ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Gallerie private

Riordina Click sui quadri per portarli in primo piano

mostra Gilda Lavia Once Upon A Time
mostra Gilda Lavia Once Upon A Time
mostra Gilda Lavia Once Upon A Time
mostra Gilda Lavia Once Upon A Time

Once Upon a Time - Leonardo Petrucci

arte contempranea

Galleria Gilda Lavia dal 15 ottobre al 18 gennaio

La Galleria Gilda Lavia di Roma ha il piacere di ospitare “Once Upon a Time”, mostra personale dell’artista Leonardo Petrucci. L’insieme di opere che compongono la mostra, come evocato dal titolo della stessa, riflette sul concetto di tempo, il quale anziché essere spiegato e analizzato attraverso formule o dati scientifici, viene manifestato in tutta la sua complessa ambiguità. La ricerca artistica di Petrucci, legata a tematiche particolari come la Geometria Sacra, l’Alchimia, la Cabala e l’Astrologia, analizza le proprietà mistiche e simboliche che questi concetti possiedono, spaziando da elementi microcosmici fino a quelli macrocosmici. Con il corpus di lavori che compongono “Once Upon a Time”, l’artista sembra restituirci una sintesi di questa sua ricerca, proponendo un sovvertimento del concetto di tempo attraverso quelli che lui stesso definisce “cortocircuiti” fisici e concettuali. Il visitatore della galleria potrà così sperimentare una sorta di viaggio iniziatico, tra geometrie cosmiche e paradossi spazio-temporali.
Apertura: martedi - sabato 14:00 - 19:00.

      dettagli

Gallerie private d'arte contemporanea

mostra centroluigidisarro anicca

07/11/2019 - 30/11/2019Arte contemporanea

A NICCA - Marcela Gottardo e Flavia Monteiro

Il titolo della mostra "A nicca"si riferisce a una dottrina fondamentale del buddismo che si basa sull'idea dell'impermanenza, cioè che l'esistenza è in costante statodi cambiamento. L'etimologia Anicca è una negazione della parola radice "nicca" e significa stabilità e continuità. Le opere di MarcelaGottardo e Flavia Monteiro non sono una negazione della permanenza, ma esplorano il concetto buddista di Anicca attraverso l'instabilità e le trasformazioni della materialità e dell'essere. Gottardo e Monteiro, insieme si interrogano su come vediamo attraverso la lente soggettiva della nostra conoscenza e abbracciano la nostra impermanenza destinata, oltre la crisi filosofica ed esistenziale del nichilismo.Gottardo impiega materiali e/o temi familiari per creare frammenti della propria esistenza temporalee ideazione del sé. Questi frammenti sono assemblati e trattati come forme uniche che si trovano in una stasi di degrado, eppure fanno eco alla memoria di forme organiche e di spazio negativo. L'opera di Gottardo presenta esplorazioni materiali della forma, risultando in un sondaggio di opere d'arte che evocano un indice archeologico, incoraggiando una scoperta visiva di manufatti.
Apertura: martedì - sabato 16:00 - 19:00.

mostra arteborgogallery innoallavita

06/11/2019 - 13/11/2019Arte contemporanea

Inno Alla Vita - Loris Caporali

Inno alla vita si sviluppa attraverso l’esposizione di opere pittoriche e scultoree e nasce dall’esigenza dell’artista di manifestare il profondo amore per la vita e condividere le emozioni che generano i suoi lavori.
In galleria, a sottolineare il messaggio di Loris Caporali, sono esposti alcuni dipinti che costituiscono la fase iniziale del suo percorso artistico e racchiudono l’espressione sintetica del suo messaggio. Opere accompagnate da sculture in cui “forme ancora viventi” si ribellano e, parti del corpo volutamente rappresentate, potenziano il messaggio di “Inno alla vita”. Una dimensione misteriosa di intense cromie e forme viventi, celano il messaggio di riflessione sulle problematiche di vita, sulla “paura della morte” in cui sono inseriti simboli ricorrenti che delineano la forza generatrice di ribellione: “i cubilotti”. Forme geometriche che simboleggiano il sapere, la conoscenza, l’intelligenza, la tecnologia e sono designate ad attenuare il senso di angoscia diventando tentativo di soluzione. Simboli che rafforzano e consacrano la volontà di Loris Caporali di manifestare con energia l’amore per la vita.
Apertura: lunedì 15:30 - 19:00 / martedì - venerdì 11:00 - 19:00 / sabato 10:00 - 13:00.
  dettagli

mostra t293 treyabdella

30/10/2019 - 30/11/2019Arte contemporanea

Trey Abdella - Downhill from Here

L’autofiction è un artificio letterario in cui i personaggi immaginari che rappresentano l’autore stesso dell’opera, appaiono, dichiaratamente o sotto mentite spoglie, come figure idealizzate all’interno della narrazione. La pratica, solitamente letta anche da una prospettiva psicologica, viene applicata anche alle arti visive quando gli artisti si includono nelle loro narrazioni, come accade con gli autoritratti fino alle interpretazioni più astratte di se stessi.
Downhill from Here, la prima mostra personale in Europa dell’artista newyorkese Trey Abdella, presenta per T293 una nuova serie di dipinti in cui le situazioni più ordinarie come cucinare, stirare o fare giardinaggio sono rappresentate da un impetuoso e personale punto di vista, una narrazione che trova la sua forza nella banalità stessa della vita.
Ispirandosi a film degli anni ’90 come “Chi ha incastrato Roger Rabbit?” e “Cool World”, l’artista crea un universo in cui i cartoni animati coesistono con personaggi della vita reale. Così come i surrealisti americani degli anni 60, come i Chicago Imagists, che si allontanavano dall’avanguardie artistiche per creare un loro nuovo linguaggio visuale, Abdella unisce il surrealismo, l’estetica dei fumetti e le sue esperienze personali per poi illustrare stati mentali, idee non convenzionali e i suoi elaborati mondi immaginari.
  dettagli

mostra gallerialombardi olipastellifaustopirandello

26/10/2019 - 16/11/2019Arte contemporanea

Oli e Pastelli - Fausto Pirandello

Fausto Pirandello, esponente della cosiddetta Scuola Romana, si distingue – sin dagli anni ’40 – per l’originalità della sua pittura materica e scabra, che coglie con la densità del suo colore il realismo degli attimi più crudi e impietosi della quotidianità.
Apertura: Lunedì - Sabato 16:00 - 20:00.
  dettagli

mostra galleriaedieuropa distico

21/10/2019 - 30/11/2019Arte contemporanea

Distico

la Galleria Edieuropa di Roma, la mostra “DISTICO - Piero Sadun Vincenzo Scolamiero”, a cura di Marco Di Capua.
Nella doppia personale Piero Sadun-Vincenzo Scolamiero, in mostra alla Galleria Edieuropa, viene sottolineata l’assonanza tra i due artisti, come in un distico che, in poesia, è una strofa formata da una coppia di versi. Distanti cronologicamente, i due artisti s’incontrano e dialogano nella liricità del colore, accomunati da un’urgenza creativa di rappresentare l’interiorità e nella costante ricerca di una pittura evocativa e raffinata.
  dettagli

mostra galleriafidia mauromollealittlestories

16/10/2019 - 11/11/2019Arte contemporanea

Mauro Molle - A Little Stories

La Galleria Fidia è lieta di presentare A Little Stories , mostra personale di Mauro Molle.
Per l’occasione saranno esposte 13 opere dell’ultima serie prodotta dall’artista, tutte realizzate con la nobile tecnica dell’olio su tela e alcuni studi preparatori su carta.
Davanti ai quadri di Mauro Molle, dopo l’iniziale entusiasmo provocato dai brillanti cromatismi, la lettura è immediata, ma è necessario attraversare la liscia pelle della pittura per scoprire il significato delle piccole storie che l’artista dipinge con perizia di particolari. Su ogni tela le pennellate assolutamente piatte svaniscono dalla superficie come assorbite dai soggetti/oggetti ritratti astratti dal vero, dal mondo della pubblicità, dell’usualità, del costume; figli scintillanti e transitori desideri enerate dalle menti e dagli
strumenti della modernità.
Corpi geneticamente irrisolti sfilano sulle tele e appaiono istintivamente familiari, vicini. Gli uomini con teste d’animali dipinti dall’artista sono il riflesso di uno specchio posizionato nella stanza della nostra più intima natura. L’io e l’ego s’interrogano sulla visione, sopra ogni tela c’è un alter ego da scegliere, possiamo decidere o attendere che ci riconosca ‘lui’. Comunque ci libereremo dalla maschere della buona apparenza perché, sia dentro che fuori rispetto al quadro, siamo ineluttabilmente e innegabilmente partecipi del processo di ri/e/voluzione della specie.
Apertura: lunedì - venerdì 10:00 - 13:00 / 16:00 - 19:30.
  dettagli

mostra galleriafaber jacopomandich

19/10/2019 - 30/11/2019Arte contemporanea

JACOPO MANDICH LEVITATIS BELLUM

Il progetto Forze invisibili di Jacopo Mandich è costituito da 5 sezioni che formano un vero e proprio viaggio interiore e sociale.
LEVITATIS BELLUM rappresenta il momento centrale del percorso intrapreso dall'artista. Se nella precedente esperienza di Connessioni lo sguardo era analitico, aereo, celeste, ora la visione risulta terrena, interna, personale.
Energie, paure, sistemi e dispositivi si fondono, implodono ed esplodono.
“E' una battaglia che deflagra inesplicabile e violenta, nella volontà di svelare la mancanza e il vuoto che si nasconde dietro la macchina desiderante, facendo emergere la complessa lotta verso la ricerca della libertà per l'individuo e per la massa.”
La rappresentazione diviene avvolgente, viscerale; legno e ferro, fuoco ed aria, “solidi eterici”, elementi antitetici si attraggono e si respingono in una relazione tra opposti che trasuda di potente carnalità. Apertura: martedì - sabato 10:00 - 19:00.
  dettagli

mostra galleriavalentinabonomo matteomontanialungoandare

dal 11/10/2019Arte contemporanea

A Lungo Andare - Unmoorning - Matteo Montani

Matteo Montani torna ad esporre alla Galleria Valentina Bonomo con una mostra personale dal titolo A LUNGO ANDARE unmooring. Il tema centrale della nuova produzione di Montani è la ricerca di un luogo o piuttosto di una condizione che si situa in un “mezzo” tra le cose: tra lo sguardo e la mente, tra il mondo e l’anima, tra la materia e lo spirito, come se ci fosse un punto nel quale – come scrive bene il filosofo francese François Jullien – la frattura tra il mondo sensibile e quello spirituale si stia dissolvendo.
Montani cerca quella zona, una zona che è natura nel rovescio della palpebra, e attraverso l’uso dell’oro, del rame e dell’alluminio crea paesaggi al limite, che in virtù del loro rapporto particolare con la luce non sono mai statici e che dunque durante le ore del giorno sono suscettibili di continui cambiamenti, finchè non troveranno la “porta regale”.
In questo ciclo di opere il pittore scopre tutta una nuova serie di segni. Il segno e la parola sono per Montani strumenti indispensabili per dare una direzione al lavoro. Al segno si associano spesso delle parole, e anche le parole diventano una condizione che Montani usa per cercare di fare un passo non verso il mondo, ma verso l’aperto che gli è davanti.
Apertura: martedì - venerdì 15:00 - 19:00 / sabato 09:00 - 19:00.
  dettagli

mostra mascherinoartecontemporanea arteeregimi

19/09/2019 - 09/11/2019Arte contemporanea

Arte e Regimi 1960 - 1990

la mostra propone una ricognizione sui legami tra arti visive e politica, attraverso il lavoro di Franco Angeli, Tomaso Binga (Bianca Pucciarelli), Pablo Echaurren, Equipo Realidad, Renato Mambor, Fabio Mauri, Mario Schifano, Joe Tilson e Giuseppe Tubi, artisti che hanno riletto a caldo o a distanza di alcuni decenni le realtà delle dittature novecentesche. Benché siano molteplici le pratiche e i linguaggi adottati da questi autori nell’entrare in relazione con le esperienze dei totalitarismi, la mostra mira a fare emergere alcuni fili comuni. Molti di questi artisti si servono infatti nella loro pittura della mediazione fotografica, che diviene lo strumento elettivo per affrontare temi legati alla memoria personale e collettiva. Immagini fotografiche prelevate da quotidiani e rotocalchi e rielaborate pittoricamente sono alla base di molte delle opere in mostra: dal ritratto fotografico di Lenin realizzato alla fine degli anni Sessanta da Mario Schifano, ai montaggi fotografici della storica immagine di Che Guevara assassinato eseguiti nel 1969 da Joe Tilson. Uno scatto fotografico è all’origine anche del grande quadro, esposto in Italia e vincitore del Premio Michetti, dipinto nel 1974 da Equipo Realidad, gruppo spagnolo fondato da Joan Cardells e Jorge Ballester a Valencia nel 1966. L'opera ritrae un gruppo di legionari franchisti appena scesi da uno Junker 52 di ritorno da un viaggio dall’Africa a Siviglia, nel luglio del 1932. Il volto di uno dei soldati è coperto da un rettangolo di pittura nera, in riferimento alla censura operata sui ritratti dei personaggi divenuti invisi al regime di Franco.
Apertura: martedì - sabato 16:00 - 19:30.
Apertura: martedì - sabato 16:00 - 19:30.
  dettagli

mostra rosso27 dasketchamuro

05/10/2019 - 16/11/2019Arte contemporanea

DA SKETCH A MURo

Cinque firme di spicco dal discusso percorso che in questi anni ha visto le nuove forme della pittura contemporanea muoversi rapidamente tra gli spazi urbani e le gallerie d’arte (e viceversa) fino a conquistare i più grandi musei, e tra le forme illegali di Street Art e le commissioni istituzionali di Arte Pubblica.
La collettiva, curata dallo staff del MURo - Museo di Urban Art di Roma, chiude idealmente il MURo Festival che ha inaugurato il decimo anno di attività del pionieristico progetto di Arte Urbana, nato da un’idea di Diavù nel 2010 nel quartiere Quadraro di Roma e diramatosi poi in tutta Italia. Il Festival ha prodotto, durante il 2019, una serie di incontri, proiezioni ed attività, tra cui la realizzazione delle cinque opere murarie del progetto MURo mARkeT al Mercato Menofilo di Quarto Miglio, in collaborazione con il VII Municipio di Roma Capitale, l’Ambasciata degli Stati Uniti d’America e l’Ambasciata di Germania.
E sono proprio i soggetti di questi ultimi murales i protagonisti di alcune delle opere in esposizione, che rivelano – dai primi disegni preparatori fino al dipinto definitivo – i diversi processi creativi di questi cinque artisti. Apertura: su appuntamento.
  dettagli

mostra monitor matteofatoimmaginiesomiglianza

20/09/2019 - 30/11/2019Arte contemporanea

MATTEO FATO - Immagine è somiglianza

MONITOR è lieta di presentare Immagine è somiglianza (come il ritratto sia parte della pittura), prima mostra personale di Matteo Fato presso la galleria. L’esposizione si svolge in contemporanea nella sede di Roma e in quella nuova di Pereto (AQ), inaugurata per l’occasione.
Ideato in modo unitario, il progetto è dedicato a uno dei temi centrali nel lavoro recente dell’artista, il ritratto. Fra i generi tradizionali della storia dell’arte, il ritratto si è riproposto nella pratica di Fato dal 2012, dopo l’intensa frequentazione durante il tirocinio accademico. In questo ritorno alle proprie origini artistiche, l’autore si è riavvicinato al genere con la consapevolezza della sua tradizione.
Concepito come maniera per eccellenza di consegnare un’immagine alla storia, il ritratto conserva paradossalmente una resistenza al tempo ancora oggi, nel delirio delle immagini che assediano la contemporaneità.
Apertura: martedì - venerdì 13:00 - 19:00.
  dettagli mostra mostra

mostra galleriarichterfineart silviaargiolas

01/10/2019 - 22/11/2019Arte contemporanea

Silvia Argiolas “Ti amo dal profondo del mio odio”

La pittrice sarda espone 50 piccole tele nella sala principale della galleria e un’installazione site specific nel piano sottostante, in cui affronta e racconta ciò che ama e che l'attira. Le opere riportano il suo sguardo verso il mondo, tutto senza l’invidia (l’unico peccato capitale non affermativo), l’invidioso è triste per il bene altrui, perché in fondo vorrebbe essere colui che invidia, l’amore è presente come desiderio e l’odio come mancanza.
La pittura di Silvia Argiolas è veritiera, con tratti selvaggi ed espressionisti, molto vicina alla bad painting londinese. Il suo mondo è popolato di personaggi colti al limite delle loro ossessioni e manie. Ad un primo sguardo il suo segno arrabbiato e punk può sembrare improvvisato, ma è tutto adeguatamente curato e costruito con logica, compiendo una vera e propria indagine sociologica contemporanea.
Apertura: lunedì - venerdì 13:00 -19:00.
  dettagli

mostra fruttagallery marcogiordano

20/09/2019 - 15/11/2019Arte contemporanea

Marco Giordano - My Mouth in Our Mind

Frutta is thrilled to present ‘My mouth in your mind’, Marco Giordano’s second solo show at the gallery.
Apertura: gioved’ - sabato 13:00 - 17:00.
  dettagli Mostra Mostra

mostra gallerialorcanoneill traceyemin

21/09/2019 - 07/12/2019Arte contemporanea

TRACEY EMIN

An exhibition of new paintings and drawings
Tracey Emin scrutinizes the emotions of human existence, and turns her personal experiences, memories, and feelings into art that is both intimate and universal. In this exhibition, the act of moving, changing, or departing, suggested by the title, can be read as a move from one place to another, a shift in consciousness, a passage from one world to the next. It may allude to ideas of abandonment and loss, but also to the exciting feeling of a new life and a new beginning.
Apertura: martedì - venerdì 11:00. - 19:00
  dettagli mostra mostra

mostra fondazionebaruchello getridofyourself

23/09/2019 - 08/11/2019Arte contemporanea

Get Rid of Yourself (Ancora Ancora Ancora)

Get Rid of Yourself (Ancora Ancora Ancora) e? il progetto ideato da Lucrezia Calabro? Visconti e selezionato da un comitato costituito da Edoardo Bonaspetti, direttore artistico della Fondazione Henraux; Alessandra Mammi?, storica dell’arte e giornalista presso L'Espresso; Roberta Tenconi, curatrice di HangarBicocca e Gianfranco Baruchello, Presidente onorario e Direttore artistico della Fondazione Baruchello.
Quella presentata negli spazi della Fondazione è una mostra sonora collettiva che prende forma nel buio. Il progetto indaga la produzione di un immaginario in assenza, riflettendo sulle possibilita? politiche di abitare l’invisibilità. Disseminate in un percorso sonoro costruito in collaborazione con il collettivo ALMARE, le narrazioni degli artisti invitati agiscono nell’oscurita?, tramutandone l’accezione privativa in luogo per la condivisione attiva di pratiche.
Apertura: lunedì - venerdì 10:00 - 18:00.

  dettagli

mostra fondazionepastificiocerere objectsandsoundsdijonnakina

24/09/2019 - 20/11/2019Arte contemporanea

Jonna Kina

La Fondazione Pastificio Cerere presenta "Objects and Sounds", la prima mostra personale in Italia dell'artista finlandese Jonna Kina, a cura di Manuela Pacella.
Il progetto e? patrocinato dall' Ambasciata di Finlandia a Roma; Suomen suurlähetystö, Rooma ed è stato reso possibile grazie al Project Grant 2019 di Frame Contemporary Art Finland e al sostegno di Finnish Cultural Foundation e Arts Promotion Centre Finland.
Nucleo principale della mostra è "Arr. for a Scene", corto girato in 35 mm, i cui protagonisti fanno parte di una categoria artistica che oramai da un secolo agisce di nascosto, per rendere il più veritiera possibile la nostra percezione della realtà cinematografica, ossia i rumoristi, in inglese Foley artists, in omaggio allo statunitense Jack Foley, pioniere degli effetti sonori nel cinema.
Apertura: lunedì - venerdì 15:00-19:00; sabato 16:00-20:00.
  dettagli mostra mostra

mostra galleryapart moltovisibiletroppovisibile

30/09/2019 - 20/12/2019Arte contemporanea

Molto Visibile, Troppo Invisibile - Gea Casolaro

The Gallery Apart è orgogliosa di presentare MOLTO VISIBILE, TROPPO INVISIBILE, il nuovo progetto con cui Gea Casolaro offre il suo contributo a quell’interrogativo etico e morale che riguarda il destino del pianeta non meno che la coscienza individuale e collettiva. L’eccezionalità dei tempi correnti, l’incertezza sulla tenuta delle istituzioni democratiche, il concretizzarsi di uno scenario ambientale catastrofico, la tragica incapacità di prevenire e gestire i flussi migratori e le conseguenti pulsioni nazionaliste e razziste portano Gea Casolaro a proporre chiavi di lettura che rifuggano da un approccio troppo astratto ai problemi, atteggiamento di per sé origine e concausa della difficoltà nella ricerca di soluzioni.
Apertura: martedì - venerdì 16:00 - 19:00.
  dettagli

mostra unosunove jonathanvandyke

27/09/2019 - 23/11/2019Arte contemporanea

Jonathan Vandyke – how to operate in a dark room

1/9unosunove presenta How to Operate in a Dark Room, un’importante serie di nuove opere di Jonathan VanDyke, che vive e lavora a New York. Le opere in mostra testimoniano il livello di maestria raggiunto dell’artista nella realizzazione di dipinti cuciti.
Centinaia di pezzi di tela e tessuti, tra cui denim e t-shirt, sono stati macchiati e dipinti in studio attraverso procedimenti elaborati, quindi sono stati tagliati e cuciti insieme secondo complesse composizioni. Molti dei lavori presentano sul retro colori vivaci, lino tinto e foto prese dall’archivio fotografico dell’artista. Complementare ai dipinti è una serie di foto in bianco e nero (stampa ai sali d’argento) ispirate a una scena del film di Michelangelo Antonioni del 1962, L’eclisse, in cui un uomo che ha appena perso tutto disegna dei fiori. I lavori sono installati su impalcature che l’artista ha allestito in galleria. In contrasto con la delicatezza dei quadri, le logore superfici metalliche e le attrezzature industriali citano l’Arte Povera e la scultura minimalista americana. Le opere e l’installazione si uniscono come meditazione sul fare arte e trovare possibilità creative durante tempi bui e incerti. Apertura: su appuntamento.
  dettagli

mostra galerieemanuellayr stanofilko

21/09/2019 - 09/11/2019Arte contemporanea

STANO FILKO

Stano Filko was born in 1937 and died in 2015. During his 78 years, he supposedly experienced two clinical deaths. Filko’s intention was to reach 100 and live until 2037, 22 more years. On the other hand, death was never absolute to him. He expected to move on to the next transcendent dimension of an eternal, infinite reality.
Nevertheless, Filko was clearly caught up in the external realities of his time, living through three starkly different political systems. He remained antipodal to each of them and created his own unique system through his art: complex and paradoxical it was based neither on politics nor morals, permanently surpassing itself, an infinite stream of consciousness.
Curated by Pia Remmers
Apertura: martedì - sabato 12:00 - 17:00.
  dettagli

mostra lafondazione getabratescuadrianghenieciprianmuresanserbansavu

19/09/2019 - 11/01/2020Arte contemporanea

Geta Bratescu Adrian Ghenie Ciprian Muresan Serban Savu

La Fondazione Nicola Del Roscio presenta il progetto culturale non-profit La Fondazione. Un nuovo spazio nel cuore di Roma, aperto alla città e rivolto alla scena artistica globale nel segno della ricerca e del sostegno alle arti del nostro tempo. A curare l’attività culturale de La Fondazione è stato chiamato il curatore Pier Paolo Pancotto che ha ideato un programma espositivo strutturato in quattro mostre all’anno e corredato da numerose iniziative di approfondimento o discussione, in grado di raccontare la creatività contemporanea, abbracciando arti visive, cinema, musica, editoria e discipline naturalistiche.A inaugurare gli spazi de La Fondazione è la collettiva che riunisce le opere di quattro autori dalla scena contemporanea: Geta Br?tescu (Ploiesti, 1926 – Bucarest, 2018), Adrian Ghenie (Baia Mare, 1977), Ciprian Mure?an (Dej, 1977), ?erban Savu (Sighi?oara, 1978).
L’esposizione sarà aperta al pubblico da venerdì 20 settembre 2019 a sabato 11 gennaio 2020 e visitabile dal martedì al sabato, dalle 11.00 alle 18.00, a ingresso libero.
In occasione dell’inaugurazione, giovedì 19 settembre, La Fondazione presenterà inoltre negli spazi privati della sede di via Crispi, l’allestimento di alcune opere originali dell’artista Mateusz Choróbski (Radomsko, 1987).
Ogni mostra sarà accompagnata da una pubblicazione dedicata.
  dettagli

RvB Arts 08/11/2019 - 03/12/2019

mostra rvbarts sicioldr

At The Threshold - Sicioldr

RvB Arts è lieta di presentare la nuova mostra personale del giovane artista italiano Alessandro Sicioldr.
At the Threshold (Sulla soglia) ci porta alla soglia dell'inconscio. In questa sua nuova produzione, Sicioldr propone un mondo popolato di creature bizzarre e mitologiche, tipiche dei suoi lavori, ma questa volta alleggerite dalla presenza della farfalla e di alcuni elementi arborei. Grazie alla sapiente tecnica della sua pittura ad olio, l'artista propone figure ibride e misteriose che evocano storie antiche, ma anche un'atmosfera che sfiora il perturbante.
Alessandro Sicioldr è nato a Tarquinia nel 1990. Nello studio del padre apprende l'arte del disegno e della pittura con una formazione particolare rivolta ai procedimenti tecnici di preparazione dei pigmenti e dei supporti derivata dal famoso trattato di Cennino Cennini, Il Libro dell'Arte, scritto nei primi anni del Quattrocento.
Sicioldr si esprime principalmente con la pittura ad olio, la grafica e l'acquerello. Nelle sue opere crea atmosfere oniriche in cui visioni e suggestioni personali si fondono a simboli e immaginari storici. Nonostante la giovane età ha già partecipato a diverse mostre personali e collettive di notevole importanza manifestando un'abilità tecnica e una capacità visionaria supportata da studi che abbracciano diversi campi disciplinari.
Apertura: martedì - sabato 11:00-13:00 / 16:00-19:30.
  dettagli

Galleria della Tartaruga 06/11/2019 - 15/11/2019

mostra galleriatartaruga soileyli

SOILE YLI-MAYRY - “Digidream/Digibird”

La Galleria della Tartaruga ospita per la quarta volta una mostra personale di Soile Yli-Mayry, artista di origini finlandesi, ma di fama internazionale.Anche quest’anno sarà presente il giorno dell’inaugurazione l’Ambasciatore di Finlandia in Italia Pia Rantala-Engberg. “Soile Yli-Mäyry è un’artista che da sempre ha affidato ad una sua peculiare tecnica pittorica, nel tempo perfezionata, il compito di formalizzare i suoi pensieri. Il segno-colore, che caratterizza le sue opere, si modula sulla superficie del dipinto ora in emergenze ora in graffiti, in una alternanza di colore disteso e raggrumato, ora sottile come una linea, ora espanso come una superficie. Il suo procedere sembra quasi oggettivare i vari passaggi indicati da Vasilij Kandinskij nel suo celebre “Punto, linea e superficie”. Ma l’esito di Soile non è un puro astrattismo lirico bensì un repertorio figurativo lontano da qualsiasi concetto di mimesi. Pur nella essenzialità e nella rarefazione, si individuano volti e corpi di uomini e di donne, mani, animali, buste da lettera… Ed i colori sono squillanti, senza grigi e tonalità di terra. I suoi colori sembrano essere direttamente attinti dalle aurore boreali, il meraviglioso spettacolo naturale che tinge il cielo di mille colori, dal blu viola, al giallo verde, fino al rosso.
Apertura: martedì - venerdì 10:00 - 13:00 / 16:30 - 19:30.
  dettagli

Medina Galleria 06/11/2019 - 08/11/2019

mostra medina artedelgioiello

L’Arte Del Gioiello - Ivan Barbato

L’arte del gioiello di Ivan Barbato. L’orafo Ivan Barbato presenta le sue creazioni ispirate al Rinascimento italiano e allo stile Liberty. Questa esposizione punta in particolare a presentare nella capitale la sua nuova linea ispirata all’antica Roma. Apertura: lunedì - venerdì 10:00 - 13:00 / 15:00 - 19:00 / sabato - domenica 11:00 - 13:00 / 16:00 - 19:00.
  dettagli

Galleria Musja 09/10/2019 - 01/03/2020

mostra musja thedarkside

The Dark Side

Chi ha paura del buio? È il primo appuntamento di The Dark Side, a cura di Danilo Eccher.
La mostra coinvolge tredici tra i più importanti artisti internazionali con grandi installazioni site-specific: da maestri riconosciuti in tutto il mondo, come Gregor Schneider, Robert Longo, Hermann Nitsch, Tony Oursler, Christian Boltanski e James Lee Byars sino ai nuovi protagonisti della scena artistica contemporanea come Monster Chetwynd, Sheela Gowda, Chiharu Shiota. Tra gli italiani compaiono nomi del calibro di Gino De Dominicis, Gianni Dessì, Flavio Favelli, Monica Bonvicini.
Apertura mar - ven 11 - 19; sabato e domenica 11 - 20; lunedì chiuso
  dettagli

Galleria La Nica 24/10/2019 - 14/11/2019

mostra gallerianica jacopotruffa

THE DOWNSIDE - U?ur Gallen – Jacopo Truffa

Se per quest’ultimo “The Downside” sarà il coronamento della collaborazione avviata nel 2017, che ha portato Truffa a partecipare con la nostra galleria a Manifesta Biennial12, per U?ur Gallen questa sarà in assoluto la prima esposizione ufficiale dopo aver raggiunto la notorietà attraverso i social network e i tanti servizi ed articoli a lui dedicati in tutto il mondo.
Il titolo “The Downside”, letteralmente “il lato negativo”, “il rovescio della medaglia”, vuole mettere in luce l’operazione critica che entrambi gli artisti portano avanti contro la società contemporanea sotto due punti di vista diversi ma complementari. Due sguardi critici, ma affatto cinici: scopo della mostra è quello di invitare il pubblico ad una riflessione su tutte quelle realtà e condizioni solitamente “in secondo piano” sulle quali i due artisti vogliono invece fare luce, svelando il “lato negativo” di una società dei consumi nella quale sembra sempre dominare la logica del più forte.
Apertura: martedì - sabato, ore 11:00 - 19:00.
  dettagli

Fondazione Giuliani 25/10/2019 - 21/12/2019

mostra fondazionegiuliani livinggranis

Living Granis

Fondazione Giuliani è lieta di presentare Living Grains, la prima mostra a Roma dell’artista ghanese Ibrahim Mahama. La personale include una serie di opere realizzate ex-novo, tra cui un’installazione su larga scala, fotografie, disegni e un film in virtual reality.
Immersi nella trama storica, culturale e socio-politica del Ghana, i lavori di Ibrahim Mahama affrontano i problemi legati alla globalizzazione, al lavoro, alla circolazione delle merci e alla creazione di comunità, evidenziando una condizione sociale universale. Mahama è noto soprattutto per la sua pratica di avvolgere le strutture architettoniche con sacchi di juta. Realizzati originariamente nel Sudest Asiatico e importati nel Ghana per trasportare i chicchi di cacao, questi sacchi diventano oggetti multifunzionali, impiegati sia dai venditori locali, che per diverse esigenze domestiche. Il materiale e il tragitto stesso della merce, la quale imprime nelle trame del suo involucro le tracce della propria storia, rappresentano il punto cruciale della ricerca di Mahama: l’indagine della memoria e del declino della storia, i frammenti culturali, lo scarto e la trasformazione futura di oggetti raccolti dall’ambiente urbano. Tramite l’analisi della loro storia, Mahama evidenzia come l’evoluzione nel tempo di questi oggetti denoti lo sviluppo e i cambiamenti nella società contemporanea.
Apertura: martedì - sabato 15:00 - 19:30.
  dettagli

6°Senso Art Gallery 21/10/2019 - 26/10/2019

mostra 6sensoartgallery lespiaggediantoniotamburro

Le spiagge di Antonio Tamburro

Le opere in mostra raffigurano un tema prediletto dall’artista a partire dagli anni '80, riproposto oggi sotto una nuova luce e un nuovo stile in continua evoluzione. I toni grigi, marroni, affiancati ai bianchi delle prime spiagge collocate in dimensioni sopite e meste, macchiate di nostalgia, cedono il passo a spiagge gremite di sdraio, popolate da colori iridescenti con figure distese sotto il sole cocente, per poi ritornare, con le opere in mostra, su coste desolate. In queste ultime, poche figure sono ritratte, colte nel momento dell’azione – donne intente a coprirsi dal sole, donne con il capo e il viso orientato a ricevere gli ultimi raggi, bambini intenti ad abbottonarsi i pantaloni, signori colti nell’attimo in cui si sollevano il costume – momenti di realtà contenenti l’incredibile fascino della spontaneità. L'occhio fotografico di Tamburro inquadra le sue figure in modo così naturale e spontaneo che queste mostrano una gestualità scarna di difese. Uno stile, posato, calibrato, essenziale. Dal caos delle città governate da macchie di colore alla quiete e silente marina, dove l’indiscusso protagonista è il mirabile colore blu sapientemente utilizzato dall’artista, dal blu notte a blu cerulo per passare al blu oltremare dei suoi cieli.
Apertura: lunedì 15:00 - 19:30 / martedì . Sabato 10:00 - 13:00 / 15:00 - 19:30.
  dettagli

Galleria Materia 22/10/2019 - 31/01/2020

mostra materia esposiziodifruttaeverdura

Esposizione di frutta e verdura - Giuseppe De Mattia

Esposizione di frutta e verdura, un progetto site specific a cura di Vasco Forconi.
In occasione della seconda personale negli spazi di Matèria, Giuseppe De Mattia prosegue la sua ironica indagine sulle modalità di produzione, vendita e consumo dell’opera d’arte. Gli stratagemmi e i dispositivi della compravendita, attivi tanto nella bottega del rigattiere quanto negli uffici di una galleria, vengono sottoposti a uno sguardo analitico, diventando strumenti per tracciare un racconto autoriflessivo dell’artista che si mostra, colto in flagrante, nella sua eterna contrattazione con galleristi, critici e potenziali collezionisti. Il mercato di frutta e verdura, per De Mattia luogo di grande fascinazione sin dall’infanzia, diventa qui un repertorio di forme e pratiche che l’artista seleziona, isola e traduce in una grande installazione ambientale. Tale fascinazione è innanzitutto estetica: la frutteria si rivela un luogo caratterizzato da un preciso vocabolario di odori, forme, colori e composizioni, in cui il gusto artigianale del mostrare, con le ingegnose modalità di un display spesso ridotto all’osso, diventa funzionale al successo economico.
Apertura: martedì - sabato 11:00 - 19:00.
  dettagli

Piazza di Pietra 16/10/2019 - 10/11/2019

mostra 28piazzadipietra excamerafrancocenci

Ex Camera -Franco Cenci

Ex camera nasce come progetto nel 2013. Prende spunto dalla volontà di ritrovare qualcosa che nella realtà si è perduto, ma che è ancora vivo nella mente e nel cuore. La prima camera che si chiede agli intervistati di ricostruire (attraverso il loro racconto) è un luogo intimo, ridisegnato dalla memoria, una memoria che pulisce e leviga la quotidianità come un osso di seppia. Gli interni, i dettagli architettonici e decorativi diventano specchio dell’anima di chi li narra, sospesi tra bozzetto socio-culturale e mitica ricreazione.
Apertura: lunedì - sabato 11:00 - 13:00 / 16:00 - 20:00 o su appuntamento
  dettagli

Galleria Gilda Lavia 15/10/2019 - 18/01/2020

mostra gildalavia onceuponatime

Once Upon a Time - Leonardo Petrucci

La Galleria Gilda Lavia di Roma ha il piacere di ospitare “Once Upon a Time”, mostra personale dell’artista Leonardo Petrucci.
L’insieme di opere che compongono la mostra, come evocato dal titolo della stessa, riflette sul concetto di tempo, il quale anziché essere spiegato e analizzato attraverso formule o dati scientifici, viene manifestato in tutta la sua complessa ambiguità.
La ricerca artistica di Petrucci, legata a tematiche particolari come la Geometria Sacra, l’Alchimia, la Cabala e l’Astrologia, analizza le proprietà mistiche e simboliche che questi concetti possiedono, spaziando da elementi microcosmici fino a quelli macrocosmici.
Con il corpus di lavori che compongono “Once Upon a Time”, l’artista sembra restituirci una sintesi di questa sua ricerca, proponendo un sovvertimento del concetto di tempo attraverso quelli che lui stesso definisce “cortocircuiti” fisici e concettuali. Il visitatore della galleria potrà così sperimentare una sorta di viaggio iniziatico, tra geometrie cosmiche e paradossi spazio-temporali.
Apertura: martedi - sabato 14:00 - 19:00.
  dettagli

Studio Stefania Miscetti 11/10/2019 - 16/11/2019

mostra studiostefaniamiscetti ignasimonreal

Ignasi Monreal - Mi manchi come il WI-FI

STUDIO STEFANIA MISCETTI è lieto di presentare Mi manchi come il Wi-Fi, prima esposizione personale in Italia dell'artista Ignasi Monreal, ideata e realizzata in collaborazione con Jack Wooley e Bernardo Moleón.
Ignasi Monreal, giovane artista nato a Barcellona e già attivo nel mondo dell'audiovisivo e della moda, dopo la sua prima mostra di oli a Madrid giunge a Roma con un progetto inedito, con il quale s’interroga sulle implicazioni del rapporto che ci lega alle neo-divinità tecnologiche, una su tutte Internet e la chiave di accesso ad esso, il dispositivo router.
Internet. Elemento etereo e inafferrabile che è entrato a far parte della vita di tutti i giorni e al quale non riusciamo più a rinunciare.
È con noi ovunque: invisibile ma pervasivo. Eppure una sua manifestazione fisica e tangibile esiste, il router Wi-Fi, che tuttavia non riceve alcun tipo di rilievo e dignità estetica nonostante si trovi ormai dappertutto.
Apertura: martedì - sabato 16:00 - 20:00.
  dettagli

Galleria Mario Iannelli 05/10/2019 - 15/11/2019

mostra galleriamarioiannelli resonace

Resonace

Galleria Mario Iannelli ha il piacere di presentare un progetto speciale dal titolo “resonance” in cui sarà possibile ripercorrere un'eco dei suoi cinque anni che riverbera nell’allestimento senza soluzione di continuità tra le nuove opere di Joe Clark, Dario D'Aronco, Paula Doepfner, Tom Esam, Felix Kiessling, Schirin Kretschmann, Cyrill Lachauer, Claus Philip Lehmann, Daniel Lergon, David Prytz, Sarah Ancelle Schoenfeld, Yorgos Stamkopoulos, Philip Topolovac.
Apertura: giovedì - sabato 15:00 - 19:00.
  dettagli

Magazzino 27/09/2019 - 20/11/2019

mostra magazzino opavivarabevetepiulatte

Opavivará - Bevete Più Latte

Founded in Rio de Janeiro in 2005, Opavivará! is a collective of artists, all four anonymous members of which received BFA degrees from the Parque Lage School of Visual Arts, Rio de Janeiro. Its practice, which incorporates installation, performance, publishing, sound, and video, involves the creation of participatory situations through interactive and ephemeral public interventions. While humorous and playful, these projects also comment on Brazil’s political corruption and economic disparity.
Apertura: martedì - sabato 11:00 - 20:00.
  dettagli

Indipendenza 26/09/2019 - 16/11/2019

mostra indipendenza alexandreestrelaumm sacordado

Alexandre Estrela UM MÊS ACORDADO

Um Mês Acordado esplora le capacità cognitive di un possibile spettatore insonne, interroga le modalità di percezione del reale e, in un certo senso, riproduce come in uno specchio lo sguardo di qualcuno bloccato permanentemente nello stato di veglia. La mostra percorre le cronache di un insonne, attraverso tecniche cinematografiche sperimentali semplici ma capaci di tendere “trappole percettive”, di attivare fenomeni entoptici, acufeni indesiderati e stati allucinatori di esperienza extracorporea, vicini al cosiddetto “cinema del prigioniero”.
Per condurre questo particolare esperimento comportamentale, INDIPENDENZA rimarrà aperta 24 ore al giorno, 7 giorni su 7, lungo l’arco di un mese, presentando opere di arte insonne a un pubblico senza pace.
Le immagini e i suoni inseguiranno lo spettatore, fino al punto in cui l’illusione diventa realtà.
Apertura: mercoledì - sabato 15:00 - 19:00.
  dettagli

Casoli de Luca 28/09/2019 - 21/12/2019

mostra casolideluca conwith

CONWITH

La galleria CASOLI • DE LUCA è lieta di presentare CONWITH, una mostra dedicata all’opera di Salvatore Falci che si terrà nella splendida sede di Palazzo Albertoni Spinola a Roma, dal 28 settembre al 21 dicembre 2019.
CONWITHè un gioco di parole bilingue che incarna il principio cardine della quarantennale ricerca di Falci nel campo delle arti visive: la necessità dell’altronell’atto della creazione artistica, la con-presenza come elemento imprescindibile dell’opera d’arte.
“La sua teoria parte dal principio del non intervento diretto dell'artista nell'opera”, scrive Roberto Pinto nel 1994, nella sua introduzione all’opera dell’artista. “Studia, e mette in atto, dei progetti dove interviene solo nella fase di preparazione, in modo da non essere mai lui stesso da determinante del risultato. Questo è creato, in modo del tutto spontaneo e naturale, dalla gente comune durante lo svolgimento delle normali attività. Questo è infatti ciò che interessa all'artista: raccogliere le testimonianze del quotidiano, quei piccoli gesti apparentemente insignificanti, ma che parlano della vera natura dell'individuo, quando è libero e inconsapevole”.
Apertura: lunedì - venerdì 10:00 -18:00.
  dettagli

Gagosian Gallery 19/09/2019 - 14/12/2019

mostra gagosian huma bhabhathe company

Huma Bhabha - The Company

The Company è in parte ispirata a “La Lotteria a Babilonia” (1941), un breve racconto di Jorge Luis Borges nel quale una società immaginaria è sopraffatta dal sistema di una lotteria incombente che dispensa ricompense e punizioni. La lotteria è presumibilmente diretta dalla Compagnia, un segreto, forse inesistente organismo che decide i destini delle persone. La processione di sculture di Bhabha svela il potere di questa Compagnia misteriosa. Questa comprende un paio di grandi mani disarticolate dal corpo che sembrano fluttuare su piedistalli trasparenti; una figura seduta; e numerose figure in piedi di diverse dimensioni. I disegni su fotografia richiamano questi personaggi, che potrebbero provenire da un lontano regno futuristico così come da una civiltà perduta. Le figure in piedi sono intagliate in pile di sughero scuro, emanante un acre odore di terra, e dal suo opposto tecnico, lo Styrofoam. Questi materiali, dall’aspetto duro e compatto, come pietre erose e marmi appena estratti, sono in realtà leggeri e morbidi e permettono a Bhabha di scolpire in maniera rapida e spontanea senza rifiniture. Il processo scultoreo diventa così una sorta di flusso di coscienza dal quale emergono mostri alieni, divinità della fertilità e kouroi greci.
I visi delle sculture di Bhabha simili a maschere sono allo stesso tempo maestosi e conturbanti. Dipinti in sorprendenti toni pastello—azzurro, malva, rosa e verde—richiamano i graffiti, nei quali la sporcizia urbana si mescola a interventi pittorici dai colori brillanti. Con i loro lineamenti folli da cartone animato rafforzati da un profetico bipedismo, le sculture di Bhabha sembrano sia prendere in giro che mettere in guardia, in quanto riflessioni sul e testimoni dell’orgoglio e del potere umano, della venerazione e dell’iconoclastia.
Apertura: lunedì - venerdì, 10:30 - 19:00.
  dettagli