ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Archeologia e Documentarie

Per Gioco. La collezione di giocattoli di Roma Capitale


documentaria

Museo di Roma - Palazzo Braschi dal 25 luglio al 10 gennaio

La mostra è incentrata sulla pregevole collezione di giocattoli antichi acquisita di recente dalla Sovrintendenza Capitolina. Il percorso espositivo intende favorire una esposizione che sottolinei il rapporto tra giocattoli e oggetti di uso comune, tra il gioco e la vita reale. Gli ampi spazi espositivi di Palazzo si prestano a illustrare l’evoluzione della collezione nel corso del secolo, seguendo quindi un percorso cronologica, con focus tematici che evochino momenti della vita quotidiana: la città e la campagna (castelli con soldatini, fattorie e arche con animali, stampe sul gioco, vedute e quadri, lanterne magiche), strada e cielo (i giochi all’aperto, gli sport – il croquet, velocipedi e bici, monopattini e slittini, aerei e alianti, biglie, trottole, cerchi, corde da salto, cavalli a bastone, aquiloni e mongolfiere) la famiglia (gli interni domestici con bambole, case di bambola, cavalli a dondolo, teatrini, vestitini, stoviglie in miniatura, servizi di porcellana e mobili vari, sempre di piccole dimensioni, giochi da tavolo, puzzle e libri), il lavoro (i giochi ispirati alle varie attività di una economia pre-industriale o agli albori della civiltà industriale e che sviluppavano nei bambini competenze artigianali, artistiche e domestiche: filande, telai, motori elettrici, cucine, giochi di costruzioni e meccani); il viaggio (circo itinerante con automi e treni - in quanto alla dimensione dei vagoni dovettero a un certo punto uniformarsi i cariaggi circensi - corse automobilistiche, carrozze, luna park e navi).   dettagli

Documentaria

mostra fondazionemuseoalbertosordi mostraalbertosordi

16/09/2020 - 31/01/2021

Mostra Alberto Sordi

DocumentariaAlberto Sordi si sentiva “del” suo pubblico. E la scelta di far diventare un museo la sua casa, la quale in questo modo diventa un luogo aperto “al” suo pubblico, è stata presa come naturale prosecuzione dell’amore e della generosità che questo artista ha sempre provato nei confronti della “sua” gente.
La famosa villa di Alberto Sordi, alla passeggiata archeologica, e tutti gli oggetti di valore artistico in essa contenuti, sono stati dichiarati beni di interesse culturale e sottoposti al vincolo del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali. Nella villa era altresì custodito l’archivio personale di Alberto Sordi, raccolto nel corso di tutta la sua vita e sottoposto anch’esso al vincolo del Ministero dei Beni Culturali e dichiarato “di interesse storico particolarmente importante”. L’archivio è stato temporaneamente trasferito in deposito a Cinecittà presso il Centro Sperimentale di Cinematografia, dove è stato catalogato e sottoposto anche a restauro.  dettagli

mostra museodellemura narrazionidiargilla

18/09/2020 - 15/11/2020

Narrazioni d'Argilla. Gli archetipi nelle fiabe e nei miti

DocumentariaRassegna d’arte ceramica in cui l’argilla viene lavorata in tutte le declinazioni possibili, con particolare attenzione alle sperimentazioni e contaminazioni dell’avanguardia artistica contemporanea. La mostra si snoda attraverso le sale circolari raccontandoci di Alice, crogiuolo psicologico di L. Carroll, per passare poi allo specchio dei desideri simbolo per antonomasia della ricerca del se, e ancora nella sala rettangolare sopra il portale troviamo la giocosa e libera interpretazione delle artiste che spaziano, tra citazioni delle favole di Basile alle fiabe italiane di Calvino, senza porsi limiti, proiettando lo spettatore-fruitore nei più intimi ricordi di fanciullo. Unite dall’amore per un mezzo espressivo così versatile, sedici ceramiste artiste provenienti da percorsi molto diversi si sono unite in questo progetto espositivo per raccontare le loro emozioni, intessute di ricordi di infanzia, e rappresentare gli archetipi femminili, ma non solo, che si incontrano nelle favole, nei miti, e nei racconti epici.  dettagli

mostra museopigorini rugby

15/09/2020 - 15/10/2020

Rugby. Le origini

DocumentariaLa terza tappa del progetto “Lo sport museo del mondo”, che il Museo delle Civiltà dedica allo studio e all’approfondimento storico e antropologico delle pratiche sportive, riguarda le origini e la diffusione del rugby in Italia. Quali furono i primi passi della palla ovale nella penisola? Quali furono i pionieri? Attraverso quali canali riuscì ad affermarsi come uno sport popolare e praticato ovunque in Italia? La mostra che presentiamo prova a fornire una prima risposta a questi interrogativi grazie agli oggetti del fondo “Luca Raviele”, donato al Museo delle Civiltà dalla famiglia del collezionista e studioso di storia del rugby prematuramente scomparso nel 2019. La mostra sarà inaugurata presso l’atrio d’ingresso del Museo preistorico etnografico “L. Pigorini” il 15 settembre 2020 a partire dalle ore 17:00, ingresso a 5,00€. Gratuito per abbonati e inviti. (Responsabile scientifico del progetto e curatore della mostra: Claudio Mancuso)  dettagli

mostra mercatitraiano civiscivitas2

29/06/2020 - 18/10/2020

Civis Civitas Civilitas Roma antica modello di città

DocumentariaDal 29 giugno apre la seconda sezione della mostra.
L’immagine della vita della Civitas nell’impero romano è completata dalle sezioni dedicate alle infrastrutture: 24 nuovi plastici raffigurano ponti, acquedotti, costruzioni legate alla distribuzione dell’acqua e, infine, mercati. La mostra Civis Civitas Civilitas è stata inaugurata il 20 dicembre 2019 con le prime cinque sezioni. I modelli degli spazi pubblici, fori, templi, curie, degli edifici termali e degli edifici per spettacolo, degli archi e delle porte urbiche, e, infine, di sepolcri e monumenta illustrano il ruolo delle architetture urbane nella costruzione del concetto di Civitas, il nucleo della civiltà romana.
Dal 29 giugno l’immagine della Civitas si arricchisce con i plastici delle infrastrutture legate alla mobilità (ponti), all’acqua (acquedotti e sistemi di accumulo e distribuzione), al commercio (mercati). L’infrastrutturazione del territorio costituisce il tessuto connettivo che permette alle città di alimentarsi di cibo e acqua, di scambiare merci, di mantenere stretto contatto con l’amministrazione centrale.  dettagli

Evento Evento


mostra mercatitraiano civiscivitas

02/06/2020 - 18/10/2020

Civis Civitas Civilitas. Roma antica modello di città

DocumentariaLa cultura romana si è radicata nei territori conquistati militarmente attraverso il modello di vita urbano, che si esprime negli edifici che qualificano la città come tale. La mostra intende descrivere questo processo affiancando edifici dalle funzioni analoghe distribuiti nelle città dell’impero. Il concetto di "Impero delle città" è perfettamente espresso nell’orazione "A Roma" pronunciata dal retore Elio Aristide davanti all’imperator Antonino Pio. La statua del retore apre il percorso espositivo e le sue parole faranno da guida al visitatore attraverso una panoramica di edifici rappresentati nei plastici del Museo della Civiltà Romana. I tre grandi plastici che aprono la mostra illustrano l’articolazione degli spazi forensi attestando sia la molteplicità delle funzioni in città come Pompei e Veleia, sia gli aspetti più specificamente celebrativi e dedicati ad attività istituzionali deli Fori Imperiali.  dettagli

mostra museivaticani materamazonia

dal 28/10/2019

Mater Amazonia - The deep breath of the world

DocumentariaL’esposizione è la prima ad essere allestita nei rinnovati spazi del Museo Etnologico Vaticano Anima Mundi che la scorsa settimana ha avuto l’onore di essere inaugurato nella sua nuova veste proprio da Papa Francesco. “Mi piace pensare – ha dichiarato il Santo Padre per l’occasione – che quello che oggi inauguriamo non sia semplicemente un Museo, nella sua concezione tradizionale. Infatti ho trovato opportuno il nome che è stato scelto per questa raccolta, così evocativo: Anima Mundi. L’anima del mondo. Penso che i Musei Vaticani siano chiamati a diventare sempre più una “casa” viva, abitata e aperta a tutti, con le porte spalancate ai popoli del mondo intero”. Non è un caso quindi che Mater Amazonia apra i battenti proprio nei giorni dello svolgimento del Sinodo dedicato a questa complessa regione, così come non è casuale che essa sia stata ospitata in un museo la cui missione è da sempre quella di accogliere le testimonianze artistiche e culturali dei popoli non europei.  dettagli

mostra fondazionefendi pasolini

Ti impediranno di splendere. E tu splendi invece - Pier Paolo Pasolini

DocumentariaDal martedì alla domenica dalle ore 11.00 alle ore 23.00 (22.40 ultimo ingresso). Si prega di prenotare. Apertura straordinaria lunedì 29 giugno, dalle 11:00 alle 23:00. (22:40 ultimo ingresso). Per informazioni telefonare
al numero +39 340 6430435 oppure inviare email a info@fondazionealdafendi-esperimenti.it  dettagli

mostra arnp viteimi

Vite IMI - Percorsi Dal Fronte di Guerra ai Lager Tedeschi - Mostra Permanente

DocumentariaIl percorso storico didattico del Museo è dedicato alla “resistenza senza armi” dei 650mila militari italiani che, catturati dai tedeschi dopo l’8 settembre 1943, essendosi rifiutati di collaborare con il nazi-fascismo, vennero inviati nei lager del Terzo Reich. Sfruttati come lavoratori coatti, vissero in condizioni disumane. Circa 50mila persero la vita per malattie, fame, bombardamenti. Coloro che riuscirono a sopravvivere furono segnati per sempre.
Il freddo di mille fili di ferro puntuti circondava noi tutti rinchiusi e strapazzati dal vento. Poche assi di legno riunite in baracca … Dietro freddo di morte o mortìo di freddo. È lo stesso. (Franco Mazzanti)  dettagli

mostra bibliotecanazionalecentrale graziadeledda

data da definire

Sotto il cedro del Libano. Grazia Deledda a Roma - Mostra Permanente

DocumentariaLa mostra intende celebrare in particolare il periodo romano di Grazia Deledda. La scrittrice, si trasferisce a Roma nel 1900 e proprio nella capitale si svolge la grande stagione letteraria: da Elias Portolu del 1903 a Canne al vento del 1913 e La madre del 1920, dalle novelle al teatro. Frequenta così il mondo culturale romano di primo Novecento: Angelo De Gubernatis, Giovanni Cena e l’ambiente della rivista «Nuova Antologia», dove escono a puntate molti dei suoi romanzi, gli artisti esordienti. Stringe rapporti con Sibilla Aleramo, Marino Moretti, Federigo Tozzi. La stessa Roma, i luoghi a lei più cari, trapelano tra le pagine come nelle novelle La Roma nostra e Viali di Roma. Inoltre nella capitale muore ottanta anni fa.
Quale massimo riconoscimento del suo percorso letterario, l’Accademia svedese le assegna il premio Nobel per la Letteratura dell’anno 1926 «per la sua potenza di scrittrice, sostenuta da un alto ideale, che ritrae in forme plastiche la vita quale è nella sua appartata isola natale, e che con profondità e con calore tratta problemi di generale interesse umano».  dettagli

mostra museonapoleonico aspettandoimperatore

02/06/2020 - 25/10/2020

Aspettando l’Imperatore

DocumentariaLa mostra intende ricostruire il volto utopico della Roma napoleonica, rimasto in gran parte al solo livello progettuale. Il Museo Napoleonico e il Museo di Roma conservano importanti materiali, alcuni dei quali inediti o poco noti, relativi al quinquennio (1809-1814) in cui Roma, dopo un anno di occupazione militare francese, fu annessa all’Impero Napoleonico e dichiarata, dopo Parigi, seconda città imperiale. In particolare, il Museo Napoleonico possiede una serie di articolati progetti relativi a monumenti che, nel segno del recupero dell’antico, avrebbero dovuto caratterizzare la nuova Roma imperiale (archi di trionfo, il ponte di Orazio Coclite, il Cimitero del Pigneto Sacchetti, scavi archeologici nell’area capitolina ecc.). Il materiale di Palazzo Braschi riguarda invece prevalentemente gli ambiziosi propositi di risistemazione urbanistica di ampie zone della città (passeggiate del Pincio e del Campidoglio, argini del Tevere, area Flaminia ecc.) che vide coinvolti architetti come G. Camporese, G. Valadier e R. Stern. Particolare valore assume la presentazione e valorizzazione del progetto di sistemazione dei Giardini del “Gran César” di L.-M. Berthault e A.-H. de Gisors. Esponendo questi fogli, alcuni di grande formato e di forte impatto visivo. Si tratta di una breve stagione di grande effervescenza creativa, da ricondurre ai propositi francesi di modernizzare e laicizzare la città pontificia oltre che al clima (evocato nel titolo della mostra) di attesa per la venuta dell’Imperatore nell’Urbe, prevista per il 1812 e in realtà mai avvenuta.

  dettagli

mostra galleriaartemodernacapitale spaziartearoma

28/11/2019 - 11/10/2020

Gli spazi dell’Arte. Gallerie e Centri d’Arte a Roma. 40 anni del Centro Ricerca e Documentazione Arti Visive (1979-2019)

DocumentariaIl progetto espositivo e di workshop abbinato è in correlazione con i 40 anni del Centro Ricerca e Documentazione Arti Visive (1979-2019) a cura di Alessandra Cappella, Claudio Crescentini e Daniela Vasta.
Il progetto prevede l’organizzazione di una mostra e relativo workshop qualificato dall’esperienza di studio e approfondimento che da anni sta portando avanti il CRDAV relativamente alla documentazione dell'attività espositiva romana in sedi pubbliche e private. Una finalità che il Centro persegue con la raccolta e la schedatura di cataloghi, monografie, letteratura grigia (inviti, comunicati stampa, dépliant, ecc.), periodici, video e materiale fotografico.
  dettagli

Archeologia

Domus Aurea

mostra domusaurea raffaelloegrottesche

28/05/2020 - 10/01/2021

Raffaello e la Domus Aurea - L'Invenzione delle Grottesche

Raffaello e La Domus Aurea Raffaello e La Domus Aurea

Centrale Montemartini

mostra centralemontemartini colorietruschi

02/06/2019 - 01/11/2020

Colori degli Etruschi