pose” dona vita e movimento a soggetti senz’anima: usa lo strumento di espressione per conferire loro il beneficio dell’esistenza. Lo studio dell’inquadratura mira ad enfatizzare l’imponenza delle statue e a cogliere la teatralità delle loro azioni.
Lo sguardo fotografico si serve di contorni e chiaroscuri che restituiscono un volume umano e reale ai corpi statici e immutabili, mentre la scelta del bianco e nero coadiuva i giochi di luce naturale alla definizione di corpi accesi e bianchi, come fossero incisi su una tela scura.
Le linee decise e metodiche comunicano disciplina e chiarezza, disegnandone nello stesso tempo quel mistero che esclude quanto più di normale c’è nelle possibilità intuitive che caratterizza l’essere femminile.
Bernadette Vespaziani Reginato, studentessa dell’Accademia di Belle Arti di Roma, è tra i rappresentanti del progetto “VARIeAZIONI – next generation”, nato dalla collaborazione tra il Chiostro del Bramante e la prof.ssa Edelweiss Molina (Accademia di Belle Arti).  dettagli

mostra wsp engarde

dal 22/11/2019

En Garde

Andrea Pellegrini è un atleta, un campione, è un simbolo dello sport, nel senso più puro del termine, quello dell’allenamento quotidiano e del gesto atletico straordinario, capace di fare la storia della Scherma e del Basket, in una carriera lunga venticinque anni. Con la prima ha partecipato a sei Paralimpiadi e ha ottenuto nove medaglie olimpiche: quattro d’argento, quattro di bronzo e una d’oro, conquistata ad Atene nel 2004. Con il secondo può vantare ventidue anni di onorata carriera nella squadra del Santa Lucia, da dove tutto è cominciato nell’estate del 1992, proprio quando non l’avrebbe più creduto possibile.
Fabio Renzi
È un fotografo documentarista con sede a Roma.Ha frequentato corsi di formazione di fotografia documentaria e reportage fotografico presso Officine fotografiche Roma. Concentra le sue ricerche personali e i suoi progetti documentaristici su tematiche sociali e antropologiche.
Diana Pintus
Sceneggiatrice e documentarista, dal 2013 si occupa di comunicazione sociale. Dal settembre 2014 lavora al progetto Storie Paralimpiche, tramite il quale ha costruito una rete solida di organizzazioni e istituzioni che si occupano di sport e disabilità inItalia, Brasile e Argentina, in particolare a Roma, Buenos Aires e a Rio de Janeiro, sede delle Paralimpiadi 2016.  dettagli

mostra divario inland

23/11/2019 - 25/01/2020

(in) Land - Simone Bossi

(in) Land è la prima mostra personale di Simone Bossi, giovane fotografo di architettura fra i più apprezzati e promettenti del panorama contemporaneo.
Il carattere distintivo della sua impronta artistica ha attratto l’attenzione di alcune tra le riviste più importanti del mondo dell’architettura, avendo fotografato le opere di Richard Serra, Piero Lissoni, Herzog & de Meuron e KAAN Architecten.
Le foto in mostra vogliono mettere in luce gli aspetti più personali, nascosti e creativi del suo lavoro; un lavoro profondamente intimistico che trova la sua massima espressione attraverso l’esplorazione di una caverna.
Fin dall’antichità il simbolo dell’antro racchiude in sé i più disparati significati: dalla positiva rappresentazione del ventre della Madre Terra che accoglie, custodisce e protegge, fino a una lettura più oscura di tale immagine quale luogo spaventoso, anticamera di un mondo sotterraneo popolato da mostri. Secondo Jung è l’archetipo dell’utero materno, un luogo di nascita ma anche di pericolo. La caverna è il simbolo perfetto dell’inconscio.
Attraverso la scoperta di questa cavità Simone Bossi ci accompagna nel suo metodo e ci racconta il suo personalissimo modo di leggere e interpretare l’architettura, naturale o artificiale che sia. Dieci scatti lenti, attesi, calibrati, che svelano il suo pensiero, il suo “io” e ci illustrano i temi salienti della sua ricca produzione fotografica: leggerezza, verticalità, geometria, composizione, luce, colore, serialità, indeterminazione, misticismo (solo per citarne alcuni).
Apertura: martedì - sabato 11:00 - 19:00.  dettagli

mostra chiaroscuroartecontemporanea guerri

15/11/2019 - 05/12/2019

Roma dall'Esquilino a Cinecittà - Alberto Guerri

Alberto Guerri propone una interessante ricerca di luoghi nascosti della città. Luoghi densi di storia, di arte, di edilizia scomposta, di movimento della città. Roma, la città del presente che si fonde con le rovine del passato, archeologia di periferia che si fonde con il centro decadente e affascinante. Apertura:  dettagli

mostra officinefotografiche overstate

14/11/2019 - 06/12/2019

Over State - Illias Georgiadis

“Per me, la fotografia è il punto mancante che collega ciò che è profondamente dentro di noi e non possiamo capire o descrivere, con il mondo. Una connessione che trascende e si muove attraverso lo spazio-tempo, in modi imprevedibili, misteriosi e non lineari. Un legame tra realtà e amore. Credo che facciamo fotografie perché il nostro io interiore vuole riconnettersi con il cosmo.
Vogliamo sentirci vicini a persone, luoghi, oggetti e col passare del tempo riconosciamo in loro una parte di noi stessi. Con la fotografia ci riveliamo all’ignoto, pur mantenendo un legame con il reale. Il mio lavoro descrive i miei stati più intimi di paura, desiderio, affetto. Stando nel mezzo tra la vita e la morte.
In particolare, “Over.State” descrive la storia di una persona giovane e persa che cerca di sentirsi libera e di trovare l’amore. Un’esplorazione emotiva della condizione umana. Un tentativo di capire come esprimiamo la libertà, l’intimità, la vicinanza; come cerchiamo la vera connessione con l’io interiore e con l’altro. Tuttavia qui, per la prima volta, sto presentando anche opere nate prima di I.G. Apertura: lunedì – venerdì ore 10:00 - 13:30 / 15:30 - 19:00.  dettagli

mostra nomasfoundation hiaitsiihi

25/10/2019 - 28/02/2020

Hiaitsiihi, la prima mostra personale di Julien Bismuth

Nomas Foundation presenta Hiaitsiihi, la prima mostra personale di Julien Bismuth in un'istituzione italiana. Tra il 2016 e il 2017, insieme all’antropologo Marco Antonio Gonçalves, l’artista trascorre due soggiorni presso il popolo Hiaitsiihi stanziato sulle rive del fiume Maici nella foresta amazzonica brasiliana. Chiamati Pirahã dalle popolazioni confinanti, questo popolo semi-nomadico chiama sé stesso Hiaitsiihi, termine che significa corpo (ibiisi) che vive in un cosmo stratificato. Cacciatori-raccoglitori che pescano e cacciano muniti di solo arco e frecce, da secoli i Pirahã vivono in simbiosi con la foresta pluviale d’Amazzonia, trascorrendo la maggior parte dell’anno senza alcun riparo dagli elementi atmosferici e fondando la propria sussitenza soltanto su pochi semplici manufatti. Ciò che chiamiamo la loro cultura consiste fondamentalmente dei canti che cantano e delle storie che raccontano nella loro particolare lingua tonale che può essere fischiata, canticchiata, parlata. Storie, canti, rituali che scandiscono e accompagnano le loro attività quotidiane racchiudono e conservano una complessa cosmologia. I Pirahã non posseggono strutture politiche, nessuna diseguaglianza economica o sociale, nessun dovere eccetto la sopravvivenza.
Apertura: martedì - venerdì 14.30 - 19.00  dettagli

mostra atelirclaudiachianese ognidonnaunisola

25/10/2019 - 25/12/2019

Ogni Donna è un’ Isola

Ogni donna è un’isola, un’isola che protegge e dilata, coincidente con la pura poesia. Claudia Chianese ne ha una estrema certezza e il suo non è l’indagare dello spirito di conoscenza o il procedere per immagini e visioni non intimamente e visceralmente vissute. Claudia narra di un essere autonomo, fiero nella sua bellezza, completo nella sua essenza creativa e spirituale, ambivalente nel suo essere isolato e in relazione (cit. Claudia Chianese), capace di rinascere a nuove vite. Il suo è un percorso dell’andare e ritornare, del chiamare e fuggire, dove pulsa il respiro di chi le è accanto, nella fatica del cammino, dove vibra un’angoscia senza limiti ed un amore esteso che sono linfa rigenerante e curativa. Ogni donna è un’isola e ogni donna ha almeno una ferita da raccontare sul cuore o sulla pelle, come l’isola di Claudia, Pantelleria, rossa e nera di lava, disseminata di inflorescenze di ogni tipo, di soffi incandescenti che sgorgano dalle viscere e dalla spelonche, lambita dalle colorazioni - verdi, viola, blu - del mare che si infrangono nell’oscuro degli scogli, o trapassata dai laghi cristallini, dall’essenza dei pini e delle querce.
Apertura: su appuntamento.  dettagli

Studio Mo.C.A di Cinzia Bonamoneta

mostra mo ca studio girlsformanotherplanet

dal 10/10/2019

Girls From Another Planet

Un viaggio affascinante e poetico attraverso misteriose figure femminili che prendono vita e si muovono in paesaggi naturali quasi surreali.
Girls from another planet sono nuove eroine romantiche, visionarie, pop-psichedeliche, perturbanti, dalla potenza cinematografica.Sono donne che cadono sulla terra, nuove rappresentazioni di una fantascienza femminile e rivoluzionaria.
La mostra sarà ospitata dallo Studio Mo.C.A di Cinzia Bonamoneta nella splendida cornice di Piazza degli Zingari, cuore del Rione Monti.
Con un Cocktail The Key di benvenuto di Valeria Sebastiani.
L'organizzazione dell'evento è a cura di Livia Crisafi.  dettagli

mostra goetheinstitute romakunstraumgoethe

04/10/2019 - 07/12/2019

Voci che si cercano

Il Goethe-Institut e Onna Onlus collaborano oramai da diversi anni ad un comune progetto culturale, teso a consolidare quell’importante legame tra Italia e Germania che si è creato con la ricostruzione dopo il terremoto del 6 aprile 2009. Il Goethe-Institut ha invitato l’artista Göran Gnaudschun a realizzare delle fotografie e raccogliere del materiale sul passato e sul presente di Onna. Gnaudschun è un’artista che già in altri lavori ha affrontato con sensibilità e originalità il tema della memoria, con una particolare attenzione alle comunità e al loro contesto.
L’incontro tra i cittadini di Onna e l’artista è stato fin da subito molto sincero e caloroso. Gli Onnesi hanno aperto le loro case, mostrando il loro presente, i loro ricordi e posando davanti alla sua macchina fotografica. Gli scatti sembrano catturare quegli attimi, che creano delle fratture irreparabili nel naturale flusso del tempo e a fissare nei paesaggi, negli scorci del paese e nei volti delle persone, quel momento in cui il tempo si è fermato e niente è più stato uguale a prima.
Ora le fotografie saranno esposte nel KunstRaum Goethe, per l'occasione il lavoro è stato ripensato e ricontestualizzato dall’artista.
Apertura: lunedì 14:00-19:00; martedì - venerdì 9:00-19:00; sabato 9:00-13:00.  dettagli

mostra parcoappiaantica gianniberengogardinroma

29/09/2019 - 12/01/2020

GIANNI BERENGO GARDIN. ROMA

Il Casale di Santa Maria Nova, in via Appia Antica 251, ospita la prima grande mostra di Gianni Berengo Gardin dedicata unicamente alla Capitale. Una selezione di settantacinque scatti, tra cui molti inediti, rivelano al pubblico il fascino di Roma dal secondo dopoguerra a oggi.
Roma è il titolo della rassegna a cura di Giuliano Sergio promossa dalla Soprintendenza Speciale di Roma, diretta ad interim da Daniela Porro, con l’organizzazione di Electa, e aperta al pubblico dal 29 settembre 2019 al 12 gennaio 2020.
L’esposizione è un sorprendente affresco dell’evoluzione e delle contraddizioni della città. Un ritratto complessivo capace di cogliere nei dettagli, nei gesti e negli sguardi dei romani quella franchezza aperta e sfacciata che li contraddistingue. Poesia e bellezza, forza e violenza, architettura storica e trasformazione delle periferie tessono un racconto denso di emozione.
Il catalogo della mostra, edito da Electa, racconta sessant’anni di fotografia del grande reporter nella Capitale, oltre a riunire la documentazione di libri e provini a contatto che arricchiscono la rassegna.  dettagli

mostra maxxi elisabettacatalano

03/04/2019 - 22/12/2019

Elisabetta Catalano. Tra immagine e performance

Tra diapositive, fotocolor, stampe storiche, corrispondenza e provini d’artista, in mostra i documenti per raccontare la complessità del processo creativo di una importante fotografa.
Un nuovo focus dedicato agli archivi del MAXXI che questa volta ha per protagonista Elisabetta Catalano, in collaborazione con l’Archivio Catalano.
In particolare, la mostra indaga il rapporto tra la sua fotografia e la performance, proponendo i ritratti di alcuni artisti durante le fasi gestazionali del processo performativo, tra cui Joseph Beuys, Fabio Mauri, Vettor Pisani, Cesare Tacchi.  dettagli

Elisabetta Catalano Elisabetta Catalano

mostra stfotolibreriagalleria paolaagosti

01/10/2019 - 07/12/2019

Paola Agosti Cronache e Leggende

s.t. foto libreria galleria festeggia i cinquant’anni di carriera di Paola Agosti con una mostra intitolata Cronache e leggende, a cura di Matteo Di Castro, che inaugura martedì 1 ottobre.
Nata nel 1947 a Torino, trasferitasi a Roma a ventuno anni, è proprio nel 1969 che Paola Agosti inizia il suo percorso professionale di fotoreporter, un percorso che la porterà a seguire e documentare gli accadimenti del suo tempo, in Italia e nel mondo, ma anche a mettere a fuoco ciò che vive fuori dalla scena dell’attualità.
Di questo lungo e intenso itinerario professionale la mostra intende restituirci solo le tappe salienti, puntando su un nucleo ristretto di scatti: cinquanta immagini in bianco e nero che testimoniano le cronache e le leggende di mezzo secolo di lavoro della fotografa.
  dettagli

Mostre Fotografiche

Museo di Roma in Trastevere

mostra museotrastevere labulgaria

04/12/2019 - 12/01/2020

La Bulgaria Attraverso Lo Specchio Del tempo

WSP Photography

mostra wspphotography garbatellaimages

05/12/2019 - 20/12/2019

Garbatella Images

Graffiti Scuola https://www.graffitiscuola.it/

mostra graffitiscuola portrait

dal 30/11/2019

Portrait

Istituto Centrale per la Grafica

mostra istitutocentraleperlagrafica intenzioneritavenezuela

25/11/2019 - 08/12/2019

"L'intenzione dell'anima" Rita Valenzuela

Art Forum Würth Capena

mostra artforumcapena autoritrattofotografico

21/11/2019 - 28/11/2019

“ATTRAVERSO L'IMMAGINE: AUTORI-TRATTO FOTOGRAFICO”

Graffiti Scuola

mostra graffitiscuola professionereporter

dal 16/11/2019

Professione reporter

Goethe Institute

mostra goetheinstitute natidopo89

08/11/2019 - 14/02/2020

Nati dopo l’89

Accademia d'Ungheria in Roma

mostra accademiaungeria bauhaus

dal 08/11/2019

Bauhaus Contemporary ~ Opening Exhibition

Istituto Francese Centre Saint-Louis

mostra istitutofrancesecentresaintlouis franceemotion

05/11/2019 - 07/12/2019

Mostra France eMOTION – Le Voyage animé

SET Spazio Eventi Tirso

mostra spazioeventitirso fridakahlo

11/10/2019 - 29/03/2020

FRIDA KAHLO IL CAOS DENTRO

Talent Garden

mostra talentgarden errare

05/06/2019 - 31/07/2019

ArtWorks#3 - Errare

Doozo

mostra doozo immaginariogiapponese

29/05/2019 - 30/07/2019

Immaginario giapponese

Mostra Mostra Giulio Napolitano Giulio Napolitano Giorgio Cosulich de Pecine Giorgio Cosulich de Pecine

Libreria Galleria il Museo del Louvre

mostra galleriamuseolouvre roma50

dal 07/05/2019

ROMA50. Istantanee di un decennio. 200 immagini mai viste dall’archivio del quotidiano Paese Sera

Spazio 5

mostra spazio5 ihaveadream

09/11/2019 - 07/12/2019

I Have a Dream

ICCD - Istituto centrale per il Catalogo e la documentazione

mostra iccd archiviobellosgurado

08/11/2019 - 06/01/2020

Archivio Bellosguardo