ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Gallerie private

Riordina Click sui quadri per portarli in primo piano

mostra galleria Sinopia
mostra galleria Sinopia
mostra galleria Sinopia
mostra galleria Sinopia
mostra galleria Sinopia

GALLERIA D'ARTE SINOPIA

arte contempranea

Sinopia

Nel cuore di Roma, lo spazio espositivo della Galleria Sinopia invita lo spettatore-visitatore a sperimentare in prima persona l’esaltazione reciproca del bello e del funzionale, proponendo associazioni creative e sperimentali tra l’eleganza dell’arredamento antiquario e la forza visiva dell’oggetto d’arte contemporaneo. La Galleria antiquaria, presente a Roma fin dal 1988, ha intrapreso negli anni recenti un percorso di riscoperta della produzione artistico-artigianale contemporanea, proponendo alla propria clientela una accurata selezione di quadri, sculture, fotografie, oggetti d’arte e d’arredo di artisti nazionali ed internazionali e ricercati abbinamenti tra epoche e culture diverse. La Galleria dedica inoltre una sezione ai “Makers” per creare un punto d’incontro tra arte – design – artigianato. I “Makers” creano un design artistico, non di produzione industriale ma in edizione limitata. Il principio dell’acquisto è quello dell’opera d’arte: i materiali sono preziosi, si avverte il lavoro dell’artista, sotto le superfici si può sentire il movimento, la forza, l’abilità che lo guida.     dettagli

Gallerie private d'arte contemporanea
LE MOSTRE ELENCATE IN QUESTA COLONNA SONO ACCESSIBILI

mostra nomasfoundation romacittaaperta

01/01/2021 - 31/012/2021Arte contemporanea

Roma Città Aperta

Roma citta? aperta will take place from January 2021 to December 2021. roma citta? aperta wants to bring the public closer to the arts, also involving local associations and actively including Roman municipalities, encouraging exchanges and debates required for the transformation of the city. Usually private places, the studios of the artists open up to be spaces for sharing and participating where the public can discover how artistic research is born and takes shape.
  dettagli

mostra gagosian richardartschwager

14/01/2021 - 11/03/2021Arte contemporanea

Richard Artschwager

Il lavoro di Artschwager, associato a molti generi ma conforme a nessuno di essi, è stato variamentedescritto come Pop, perché incorpora oggetti quotidiani e materiali commerciali; come Minimal, perle sue forme nitide e la sua presenza solido-geometrica; e come Concettuale, per il suocoinvolgimento intellettuale con il significato. Questa rara rassegna dei primi decenni della riccacarriera di Artschwager testimonia la sua abilità nel riorganizzare le strutture percettive, mettendo aconfronto diretto il mondo illusorio e figurato delle immagini con quello concretamente umano deglioggetti. Attraverso variazioni di scala e trasposizioni di forme e materiali, le opere di Artschwager sollecitanouna continua rivalutazione dello spazio e del tempo, suggerendo narrazioni articolate, complessitàcompositive al tempo stesso ordinarie e surreali. Impiegando materiali sintetici, commerciali eindustriali, Artschwager ha trasformato le sue fonti con quella imperturbabile arguzia visuale cherende “inusuale” il familiare. Nel
  dettagli

mostra rhinocerosgallery frequency

07/01/2021 - 10/02/2021Arte contemporanea

Sultan bin Fahad

Con rhinoceros viene creato uno spazio espositivo di 800 metri quadrati nel Foro Boario, un’area di centrale importanza nella Roma antica. La riqualificazione dell’area comprende il recupero e la ristrutturazione – firmati dall’archistar Jean Nouvel – di un palazzo storico, tra il Velabro, il Palatino e la Bocca della Verità denominato “rhinoceros”. Con sei piani dedicati all’arte, dal segno forte e non convenzionale, questa architettura sempre in tensione è un motore di creatività e un luogo di cultura per produrre esperimenti in assoluta libertà. rhinoceros, ispirato ai Passages di Parigi di Walter Benjamin, propone una modalità innovativa ed extra ordinaria, con mostre, creazioni multimediali, action, interferenze artistiche che vanno dalle arti visive a quelle performative, ma anche un modulo per abitare e per vivere l’arte e nell’arte.
  dettagli

mostra mesiaspace silviastuky

07/01/2021 - 30/01/2021Arte contemporanea

Come l’acqua che scorre Silvia Stucky

Lo spazio MESIA crea la connessione. Piccolo, bianco, invita a una riflessione interiore, e allo stessa tempo si apre all’esterno, ti connette col mondo al di fuori.  Mi lascio trasportare come acqua che scorre, trovando nuovi equilibri. Dentro di me, fuori di me. Guardo, vedo e sono vista. Vedente e veduto, emozioni e ambiente sono elementi sempre inscritti l’uno nell’altro; la loro divisione è puramente nominale, frutto della necessità analitica del discorso, del linguaggio. [...] Il vedere profondo, non superficiale, è un vedere che diventa anche un ascoltare, un contemplare, un entrare in risonanza con il suo oggetto. Il vedere, così inteso, diventa altresì un essere visto, essere accolto in seno all’ambiente nel quale lo sguardo spazia, si muove, circola – proprio come il qi. 
  dettagli Sito Artista Sito Artista

mostra galleriaannamarra arallelsandperipheries

11/11/2020 - 07/03/2021Arte contemporanea

ARALLELS AND PERIPHERIES: Fractal and Fragments

Galleria Anna Marra è lieta di presentare PARALLELS AND PERIPHERIES: Fractals and Fragments a cura di Larry Ossei-Mensah. La mostra è il quarto appuntamento di una serie - il primo al di fuori degli Stati Uniti - che indaga pratiche artistiche indotte da idee, narrazioni, miti e materiali, e presenta le opere di sei artisti afroamericani che vivono e lavorano negli Stati Uniti: le sculture di Kim Dacres e Kennedy Yanko, i dipinti, le opere su carta e i collage fotografici di David Shrobe, Kenturah Davis, Nate Lewis e Basil Kincaid. PARALLELS AND PERIPHERIES: Fractals and Fragments utilizza il concetto matematico dei frattali per esplorare in profondità ciò che si vede sopra e sotto la superficie. L'uso di questo quadro concettuale evidenzia la complessità e le sfumature presenti nella storia condivisa dell'estetica nera e della comunità della Diaspora. Inoltre, mostra che sebbene questi artisti possano avere esperienze in qualche modo simili a prima vista, a un esame più attento, possiedono voci e prospettive che sono immensamente varie e comprendono una molteplicità di differenze.
  dettagli

mostra micro ilborestachenontiaspetti

07/01/2021 - 30/06/2021Arte contemporanea

IL BORESTA CHE NON TI ASPETTI

Lo spazio Micro Arti Visive di Roma è orgogliosa di annunciare l’imminente inizio dell’ambizioso progetto espositivo IL BORESTA CHE NON TI ASPETTI. Sei episodi che ripercorreranno nell’arco di sei mesi (dal 7 gennaio 2021 al 31 giugno 2021) la vicenda artistica “dell’outsider tra gli outsider”, come lo stesso Pino Boresta ironicamente si autodefinisce. Sei mostre che daranno conto di un itinerario artistico perlomeno insolito e decisamente fuori dagli schemi del sistema dell’arte, attraverso mostre, incontri, sorprese e approfondimenti dedicati a quello che si può senz’altro definire come il precursore della Sticker Art, che da più di trent’anni ha invaso con le sue smorfie i muri delle nostre città. Difficile confinare il lavoro di Boresta in un genere ben preciso, avendo spaziato senza soluzione di continuità e con feroce ironia dalla pittura alla fotografia, dall’arte pubblica alla performance. Spinto da un reale bisogno di contaminarsi con linguaggi differenti e spesso inconsueti, Boresta ha accumulato negli anni una quantità di opere e materiali a dir poco sorprendente.
  dettagli

mostra galleriafaber prisma

20/12/2020 - 27/02/2021Arte contemporanea

Prisma - VALERIO GIACONE - MANUELA GIUSTO - KORO IHARA - JACOPO MANDICH - KEISUKE MATSUOKA - GIULIA SPERNAZZA

Il confronto tra diverse interpretazioni artistiche vuole evidenziare le varie sfaccettature culturali e fare intrecciare tra loro realtà tecnicamente e concettualmente poliedriche. Il percorso allestitivo si muove tra pittura, installazione, scultura e fotografia in maniera armonica, mettendo in luce le ricerche più recenti dei sei artisti. In mostra un estratto dei progetti: UNO di Valerio Giacone; Elementi di Manuela Giusto; Wormed, Fading-Casting, di Koro Ihara; Forze Invisibili di Jacopo Mandich; Refugees di Keisuke Matsuoka; Texture di Giulia Spernazza. Particolarmente interessante risulta essere il dialogo tra la visione orientale e quella occidentale nell’interpretazione dei valori sociali di riferimento alla base della ricerca artistica dei singoli interpreti. Caratteristica di PRISMA sarà il suo continuo divenire; gli allestimenti muteranno periodicamente, rinnovando le strutture installative e le interazioni tra i protagonisti durante tutta la durata dell’esposizione. Apertura: martedì - sabato 11:00 - 19:00.
  dettagli

mostra ada evahide

05/12/2020 - 28/02/2021Arte contemporanea

Eva Hide, Kammerspiel _

Le opere apologo di Eva Hide si rivelano come still frame plastici, istanti “congelati” estratti da un lungo film, da quella “favolaccia” scomoda e perturbante che ha l’ardire di raccontare, e che presenta punti di contatto, debiti e vicinanze con gli abissi onirici di Lynch (come non pensare al bambino deforme di Eraserhead o al doloroso mondo separato e discriminato del povero Joseph Merrick di “The elephant man”?), ma anche con la “maniera oscura” del Goya più disfunzionale e orrorifico dei “Quadritos”, e soprattutto, restando nel campo del cinema, con la pratica Espressionista, alla quale EvaHide attinge per disposizione naturale. [...]La descrizione oggettiva della realtà lascia così il posto a una dimensione percettiva trasfigurata da corruzione e degradazione, perché questo è ciò che la natura umana infligge a sé stessa. In quella speciale unità di luogo che si crea nell’astrazione dal contesto della normalità, le creature più delicate dell’immaginario collettivo, gli animali domestici, i coniglietti, i bambini, i fiori e i frutti, naufragano nella tempesta delle nevrosi psichiche, delle ambiguità identitarie, delle violenze subite.
  dettagli

mostra gallerialanuvola achilleperilli

20/12/2020 - 15/02/2021Arte contemporanea

Achille Perilli - Forma e Colore

Con una selezione di lavori degli anni sessanta, la storica Galleria La Nuvola rende omaggio ad Achille Perilli.
  dettagli

mostra monitor iltemporegolaatto

10/12/2020 - 29/01/2021Arte contemporanea

IL TEMPO REGOLA L’ATTO: DUE OPERE PER UNA MOSTRA

A partire dal 10 dicembre e per tutto il mese di gennaio la galleria MONITOR ospiterà un ciclo di mostre a calendario “irregolare”: Il tempo regola l’atto. Ogni appuntamento presenterà solamente due opere di due artisti a confronto che saranno fruibili per un periodo di tempo breve e indeterminato. Il tempo del processo che regola il concepimento e la realizzazione dell’opera, e la brevità della sua temporanea permanenza negli spazi della galleria, regoleranno questo nuovo piccolo progetto incentrato sul confronto fra generazioni e su una dinamica di proporzioni invertite, di analogie e reciprocità della ricerca artistica. L’apertura di ogni nuovo appuntamento e i suoi protagonisti, saranno comunicati attraverso una newsletter e i canali social di Monitor. Durante il mese di dicembre le stanze della galleria ospiteranno i lavori di Elisa Montessori (Genova, 1931) e di Thomas Braida (Gorizia 1982).
  dettagli

mostra t293 bazaar

21/11/2020 - 29/01/2021Arte contemporanea

Hangama Amiri – Bazaar, A Recollection of Home

La mostra Bazaar, a Recollection of Home esplora i temi della globalizzazione, degli scambi commerciali tra Oriente ed Occidente, delle norme sociali e di genere nei mercati afghani. Amiri estende il proprio lavoro ad orizzonti più ampi di significato, con lo scopo di celebrare la presenza delle donne, in un contesto dominato a lungo dai soli uomini. Ricorrendo ai propri ricordi d’infanzia, l’artista dà voce oggi alle donne afghane e mira ad espandere il dialogo su cosa possa significare il femminismo nell’Afghanistan di oggi.
  dettagli

mostra t293 papers

19/12/2020 - 29/01/2021Arte contemporanea

Ethan Cook - Papers

T293 è lieta di presentare Papers, una serie di nuove opere su carta di Ethan Cook. La mostra fa parte del progetto curatoriale Also on View, ideato dalla galleria come un approccio nuovo alla sperimentazione, nel quale diversi linguaggi artistici vengono messi in dialogo, aprendo ulteriori possibilità di confronto. Inserito nel programma espositivo della galleria, il progetto è pensato al tempo stesso per riattivare lo spazio, inteso come organismo vivente in trasformazione. Da sempre interessato all'esistenzialismo materiale legato alla pratica del tessere la tela, Cook adotta un approccio equivalente per il processo di fabbricazione della carta. Per fare ciò la utilizza come materiale su cui lavorare, invece che come sopporto, e realizza i lavori immergendo uno stampo in una vasca di polpa pigmentata che viene poi estratta, pressata e infine asciugata.
  dettagli

mostra z2o scritture

16/12/2020 - 31/01/2021Arte contemporanea

Scritture - Pier Paolo Calzolari

z2o Sara Zanin è lieta di annunciare l’apertura di un nuovo spazio espositivo, che si aggiunge a quello ufficiale della galleria e che sarà dedicato a residenze e progetti speciali con artisti: z2o Project - in Via Baccio Pontelli 16 Per l’inaugurazione z2o Project ospiterà la mostra Scritture, un progetto interamente dedicato alla recente produzione di tempere su sale di Pier Paolo Calzolari. In occasione della mostra è stato realizzato in collaborazione con l’artista il volume Pier Paolo Calzolari ballata bianca, con poesie di Bruno Corà e Karine Marcelle Arneodo edito da Magonza.
  dettagli

mostra rosso27 canditialveleno

05/12/2020 - 23/01/2021Arte contemporanea

Canditi al Veleno - Demetrio Di Grado

Demetrio Di Grado, street artist siciliano e collagista impegnato da anni in una ricerca stilistica che racconta il presente attraverso un'iconografia, ormai riconoscibile come sua cifra artistica e che è il frutto di un lavoro attento sulle immagini analogiche degli anni '30 e '50 del suo archivio di riviste e libri dell'epoca. Reduce da un autunno ricco di soddisfazioni: dalla partecipazione come uno degli 8 artisti chiamati a realizzare l'“overture” della mostra di Bansky a Palermo, con alcuni interventi di street art tra le vie del centro storico, alle vetrine d'autore presso Bisso Bistrot, uno dei più rinomati e frequentati locali di Palermo all'interno di una rassegna di arte contemporanea con artisti italiani e internazionali fino ad arrivare alla pubblicazione, nell'ottobre scorso, del libro a lui dedicato che racconta i 20 anni di carriera e che lo ha consacrato a pieno titolo nel novero degli artisti più influenti del panorama della street art italiana. Nell’ultimo anno la produzione dei collage di Di Grado si confronta con un intenso processo di analisi interiore che lo ha portato a declinare molti dei suoi lavori su tematiche complesse a volte drammatiche, senza tralasciarne però quell'aspetto ironico che caratterizza ogni sua opera.
  dettagli

mostra macmaja 3d

09/12/2020 - 30/01/2021Arte contemporanea

3D Isabella Ducrot Margareth Dorigatti Claire de Virieu

Dopo il successo della personale dell'esordiente Anna Di Paola, Maja Arte Contemporanea prosegue il programma espositivo 2020-2021, interamente dedicato alle artiste, con una selezione di tredici opere di Isabella Ducrot, Margareth Dorigatti e Claire de Virieu, riunite insieme, per la prima volta, nella collettiva dal titolo "3D". Di Isabella Ducrot si propone la serie di lavori su carta "Interno giorno", e una "Benda originale" esposta alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna (Roma) durante la personale del 2014 "Isabella Ducrot. Bende sacre". La materia di partenza di quest'ultimo lavoro è una sciarpa votiva tibetana (katha), il cui tessuto è rarefatto e ridisegnato fino a dipanarne la trama sfidando la fragilità della seta. Margareth Dorigatti è presente con un ensemble inedito dedicato al carteggio (circa 1.700 lettere in 10 anni) tra Goethe e la sua Amata, Charlotte von Stein. Alla conclusione della storia Charlotte chiese al grande poeta tedesco la restituzione delle proprie lettere e le distrusse. L'artista ci conduce alle parole segrete riscrivendo le lettere immaginarie e interpretandole attraverso una serie di opere pittoriche. Nella camera oscura prende vita la serie "Photogrammes" di Claire de Virieu, dove l'artista francese - senza pellicola né macchina fotografica – forma direttamente la materia tra giochi d'ombra e di luce, agendo sulle trasparenze luminose degli oggetti disposti sulla superficie sensibile.
  dettagli

mostra pastificiocerere refolded

14/12/2020 - 18/01/2020Arte contemporanea

REFOLDED. Percorsi meta-artistici

La Fondazione Pastificio Cerere ospita REFOLDED. Percorsi meta-artistici, mostra collettiva a cura del Collettivo curatoriale Luiss Master of Art X, Master Universitario di I livello della Luiss Business School con la supervisione scientifica di Achille Bonito Oliva. Il tema scelto è la meta-arte, ovvero quella riflessione che l’arte compie su sé stessa. Attraverso questo ripiegamento la sua autoreferenzialità permette all’arte di legittimarsi mostrando le sue condizioni di possibilità. In questo percorso di introspezione, vengono messe in atto alcune strategie identificate come esempi di approccio al tema della meta-arte. Il concetto viene declinato come ripresa iconografica di opere che si sono poste come modelli della storia dell’arte; come rivisitazione della tradizione pittorica che identifica il paesaggio e il mito come alcuni dei suoi generi; come una riflessione sulla scelta di un medium espressivo: la fotografia, la pittura, la scultura, l’installazione possono essere interpretate in base al legame con la tradizione artistica, la società, la cultura e l’arte contemporanea.
  dettagli

mostra paoloantonacci collezionepresente

05/12/2020 - 30/01/2021Arte moderna

Collezione Presente

A seguito del nuovo Dpcm del 3 dicembre la Galleria Paolo Antonacci, comunica che da sabato 5 dicembre fino a giovedì 24 dicembre. Saremo lieti di vedervi, rispettando tutte le norme vigenti, per scambiarci gli auguri!
  dettagli

mostra richterfineart lightbreeze

15/12/2020 - 29/01/2021Arte contemporanea

Light breeze touching the earth

Da martedì 15 dicembre torna ad abitare gli spazi della Richter Fine Art, Drago? B?di?? (classe 1987), con una mostra personale dal titolo Light breeze touching the earth. “Ho sognato una pioggia torrenziale; il cortile interno del mio condominio si riempì d'acqua, salendo fino al secondo piano, minacciando di entrare nel mio appartamento. Quando l'acqua alla fine si ritirò, lasciò dietro di sé una lussureggiante valle verde che ospitava un piccolo monastero”. Le parole dell’artista ci trasportano subito nel suo immaginario, ben visibile in tutte le opere presenti in mostra, dagli olii, alle linoleografie, agli inchiostri, in cui cattura dalla realtà tutta una serie di stimoli basilari e capillari, come pure di suggestioni atmosferiche, che caricano l’immagine (e il suo contesto) di significati simbolici, di ambiguità ottiche, di costruzioni e corruzioni, di disorientamenti visivi.
  dettagli

mostra lafondazione clairefontaine

20/10/2020 - 21/02/2021Arte contemporanea

Claire Fontaine Pasquarosa Marinella Senatore

L’esposizione pone in dialogo tre interpreti differenti per storia, generazione e cultura, associate da una comune sensibilità verso i temi della libertà individuale, in particolare quella femminile. Orientamento esplicitato da ciascuna di esse con modalità proprie legate, naturalmente, alla loro specifica esperienza personale e professionale ma in grado di presentare inattesi, a volte sorprendenti, punti di convergenza. Infatti, se Claire Fontaine e Marinella Senatore riflettono su tematiche universali come la politica, la religione, la violenza, le differenze di genere, il ruolo della donna nel contesto sociale attraverso un variegato insieme di modalità espressive (scultura, disegno, foto, scrittura, installazioni, video, performance…) anche “Il fenomeno” Pasquarosa, così come Cipriano Efisio Oppo definì la pittrice nel 1918, si è confrontata con le medesime tematiche. Con la differenza che, rispetto alle prime, più che attraverso l’esercizio della propria professione, Pasquarosa lo ha fatto, consapevolmente o inconsapevolmente, soprattutto per mezzo della propria esistenza. Vale a dire affrontando in prima persona una serie di circostanze ambientali e sociali inconsuete per la sua epoca, tali da renderla un’ideale di pioniera di quei movimenti di rivendicazione dei diritti economici, civili e politici delle donne che spesso sono oggetto dell’esercizio creativo di Claire Fontaine e Marinella Senatore.
  dettagli La Fondazione La Fondazione

mostra exelettrofonica federicopietrella

15/09/2020 - 15/01/2021Arte contemporanea

FEDERICO PIETRELLA MY TIME IS YOUR TIME

My Time Is Your Time, evocazione immediata del rapporto di scambio tra artista e pubblico all’interno di una dinamica di Studio Visit, è anche il titolo di una canzone che nel 1929 Rudy Vallee cantava in un’America in ginocchio per il crollo della borsa di Wall Street. Allora come oggi, in un tempo di assoluta crisi internazionale che stravolse la vita di tante persone, la collaborazione con l’altro era percepita come antidoto per superare una condizione difficile. Se si legge il testo, cercando di scremarlo dalla consueta lirica anni ’20, One steps and two steps/ Old steps and new steps/ There’s no time like our time/ And no one like you! ci sembra interpreti lo spirito di Pietrella nell’intraprendere questa formula inclusiva, e allo stesso tempo esclusiva, dell’incontro col visitatore. Quest’azione, infatti, è volta ad istituire una relazione personale con l’artista senza alcuna mediazione, dove l’unica condizione è la spesa del proprio tempo in cambio del tempo dell’altro. L’importanza che Pietrella dà al Tempo è manifesta nei suoi lavori con il timbro datario, che aggiungono alla dimensione spaziale della figura quella temporale del processo di creazione, ma sembra emergere anche nei lavori pittorici degli ultimi anni dove non è presente l’impressione dei timbri. Come è possibile? Chiedetelo a lui!
  dettagli

mostra 6senso tamburro1

19/05/2020 - 02/02/2021Arte contemporanea

Antonio Tamburro - Città in movimento

Sesto Senso Art Gallery è lieta di presentare la mostra virtuale di Antonio Tamburro - Il linguaggio universale della pittura. In un momento storico come quello che stiamo vivendo oggi, siamo convinti più che mai del ruolo fondamentale dell'arte come veicolo e messaggio positivo di bellezza e di dialogo universale. L'arte e gli artisti con la loro fantasia e il loro carisma comunicativo rappresentano meglio di chiunque altro l'antidoto alla tristezza, allo sconforto e alla paura verso quello che ci attende, un domani incerto. L'intera umanità ha necessità di tornare ai valori fondamentali che ci accomunano e tra questi non bisogna dimenticare la creatività e la bellezza. Come diceva Dostoevskij “La bellezza salverà il mondo”.
L'arte fin dai tempi antichi ha sempre avuto un ruolo salvifico, non solo per curare le anime come asseriva la chiesa ma anche come forma di terapia, come esigenza dello spirito per allontanare lo stress della vita quotidiana da ogni forma di alienazione. L'arte mette in comunicazione popoli e culture diverse, crea ponti non mette muri e barriere tra gli esseri umani.
Oggi più che mai c'è bisogno di rivalutare il ruolo essenziale che ha l'arte nella vita delle persone, valorizzando in primis il lavoro degli artisti che con le loro creazioni lasciano un significativo patrimonio all'umanità e di tutti gli operatori del settore artistico che sostengono il loro lavoro e ne incentivano la fruizione. Apertura Su Appuntamento.
  dettagli 6° Senso Art Gallery 6° Senso Art Gallery

mostra galleriagallerati pezziunici4

05/12/2020 - 15/01/2021Arte contemporanea

Pezzi Unici

“Con la rassegnaPezzi Unici 4per la prima volta la Galleria Gallerati presenta opere di scultura. Come nelle tre precedenti edizioni –che erano però concentrate su tecniche fotografiche o miste –il principio dell’unicità di ciascuno dei lavori è alla base del progetto. In quest’occasione, la non riproducibilità del linguaggio scultoreo mette in luce la necessità di una riflessione sul valore fisico dell’oggetto materiale. Le creazioni artistiche occupano spazi determinati dal loro volume, palpabile con il tatto e percepibile con la vista: pezzi unici realizzati con diversi materiali, come pigmenti, ceramica, argilla, ferro, nylon, PVC, legno, oro. Una collettiva stilisticamente eclettica, nella quale dialogano tra loro gli immaginari creativi di sedici autori.
  dettagli

Nomas Foundation 26/10/2020 - 28/02/2021

mostra nomafoundation littleconstellation

LITTLE CONSTELLATION - Maria Adele Del Vecchio, Giulio Delvè

In un’epoca che chiede a individuo, comunità, società di comprendere il senso delle restrizioni o della libertà, è possibile accedere al microcosmo del sistema dell’arte attraverso il tempo delle relazioni umane, professionali, estetiche piuttosto che del logos? Come costruire spazio sociale e istituzionale senza esercitare potere, potenza, egemonia? Quali scelte soggettive o collettive è necessario coltivare per essere autorevoli senza essere autoritari? Può la voce delle donne fornire una risposta estetica e politica a questi dubbi moderni? Abusi e crimini perpetrati attualmente in molte nazioni ai danni di diritti e libertà civili aprono un appello rivolto a quelle autorità determinate a sostenere svolte radicali per cancellare qualsiasi discriminazione di razza, genere, classe, età, abilità. Per Giulio Delvè, prendere distanza dall’autorità laddove diventi dominio e al contempo nutrire verso essa una fiducia istintivamente familiare restituisce uno dei sintomi profondamente radicati nell’assetto socioculturale italiano. Per Maria Adele Del Vecchio, la riflessione femminista si offre come uno dei possibili antidoti al potere in chiave critica e autocritica.
  dettagli

Operativa Arte Contemporanea 09/10/2020 - 30/11/2020

mostra operativa beabonafini

Bea Bonafini Twin Waves ? Onde Gemelle

Siamo entusiasti di annunciare l'imminente mostra Twin Waves Waves Onde Gemelle di Bea Bonafini, con un nuovo corpo di lavoro intrecciando sughero inciso, arazzi, disegno, ceramica e suono. Lo spettacolo presenta un frammentato cosmo di metamorfosi fluidi, dove confini umani e non umani si sciolgono, moltiplicano e si scontrano.
  dettagli

Chiaroscuro Gallery 26/11/2020 - 

mostra chiaroscuro chiaroscuroatelier

Chiaroscuro Atelier

Chiaroscuro Atelier apre il laboratorio artigianale di tessuti, filati gioielleria, ceramiche, fotografia. Creazioni di Gabi Damianakis, Ilaria Falco, Miss cheri, Alberto Guerri, Laszlo Jezek, Giorgia Monni
  dettagli

White Noise Gallery 24/10/2020 - 22/12/2020

mostra withenoise lavoroinutile

Lavoro inutile - Jonathan Vivacqua

La storia recente ha costretto ciascuno di noi a ripensare al proprio ruolo all’interno della società. Un’assunzione di responsabilità inattesa, sette miliardi e mezzo di persone uscite contemporaneamente da una sorta di seconda adolescenza collettiva. In questo contesto abbiamo assistito alle conseguenze del più estremo relativismo culturale ed etico: le bolle sono scoppiate, in molti sistemi nazionalisti ha prevalso la salute economica su quella pubblica, i muri sono caduti svelandone altri, più alti e più robusti. Tutti noi li abbiamo riempiti come potevamo, quei giorni rabberciati. Mentre galleggiavamo incerti in un immobilismo colmo di preoccupazione - a tratti liberatorio per la sua ineluttabilità - le falle dei meccanismi produttivi erano invece in ottima forma. È un racconto di straordinarie conquiste quello che va dal sistema agricolo alla rivoluzione digitale, che nel suo rapido incedere ha raggiunto traguardi inimmaginabili, lasciando però spesso l’incombenza di rinsaldare i principi dell’umanesimo alle pagine di storia e non al futuro.
  dettagli

Francesca Antonini Arte Contemporanea 22/10/2020 - 30/01/2021

mostra francescaantonini antonelloviola

Antonello Viola - Anche Bach mi ha salvato

La mostra raccoglie una selezione di sette opere inedite su carta giapponese, insieme a una grande installazione ambientale in vetro ideata appositamente per la sala centrale. Il progetto è introdotto da un testo di Davide Ferri. Anche Bach mi ha salvato fa il punto sugli sviluppi più recenti della ricerca dell’artista, che, a partire dalla pittura astratta e dall’esercizio sulla stratificazione di superfici monocrome, arriva a tradurre stati d’animo e tensioni interiori. Una pratica, quella di Viola, focalizzata sui concetti connaturati alla tecnica del dipingere, che volutamente ignora le lusinghe della figurazione per concentrarsi sulla restituzione misurata di segni leggeri, cognizioni e impressioni.
  dettagli

Anna Marra Arte Contemporanea 11/11/2020 - 30/01/2021

mostra galleriaannamarra arallelsandperipheries

ARALLELS AND PERIPHERIES: Fractal and Fragments

Galleria Anna Marra è lieta di presentare PARALLELS AND PERIPHERIES: Fractals and Fragments a cura di Larry Ossei-Mensah. La mostra è il quarto appuntamento di una serie - il primo al di fuori degli Stati Uniti - che indaga pratiche artistiche indotte da idee, narrazioni, miti e materiali, e presenta le opere di sei artisti afroamericani che vivono e lavorano negli Stati Uniti: le sculture di Kim Dacres e Kennedy Yanko, i dipinti, le opere su carta e i collage fotografici di David Shrobe, Kenturah Davis, Nate Lewis e Basil Kincaid. PARALLELS AND PERIPHERIES: Fractals and Fragments utilizza il concetto matematico dei frattali per esplorare in profondità ciò che si vede sopra e sotto la superficie. L'uso di questo quadro concettuale evidenzia la complessità e le sfumature presenti nella storia condivisa dell'estetica nera e della comunità della Diaspora. Inoltre, mostra che sebbene questi artisti possano avere esperienze in qualche modo simili a prima vista, a un esame più attento, possiedono voci e prospettive che sono immensamente varie e comprendono una molteplicità di differenze.
  dettagli

Studio Stefania Miscetti 22/10/2020 - 10/01/2020

mostra studiostefaniamiscetti brunaesposito

BRUNA ESPOSITO Altri Venti - Ostro

Ostro è la prima di più variazioni sul tema che evoca i venti caldi del Mediterraneo: libeccio, scirocco, grecale. L’installazione è costituita da un gazebo realizzato con materiali naturali, quali bamboo e corde, un luogo ospitale e abitato dall’aria mossa dalle pale di un ventilatore alimentato da energia fotovoltaica, oltre che dalla presenza di eliche navali, elemento ricorrente nelle sue opere. In mostra anche ventagli souvenir e alcuni esempi di applicazioni low tech in ambito domestico, suggerimenti realizzabili da chiunque voglia avvicinarsi ad un uso consapevole dell’energia ecosostenibile con soluzioni a portata di mano. Il lavoro nasce dalla sinergia tra diversi ambiti di ricerca e materializza la visione dell’artista, nella convinzione, sempre più espressa, di dover mettere in dubbio quelli che sono comunemente definiti ‘beni’ di consumo, quali ad esempio gli impianti di aria condizionata.
Apertura: lunedì - venerdì 16:00 - 20:00.
  dettagli evento evento

smART 15/10/2020 - 26/02/2021

mostra smart andreakvas

Blac Ilid - Andrea Kvas

Blac Ilid, la prima personale a Roma dell’artista Andrea Kvas a cura di Davide Ferri. Blac Ilid, espressione arbitraria e incomprensibile scritta con le lettere di un font disegnato dall’artista che ricorre in molti dei suoi dipinti recenti, è anche titolo della sua personale presso smART. La mostra include un ciclo di lavori apparentemente irriducibili ad un unico autore, ma realizzati attraverso una processualità che caratterizza il lavoro dell’artista fin dagli esordi, e approda nel vasto territorio dell’astrazione – un’astrazione imprevedibile e involontaria, agile - ed esclusivamente dipinti su tela: un aspetto significativo, perché di rado l’artista utilizza la tela come unico supporto per un intero ciclo di lavori. Le opere in mostra alla Fondazione nascono all’insegna di un’altra forma di "variabilità" processuale: come sempre accade nella pratica di Kvas le tele sono dipinte in orizzontale, ma, una volta ultimate, vengono intelaiate e riportate su un piano verticale come se l’inquadratura finale dell’immagine, il suo contenimento nei limiti del telaio, la definizione dei suoi margini e della sua dimensione, riconfigurasse a posteriori tutto il processo.
  dettagli

Fondazione Baruchello 01/10/2020 - 19/12/2020

mostra fondazionebaruchello provediriesistenza

Prove di R(i)esistenza

Le inquietudini pandemiche del 2020 hanno reso tangibile la necessita? di prendersi cura dell’imprescindibile rete di relazioni che vincola individui, societa?, ecologia. Prove di R(i)esistenza presenta pratiche artistiche che, attraverso una metodologia fondata su ricerca, processualita? e forme di partecipazione e collaborazione, coltivano una nuova consapevolezza etica sia individuale che condivisa. “Resistenza come ri-esistenza” e? la nozione articolata dal pensatore colombiano Adolfo Alba?n Achinte in quanto serie di “meccanismi che le comunita? creano per inventare la vita quotidiana e il potere, mentre si confrontano con il progetto egemonico”. Prove di R(i)esistenza risponde alla proposizione di Achinte attraverso progetti che non esercitano semplicemente una forza oppositiva di resistenza o denuncia dello status quo, ma operano una ri-esistenza attraverso la loro volonta? creativa e politica di immaginare nuovi modi quotidiani dell’essere e del relazionarsi.
  dettagli

Galleria Triphè 29/09/2020 - 30/12/2020

mostra galleriatriphe naturanature

Natura Nature - FEDERICA ZIANNI

Tutte le opere da lei realizzate contengono un messaggio significativo delle diverse sfaccettature che caratterizzano l'individuo nel suo continuo evolversi . L'uomo tende istintivamente a pensare all'idea di una esistenza fatta di abbondanza e positività, alla quale tutti aspirano, ma non sempre è così. La vita mette alla prova il proprio io, che dopo essere uscito dal suo bozzolo cerca di adattarsi agli imprevisti del mondo. Nell'uomo c'è sempre comunque anche un approccio salvifico; nell'opera realizzata con i lacci emostatici c'è la capacità dell'individuo di vedere oltre il visibile : si chiama salvezza.
  dettagli