ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Istituti stranieri

Mostre d'arte nelle Accademie e negli Istituti stranieri a Roma

Cultura internazionale a Roma

Questa pagina è interamente dedicata alle attività, mostre, eventi svolte dalle accademie straniere a Roma nel campo dell'arte.
Desideriamo ringraziare: Accademia Belgica, Accademia Britannica, Accademia d’Egitto, Accademia d’Ungheria in Roma, Accademia di Danimarca, Accademia di Francia – Villa Medici, Accademia di Romania, Accademia Polacca, Accademia Tedesca - Villa Massimo, Ambasciata del Messico, Ambasciata di Israele, American Academy in Rome, Bibliotheca Hertziana – Max-Planck-Institut, British Council, Casa Argentina, Centro Culturale Brasile Italia, Circolo Scandinavo, Accademia di Spagna, Forum Austriaco di Cultura, Goethe-Institut, Institutum Romanum Finlandiae, Istituto Bulgaro di Cultura a Roma, Istituto Cervantes, Istituto Culturale Ceco, Istituto di Cultura e Lingua Russa, Istituto di Norvegia in Roma, Istituto Giapponese di Cultura, Istituto Italo-Latino Americano - IILA, Istituto Polacco di Roma, Istituto Slovacco a Roma, Istituto Storico austriaco, Istituto Svedese di Studi Classici, Istituto Svizzero di Roma, Reale Istituto Neerlandese a Roma, per le informazioni che ci comunicano costantemente.

Accademia d'Ungheria in Roma mostra accademiaungeria afterbauhaus

16/01/2020 - 28/02/2020Arte contemporanea

After Bauhaus

Riflessioni degli studenti dell'Università di Arte e Design Moholy-Nagy di Budapest sul Bauhaus. Curatore della mostra: Zsófia Kókai (MOME)
Nel 2020 sarà il centoquarantesimo anniversario della fondazione dell’Università di Arte e Design Moholy-Nagy di Budapest (MOME), che dal 2006 porta il nome di uno degli esponenti più noti del Bauhaus. L’Università riflette e condivide in pieno la visione della Scuola Bauhaus, divenuta nota per il suo rinnovamento artistico più significativo nel XX secolo. La MOME “è una comunità di creatori, designer, insegnanti e professionisti dalle capacità creative, abilità umane e volontà di migliorare. È un atelier di brainstorming inteso a mappare, comprendere il mondo in cui viviamo e le cui dimensioni mutevoli determinano il nostro futuro."
La mostra After Bauhaus intende presentare una selezione di lavori realizzati dagli studenti dello stesso ateneo durante i corsi relativi al Bauhaus del secondo semestre del 2019. Le opere provenienti dal Dipartimento di Progettazione Tessile e Moda, Design, Media Design e Grafica rievocano e portano avanti i pensieri tuttoggi validi del Bauhaus centenario.  dettagli

WEGIL mostra wegil gliannidelmale

26/10/2019 - 02/02/2020Arte contemporanea

Gli anni del Male 1978-1982

La mostra “Gli anni del MALE 1978-1982” che ripercorre i cinque anni di vita del più importante fenomeno della satira italiana del dopoguerra. L‘esposizione, promossa dalla Regione Lazio e organizzata da Manafilm srl in collaborazione con LAZIOcrea, a cura di Angelo Pasquini, Mario Canale, Giovanna Caronia e Carlo Zaccagnini in collaborazione con Vincino Gallo, è aperta al pubblico dal 26 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020. L’esposizione ha ottenuto il patrocinio della Federazione Nazionale della Stampa Italiana ed è stata realizzata in collaborazione con Rai Teche, Luce Cinecittà e Radio Radicale.
“Il Male” è stato la quintessenza del giornale cartaceo: coloratissimo, smontabile e rimontabile a seconda degli usi che venivano suggeriti ai lettori e ai giornalai (il più famoso era la metamorfosi in un altro giornale di cui veniva falsificata la testata). Un giornale da esposizione, che i giornalai appendevano nelle edicole e che i lettori mettevano in mostra per far cadere gli amici nella trappola dell’evento falso architettato dalla redazione. Un giornale realizzato da uno straordinario gruppo di autori: da Andrea Pazienza a Vincino, da Sergio Angese a Cinzia Leone, da Jacopo Fo a Tanino Liberatore, da Stefano Tamburini a Carlo Cagni, da Enzo Sferra a Filippo Scozzari, da Jiga Melik a Piero Lo Sardo, da Sergio Saviane a Vincenzo Sparagna, da Giuliano Rossetti a Alain Denis, Roberto Perini, Francesco Cascioli e Bruno D’Alfonso. Il MALE è stato anche lo specchio di un’epoca straordinaria per l’Italia, un’epoca di grande creatività ma allo stesso tempo di eventi terribili che hanno segnato il lavoro satirico del giornale: gli Anni di piombo tra le BR e l’omicidio Moro, il terrorismo nero, gli attentati, gli omicidi di stato, il delitto Pecorelli, la mafia, Andreotti, Sindona, Ambrosoli e la P2.  dettagli

Accademia D’Egitto mostra accademiaegitto aswan

dal 27/11/2019Arte contemporanea

“MESSAGGI DAL SUD”

Inaugurazione della stagione culturale 2019-2020
Mercoledì 27 Novembre alle ore 18.00 con una serata all'insegna del folklore e dell'Arte di Aswan per immergerci nella bellezza della sua cultura, musica e colori ci attendono!  dettagli

Jhon Cabot Universoty mostra jhoncabot alessandrovizzini

dal 14/11/2019Arte contemporanea

Alessandro Vizzini -Sighting and Finding

This semester's show features Alessandro Vizzini, a Sardinian artist based in Rome.
Working across different media, he has exhibited in numerous galleries all over Italy as well as internationally.

Alessandro has travelled across various countries to explore their environment both physically and conceptually. Now, he works in Rome inspired by the city's intrinsic multiplicity.
Sighting and Finding gently interrupts the ordinary and inspires a welcome distraction. The 4m2 Gallery now enables a secure space in which works and viewers observe each other.  dettagli

Istituto Polacco mostra istitutopolacco questoilmiocielo

09/11/2019 - 31/01/2020Arte contemporanea

QUESTO È IL MIO CIELO. Józef Natanson tra pittura e cinema

Un’esposizione di quadri, accompagnati da bozzetti, disegni, fotografie e video,
attraverso cui esplorare il lavoro, tra pittura e cinema, di Józef Natanson,
protagonista del mondo degli effetti speciali degli anni gloriosi di Cinecittà.  dettagli

Académie de France à Rome - Villa Medici mostra villamedici unantichitamoderna

07/11/2019 - 01/03/2020Arte moderna

Un’ Antichità moderna - Jean-Luc Martinez e Elisabeth Le Breton

’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici è lieta di presentare “un’Antichità moderna” mostra realizzata in collaborazione con il Museo del Louvre, curata da Jean-Luc Martinez - Presidente e Direttore del Louvre - e Elisabeth Le Breton - Conservatrice del Patrimonio del Louvre. L’esposizione è concepita intorno all’idea dell’appropriazione dell’Antichità romana classica in Francia, che fu epicentro della sua diffusione. Durante l’antichità classica, furono i romani a realizzare le prime raccolte di modelli di arte greca da copiare. Uno dei mezzi più sicuri e meno onerosi per ottenere copie perfette era realizzare calchi in gesso, modesti quanto preziosi portavoce dei valori che ambivano far propri. Nell’epoca moderna, in Francia, la ricerca degli stessi valori morali e politici diede origine a un nuovo movimento di appropriazione dell’antichità, con il fine di costituire un analogo repertorio destinato alla sala delle Antichità del re, nel palazzo del Louvre, e all’Accademia reale di pittura e scultura. Da oltre quindici anni il Louvre lavora al restauro, alla riscoperta e alla riabilitazione del repertorio (quasi millecinquecento pezzi) che costituisce oggi la gipsoteca del museo. Da circa dieci anni l’Accademia di Francia a Roma si muove in maniera analoga per restituire alla sua collezione di modelli in gesso il proprio valore. Parenti per natura, le due istituzioni hanno unito le forze e, dal 2014, hanno dato vita a un partenariato a sostegno di ricerche e studi, i cui risultati consentono oggi di restaurare la memoria di quel patrimonio nell’ambito di in un’importante mostra.  dettagli

Academia Belgica mostra academiabelgica adrienlucca

dal 20/09/2018Arte contemporanea

Adrien Lucca. Dentelles de Lumière - allégorie de la recherche

Si tratta di un’installazione in situ permanente, geometrica e non figurativa, dispiegata su cinque grandi finestre situate all’esterno della biblioteca dell’Academia Belgica, di fronte alla parete ovest dell’Accademia d’Egitto a Roma, a cura di Adrien Gary Lucca.
“Dentelles de Lumière – allégorie de la recherche” è il risultato di una ricerca sulla luce naturale, il vetro e la matematica condotta durante cinque mesi di residenza presso l’Academia Belgica.  dettagli

Adrien Gary Lucca Adrien Gary Lucca YouTube YouTube